Charlotte Casiraghi "Voglio una moda che non inquini il nostro pianeta" | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Charlotte Casiraghi “Voglio una moda che non inquini il nostro pianeta”

di Posted on
Condivisioni

Anche la giovane principessa ha il cuore verde. E da Monaco inizia una nuova battaglia per la salvaguardia del pianeta. Dopo la fondazione dello zio Alberto, ecco il giornale della nipote, Charlotte Casiraghi. Si chiama Ever Manifesto, 20 pagine king size sul tema dell’ecologia applicata alle discipline piu’ creative.

A presentare il primo numero sara’ Charlotte stessa (domani), a Biella. Ospite della kermesse CittadellarteFashion. Bio Ethical Sustainable Trend, promossa da Michelangelo Pistoletto e dal direttore di Vogue Italia, Franca Sozzani. Un evento che, con le creazioni di 11 stilisti emergenti selezionati a livello internazionale, esplora la contaminazione fra arte e moda per sviluppare un nuovo modello etico- sostenibile. Poche frivolezze, quindi, e tanta ricerca.

La ventitreenne Charlotte, eletta icona di stile dai media – insieme con Beatrice Borromeo e Charlotte Gainsburg – prende le distanze dai gossip dei tabloid che la ritraggono alle feste in abiti firmati, accanto al fidanzato Alex Dellal, e parla di moda, sua gran passione.

Ma sotto il profilo delle responsabilita’ sociali. Mi piacciono i bei vestiti come a tutte le donne, perche’ ti fanno sentire attraente. Questo settore, pero’, al di la’ dell’estetica ha anche altri valori, va visto salvaguardando l’eco sistema. Stella McCartney, stilista che ben conosce il problema, mi ha aiutato molto nel mio progetto.

Di che cosa si tratta?
Non sono perfetta e non sono un esperta in materia, cerco pero’, nel mio piccolo, di trasmettere un messaggio che sproni la gente a riflettere sulla tutela dell’ambiente. E lo faccio attraverso “Ever Manifesto”, non un giornale a scadenza fissa, bensi’ una pubblicazione gratuita che in questo primo numero parla del rapporto fra ecologia e moda, sottolineando gli aspetti scorretti del settore. Tremila copie distribuite in punti strategici. Durante le sfilate di Parigi e Milano e in corso Como 10. Ma fra qualche giorno sara’ anche on line (www.EVERmanifesto.com). L’idea e’ nata con due amiche, la photo editor Alexia Niedzielski e la pubblicitaria Elizabeth Von Guttman.

Chi finanzia il progetto?
Stavolta Loro Piana, poi vedremo. Uscira’ in tandem con grossi eventi legati alla moda, al design e all’architettura. A seconda del tema trattato, scriveranno esperti e giornalisti famosi. L’obiettivo e’ sensibilizzare anche le aziende. Tanti grandi marchi hanno perso clienti perche’ sfruttavano i minori. Era inevitabile. Anche il ritorno d’ immagine dipende dalla correttezza con cui si lavora.

Lei e’ laureata in filosofia, ma s’interessa al mondo della carta stampata. Una scelta controcorrente. Come nasce questa passione?
Non voglio diventare giornalista, ma adoro l’editoria. Ho fatto una stage a Parigi da Pierre Laffont; poi a Londra nella redazione del quotidiano Independent. Mi piace leggere e mi piace organizzare un giornale. Ma non ho ancora le idee chiare sul mestiere che faro’.

Ha scritto anche lei su Ever Manifesto?
Si’, ho intervistato Franca Sozzani su come la moda dovrebbe riorganizzare il ciclo produttivo in un’ottica ecologica. Ma ho scritto anche per altre riviste inglesi. In uno dei miei ultimi articoli-denuncia spiegavo perche’ i jeans sono il capo d’abbigliamento piu’ inquinante che ci sia.

Li ha eliminati dal suo guardaroba?
No, ma faccio attenzione a che cosa compro. Scelgo quelli in cotone organico, trattati con tinture non tossiche.

Oggi l’ecologia e’ molto di moda, come testimoniano i continui richiami all’ambiente da parte del presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Quando si e’ appassionata all’argomento?
Ho sempre vissuto in campagna, fra il verde e gli animali, vado a cavallo fin da piccola. Seguo con interesse la Fondazione di mio zio anche se per ora non partecipo alle iniziative. Ci sono stati tanti fatti legati all’attualita’ che mi hanno colpito convincendomi a occuparmi di ecologia. Uno di questi e’ l’inquinamento del Mediterraneo, rovinato dalla pesca eccessiva e dall’invasione di meduse.

Lei vive tra Parigi e Londra, ma frequenta anche Milano, come giudica queste tre citta’?
Parigi mi sembra una citta’ pulita. L’Inghilterra in generale e’ piu’ sensibile ai temi ecologici. Ci sono tanti negozi bio, la gente vive con piu’ coscienza l’argomento. Milano e’ in ordine. L’Italia, dopo lo scandalo dei rifiuti di Napoli, un problema che ho seguito con particolare attenzione sui giornali, sta dimostrando un maggiore coinvolgimento sui temi dell’ambiente.

Nel quotidiano come si traduce il suo rispetto per l’ecologia?
Cammino molto, prendo piu’ il treno che l’aereo. Mi piace mangiare e cucinare, opto pero’ per alimenti di stagione e locali. Non sono vegetariana, ma cerco di consumare poca carne. Insomma, mi sforzo con buon senso di limitare i danni causati in questi ultimi anni dagli sprechi scellerati, da uno stile di vita che e’ deleterio per tutti noi e per il mondo in cui viviamo.

Anche il vintage rientra nella sua filosofia eco-compatibile?
Eccome, posseggo una gran quantita’ di capi vecchi e li uso. Il riciclo e’ un altro punto fondamentale da difendere e sfruttare al meglio.