Riciclo creativo, in Franciacorta il Castello dove i rifiuti diventano arte

Condivisioni

Una gita all’insegna del riciclo creativo, questa volta non da realizzare con le proprie mani, ma da ammirare con gli occhi in una splendida passeggiata in mezzo a un parco pieno di opere d’arte che derivano dai rifiuti. Piaceranno anche ai più piccoli, che si troveranno in un parco divertimenti realizzato praticamente a costo zero: sarà l’occasione per spiegare loro che con la creatività tutto si può trasformare in arte, persino i rifiuti. Stiamo parlando del Castello Quistini, in Franciacorta: qui sono esposte decine di oggetti unici tra giardini di rose e ortensie.

In questi anni fare la raccolta differenziata e riciclare carta e plastica è diventato un dovere per tutti i cittadini. Ridurre gli sprechi e riuscire a differenziare i nostri rifiuti per la difesa del nostro ambiente ci richiede a volte un po’ di impegno e qualche piccola difficoltà ad abituarci ma mai come oggi l’ecosistema ha bisogno della nostra attenzione e della nostra cura. Negli ultimi anni ha preso piede la tendenza a trasformare in curiose opere d’arte realizzate con i più comuni materiali di scarto; saldandoli e fondendoli tra loro nascono forme e figure nuove e dal silenzio delle discariche prendono vita sempre più spesso vere e proprie opere d’arte. E’ proprio quello che succede a Castello Quistini grazie alle abili mani di Marco Mazza, proprietario del palazzo e progettista dello splendido giardino botanico in cui, nascosti tra i cespugli spuntano animali realizzati con lamiere arrugginite o vecchie batterie d’auto, piastre e barattoli di ferro. Il riciclo creativo – spiega Marco Mazza – aiuta anche a prestare maggiore attenzione ai nostri rifiuti. E’ strabiliante quando l’abitudine a realizzare divertenti opere come queste aiuti poi a osservare i nostri scarti con occhi diversi: oggetti non più utilizzati scoprono nuove dimensioni.”

Dai nostri scarti nascono così animali come l’aragosta, lumache giganti, tartarughe e anatre, ma anche figure scolpite nel legno che nel bellissimo giardino botanico di Castello Quistini accompagnano il visitatore in un percorso tra giardini, storia e arte. Il palazzo, i suoi giardini e le curiose opere d’arte sono visitabili tutte le domeniche e festivi dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 18,00.

Nessun commento presente

Che ne pensi?