Bicitalia day, il 2 giugno manifestazioni in tutta Italia | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Bicitalia day, il 2 giugno manifestazioni in tutta Italia

Ciclotour, pedalate lungo itinerari storici e in mezzo alla natura: ecco il Bicitalia day, la giornata di "orgoglio da pista ciclabile" organizzata dalla Fiab

Condivisioni

Ciclotour, pedalate sulle orme dei longobardi, itinerari storici e in mezzo alla natura, manifestazioni su due ruote in tutta Italia: ecco il Bicitalia day, la giornata di “orgoglio da pista ciclabile” organizzata dalla Fiab e giunta alla sua ottava edizione. Domenica 2 giugno, ma in molti casi anche il sabato precedente, decine di associazioni della FIAB offriranno ai propri soci l’opportunità di pedalare lungo interessanti itinerari a carattere storico-culturali-naturalistico per promuovere BICITALIA, la rete ciclabile nazionale nata da un’idea-progetto della FIAB e diventato successivamente studio di fattibilità realizzato, sempre dalla FIAB, su incarico del Ministero dell’Ambiente nel lontano 2002. La mappa della percorribilità ciclistica nazionale – 17 mila Km di strade per le biciclette con itinerari nord-sud ed ovest est per pedalare da un capo all’altro dello Stivale, fu presentata per la prima volta nel 2000 a Torino in occasione di un convegno internazionale della FIAB insieme alla Provincia torinese. Il progetto di rete Bicitalia ha l’ambizione di mettere a sistema i migliori itinerari già esistenti con quelli di futura realizzazione.

Bicitalia si propone di colmare il ritardo del nostro Paese rispetto a numerosi Paesi europei che hanno fatto della rete ciclabile nazionale un bellissimo biglietto da visita per la sostenibilità, la riqualificazione paesaggistica e lo sviluppo del turismo in bicicletta. A tal proposito basti pensare al volano, anche in termini economici ed occupazionali, rappresentato dal recupero dagli oltre 5.000 km di ferrovie dismesse. L’Italia è in ritardo sulla costituzione di un sistema nazionale di percorsi ciclabili, come ad esempio la Svizzera, l’Austria, la Germania, la Danimarca e l’Inghilterra. La possibilità di pedalare in sicurezza in lungo e in largo per il Bel Paese anche in abbinamento con il treno, potrebbe essere un richiamo fortissimo per i turisti, ma manca ancora un sistema nazionale che garantisca la piena percorribilità e fruizione di questi cammini che noi abbiamo individuato.

I TENTATIVI DI SENSIBILIZZARE IL GOVERNO ALLE DUE RUOTE. “La FIAB in questi anni – dichiara Antonio Dalla Venezia, responsabile FIAB dell’Area Ciclorurismo e mobilità extraurbana – ha sviluppato interessanti rapporti istituzionali con Regioni e Province che stanno hanno portando ad alcuni tangibili risultati sia in termini di pianificazione che di concreta realizzazione. Basti pensare, a titolo di esempio, che dal prossimo autunno la Regione Veneto, all’interno del progetto REV, offrirà un network di itinerari ciclabile segnalati di oltre 1000 km, la maggior parte dei quali coincidenti con la proposta Bicitalia. Ma sono molte le regioni che sulla base del nostro progetto hanno pianificato la propria rete regionale, a partire dalla Puglia, che sta per stampare il road-book della Ciclovia Adriatica dal confine con il Molise a Capo di Leuca, per arrivare alla Lombardia e alla Toscana, passando per l’Umbria e il Friuli. “Con i precedenti governi – spiega Dalla Venezia – abbiamo provato a dialogare cercando di coinvolgere più ministeri.

LEGGI ANCHE: Decalogo di convivenza tra ciclisti e pedoni

Tuttavia le risposte sono state deboli e poco significative anche se, in alcuni casi, la qualità della nostra proposta è stata riconosciuta. Non a caso alla fine del 2012 il Ministero dell’Ambiente ha finanziato un progetto di promozione della rete Bicitalia attraverso l’aggiornamento e il miglioramento del sito dedicato, la realizzazione di materiale cartaceo, l’organizzazione di specifiche iniziative sul territorio, oltre che ad un’attività di coordinamento nei confronti delle Regioni”. “Confidiamo in ogni caso – conclude Dalla Venezia – in un diverso e più incisivo impegno di questo nuovo governo che tra i mille problemi dell’agenda politica, potrebbe trovare il tempo di riaffrontare il tema della rete ciclabile nazionale non solo come risposta alle esigenze di trasporto sostenibile ma anche per il rilancio di un’economia turistica ad alto valore aggiunto”

Molte le iniziative organizzate in tutta Italia dalle associazioni FIAB in occasione del “Bicitalia day”. Qui il calendario completo 

Il prossimo appuntamento sulla rete Bicitalia sarà a giugno, dal 19 al 23, per il cicloraduno nazionale della FIAB sulla ciclovia del Po e delle Lagune, coincidente con l’Itinerario n. 8 della rete transeuropea EuroVelo, Cadige – Cipro.

LEGGI ANCHE: Come costruire in casa una bici di bamboo

LEGGI ANCHE: