Rimedi naturali reflusso gastroesofageo | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Reflusso gastroesofageo: i rimedi naturali per evitare i farmaci. Niente sigarette, tè e caffè

Bruciore e rigurgito: con il reflusso, tra l’altro, si rischia di non dormire. Prima dei medicinali, provate con una semplice prevenzione. Per esempio: evitate pasti abbondanti e dormite con il capo leggermente elevato

RIMEDI NATURALI REFLUSSO GASTROESOFAGEO

Un bruciore intenso dietro lo sterno, che può perfino impedire di dormire bene. E un rigurgito acido, che infastidisce l’intero organismo. Sono i due sintomi più evidenti del reflusso gastroesofageo, la patologia che si manifesta quando i succhi gastrici vengono in contatto con la parete dell’esofago. La soluzione più frequente, spesso senza neanche consultare il medico, è di ricorrere rapidamente ai medicinali. Senza valutare le possibili controindicazioni. Sprecando così soldi e salute, in quanto prima di qualsiasi terapia a base di farmaci esistono prevenzione e rimedi naturali a costo zero.

CHE COS’È IL REFLUSSO GASTROESOFAGEO

Il reflusso gastroesofageo si verifica quando i succhi gastrici entrano a contatto con la parete dell’esofago. Il passaggio di acido dallo stomaco all’esofago avviene fisiologicamente nel corso della giornata, in particolar modo dopo i pasti. Ma quando si oltrepassa una certa soglia e questo tipo di evento diviene continuativo, si manifesta una vera e propria condizione patologica, con l’insorgenza di sintomi quali:

  • Bruciore retrosternale
  • Rigurgito acido in bocca
  • Sensazione di nodo alla gola
  • Difficoltà in fase di deglutizione
  • Problemi digestivi
  • Nausea
  • Dolore toracico simile a quello di natura cardiaca
  • Laringite cronica, raucedine e abbassamento della voce

LO STILE DI VITA CHE AIUTA CONTRO IL REFLUSSO GASTROESOFAGEO

Il reflusso gastroesofageo è causato da diversi fattori, come quelli alimentari, funzionali, anatomici e farmacologici. Nella manifestazione di questo  disturbo, che interessa circa il 20% della popolazione europea, anche errate abitudini di vita svolgono un ruolo determinante, come rilevato dall’American Gastroenterological Association.

LEGGI ANCHE: Alimenti ricchi di fibre, dalla frutta ai legumi. Tutti i benefici per noi, dal cuore all’intestino

Seguire alcune sane consuetudini nella vita di tutti i giorni può quindi risultare di grande aiuto per contrastare la sintomatologia caratteristica del reflusso, evitando in molti casi la necessità di ricorrere a medicinali. Scopriamo le principali.

  • Smettere di fumare
    Le sigarette impediscono allo sfintere esofageo di lavorare correttamente. E creano così le condizioni per le quali i succhi gastrici vengono in contatto con la parete dell’esofago. A causa della nicotina, inoltre, accade che nell’intestino del fumatore i cibi arrivino con una carica acida più elevata. Nel lungo termine, ciò si traduce nell’insorgenza di lesioni alla mucosa del duodeno, la prima porzione dell’intestino tenue, provocando un aumento dell’irritazione dello stesso nonché una crescita nella sensazione di bruciore.

  • Perdere peso, anche camminando
    Compiere una regolare attività fisica rappresenta sempre un valido aiuto, in primo luogo per le persone in sovrappeso, soggetti in cui il reflusso gastroesofageo è più frequente. Ma chiunque soffra del disturbo può trarre giovamento dall’esercizio fisico, poiché favorisce l’ossigenazione sanguigna e coadiuva il processo digestivo. Qualsiasi attività fisica va tuttavia preferibilmente svolta lontana dai pasti, in modo da non ostacolare la digestione in corso.

  • Dormire con il capo e il busto leggermente elevati
    Il riposo e il sonno possono diventare un momento complesso per chi soffre di reflusso gastroesofageo. Le ore notturne, tipicamente da mezzanotte alle 3 di mattina, e la posizione sdraiata sono due dei contesti in cui disturbo tende a manifestarsi con più frequenza e con maggiore intensità. Una buona prassi è perciò quella di dormire in posizione non completamente orizzontale ma con un cuscino alto dietro la schiena, mantenendo la testa e il busto leggermente sollevati, così da formare un angolo di trenta gradi. Questa accortezza impedisce la risalita del contenuto dello stomaco mentre si riposa.

    reflusso gastroesofageo

  • Evitare pasti abbondanti
    Il reflusso gastroesofageo può essere tenuto a bada anche attraverso una dieta corretta. Il primo accorgimento consiste nell’evitare pasti eccessivi, soprattutto nelle ore serali. Assolutamente da mettere al bando sono poi i pasti consumati in fretta. È cosa nota che la prima digestione avviene in bocca, non solo perché la saliva contiene una sostanza dall’azione digestiva, ma anche perché una corretta masticazione favorisce l’attività gastrica. Attenzione, quindi, a non trangugiare cibi con troppa rapidità. La prima saggia regola consiste nel masticare lentamente e accuratamente.

  • Gli effetti dello stress
    Anche stati di ansia prolungati e stress possono condizionare il reflusso gastroesofageo. Sebbene non sia facile stabilire una vera relazione di causa-effetto, è tuttavia appurato come lo stress sia in grado di incidere sulla motilità gastrica e intestinale, alterando così i processi digestivi. Tenere sotto controllo, nei limiti del possibile, la tensione nervosa costituisce di conseguenza un ulteriore toccasana  nella battaglia contro il reflusso gastroesofageo. Largo spazio, perciò, a rimedi quali pause rilassanti, meditazione, sport o lunghe passeggiate, possibilmente a contatto con la natura.

  • Avere una postura corretta
    Cerchiamo di correggere la nostra postura, imparando nel contempo a respirare correttamente. Scoliosi e cifosi dorsale nonché altre problematiche che limitano il movimento del diaframma tendono a peggiorare il reflusso gastroesofageo. La ginnastica posturale unita ad altre tecniche che consentono di respirare meglio possono di contro essere un buon aiuto.

I CIBI DA EVITARE PER IL REFLUSSO GASTROESOFAGEO

Anche il regime alimentare che si segue ogni giorno è alla base della cura e della prevenzione del reflusso gastroesofageo. In linea generale, le buone abitudini nutritive per chi soffre di questo disturbo includono:

  • Pasti controllati sotto il profilo della quantità di cibo consumato, così da facilitare la digestione;
  • Corrette combinazioni alimentari che prevedano pietanze poco elaborate, evitando cibi fast food e acidificanti.

Nell’elenco degli alimenti e delle bevande da mettere al bando o perlomeno da limitare il più possibile, si annoverano:

  • Caffè e tè
  • Alcolici
  • Bibite gassate
  • Cibi grassi e fritti
  • Pomodori
  • Cipolla
  • Aglio
  • Agrumi
  • Piatti speziati
  • Cioccolata
  • Menta
  • Ketchup e senape

Da evitare anche l’abitudine di masticare chewin gum poiché aumenta la quantità di aria presente nella sacca gastrica, favorendo il reflusso.

I CIBI ADATTI CONTRO IL REFLUSSO GASTROESOFAGEO

La dieta più idonea a contrastare il reflusso gastroesofageo prevede invece cibi e bevande quali:

  • Carni bianche
  • Pesce
  • Verdure cotte
  • Zenzero
  • Camomilla
  • Malva
  • Succo di liquirizia, dall’effetto antinfiammatorio

GLI ALIMENTI CHE CI AIUTANO A MANTENERCI IN SALUTE:

  1. Proprietà e benefici del grano tenero: un cereale antico, prezioso per la salute e il benessere dell’organismo
  2. Noci: ne bastano 3 al giorno per fare il pieno di proprietà importanti per la salute. Consigli e ricette per utilizzarle in cucina
  3. Tamarindo: le proprietà e i benefici per la salute di un frutto che favorisce la digestione e combatte i radicali liberi
  4. Tutti i benefici per la salute delle fragole, un prezioso alleato anche della nostra bellezza
  5. Uova, non credete ai falsi miti: non fanno ingrassare. Semmai aiutano occhi e cuore. Tutti i benefici per la salute
Shares

Nessun commento presente

Che ne pensi?