Questo sito contribuisce all'audience di

Aumentano i morti in bicicletta

di Posted on
Condivisioni

Andare in bici, uno stile di vita e di mobilità in forte aumento in Italia, è diventato più pericoloso. L’Aci ha diffuso i dati sugli incidenti stradali nel 2011, raccolti e catalogati dall’Istat, e si scopre così che gli incidenti in bicicletta, con relativi morti e feriti, sono in significativo aumento. Le vittime sulle due ruote sono aumentate nel 2011 del 7,2 per cento e i feriti dell’11,7 per cento, e ormai in Italia si muore più con la  bici che con il ciclomotore. Il triste fenomeno ha altri due aspetti collaterali che vanno interpretati: l’aumento degli incidenti in bici è in controtendenza rispetto alla diminuzione degli scontri stradali e l’età delle vittime è molto bassa.

LEGGI ANCHE: Salvaiciclisti: ecco gli otto punti per la sicurezza

In particolare, nel 2011 gli incidenti stradali nel nostro Paese sono stati 205.638, in diminuzione al contrario di quelli che hanno visto come vittime i ciclisti, e la fascia di età più colpita è quella compresa tra i 20 e i 39 anni. Che cosa significano questi numeri? La risposta è che andare in bicicletta, una scelta che si traduce in risparmi, minore inquinamento e benessere, è ancora troppo pericoloso in Italia. Le piste ciclabili non sono attrezzate a sufficienza, la tolleranza degli automobilisti e dei motociclisti rispetto ai viaggiatori a pedali è ancora troppo bassa. Eppure è stato lo stesso premier Mario Monti a condividere pubblicamente la scelta degli italiani a favore della bicicletta: per coerenza, ci aspettiamo dal governo qualche decisione forte e chiara per rendere più sicura la vita dei ciclisti. 

LEGGI ANCHE: Monti dia un segnale sui ciclisti