Questo sito contribuisce all'audience di

Afte: cause, sintomi e rimedi delle dolorose ulcere che colpiscono la bocca. Evitate caffè e spezie. No ad alcol e fumo

Sono numerosi i fattori che possono scatenare la comparsa delle afte, ulcere della cavità orale che tendono a ripresentarsi. Alcuni semplici accorgimenti permettono però di favorire la guarigione. Ecco tutti i rimedi

Condivisioni

RIMEDI PER CURARE LE AFTE

Vi è mai capitato di avere in bocca delle piccole ulcere biancastre o grigiastre molto fastidiose? Queste lesioni, assolutamente non contagiose, si chiamano afte. Si manifestano sulla parte interna delle guance e delle labbra, sul palato e sulle gengive e generalmente guariscono in tempi rapidi. L’inconveniente più grande è il dolore intenso che provocano. Talmente forte da rendere spesso difficile azioni del tutto normali, come bere, mangiare o lavarsi i denti. Le afte tendono a ripresentarsi periodicamente, con una frequenza che varia da persona a persona. Non esistono farmaci capaci di prevenirle, ma determinate buone abitudini nella vita di tutti i giorni rappresentano un aiuto prezioso per accelerare la guarigione.

LEGGI ANCHE: La psoriasi inizia ai gomiti e alle ginocchia. Ma si può sconfiggere con 10 rimedi naturali. Dallo shampoo al catrame ai bagni termali (foto)

CAUSE DELLE AFTE

Le cause delle afte non sono ancora del tutto chiare. Sono stati tuttavia individuati diversi fattori scatenanti che favorirebbero l’insorgenza delle mini ulcere. Un ruolo essenziale nella comparsa delle afte è giocato da:

  • Disposizione genetica
  • Allergie alimentari
  • Carenze nutrizionali
  • Applicazione errata di protesi dentarie
  • Reflusso gastroesofageo
  • Stress
  • Squilibri ormonali
  • Herpes labiale
  • Piccoli traumi locali di varia natura, come morsi accidentali, un uso sbagliato dello spazzolino da denti o lievi scottature
  • Vizio del fumo
  • Agenti microbiologici, tra cui lo streptococco orale
  • Alterazioni endocrine
  • Disturbi del sistema nervoso

PER APPROFONDIRE: Depurare il fegato, i consigli e i rimedi naturali per mantenersi in salute. Al mattino, acqua e limone

SINTOMI DELLE AFTE

L’afta inizia a manifestarsi con comparsa di dolore e bruciore sulla mucosa interessata. Nell’arco di ventiquattro ore, appare una piccola area arrossata, che successivamente dà spazio a un’erosione di forma ovale e di colore grigiastro o bianco-giallastra. La maggior parte delle lesioni scompaiono in due settimane, senza lasciare cicatrici. Mediamente, le ulcere non superano un centimetro di grandezza, tranne in alcuni soggetti in cui possono risultare più ampie e profonde. In questi casi, la guarigione può prolungarsi fino a sei settimane. I tempi possono allungarsi anche quando le afte insorgono in regioni del cavo orale in cui si verifica un contatto costante con i denti o con gli alimenti, che provoca traumi ripetuti nel corso della giornata. Le afte possono essere accompagnate da linfonodi nel collo e, a volte, senso di malessere e febbre

RIMEDI PER LE AFTE IN BOCCA 

Non esistono farmaci miracolosi per curare le afte. I trattamenti attualmente disponibili servono ad alleviare i sintomi e a favorire la cicatrizzazione delle ulcere. Tra questi possiamo ricordare:

  • Collutori e gel antisettici a base di clorexidina
  • Collutori contenenti principi attivi antinfiammatori
  • Cerotti bioaderenti a base di sostanze come l’aloe vera, dall’azione antisettica, lenitiva e, antinfiammatoria
  • Acido ialuronico in gel

La scelta terapeutica varia a seconda delle caratteristiche dell’afta (dimensione, frequenza delle recidive, numero delle lesioni) e delle necessità specifiche dei pazienti.

PER SAPERNE DI PIÙ: Curare i piedi, i rimedi naturali e le buone abitudini per evitare fastidiosi disturbi come calli, verruche e infezioni

COME CURARE LE AFTE

Accanto al trattamento, alcune accortezze permettono di velocizzare la guarigione delle afte. Ecco le più efficaci:

  • In presenza di queste fastidiose ulcere orali può esservi utile assumere probiotici per ripristinare la flora batterica e rafforzare il sistema immunitario
  • Non fatevi mancare mai una corretta igiene orale
  • Evitate tutti i cibi che possono provocare irritazione, come caffè, zuppe calde, spezie, pepe, peperoncino, aceto e agrumi
  • Abolite bevande calde, alcol e fumo
  • Soprattutto nei cambi di stagione, su prescrizione medica può risultarvi utile assumere integratori a base di vitamina B, la cui carenza può favorire la comparsa delle afte

Sul piano della prevenzione non potete fare molto, ma una dieta ricca di frutta e verdura può essere un valido aiuto. Anche il consumo di alimenti ricchi di vitamina A, B ed E appare efficace per prevenire il disturbo. Non dimenticateli.

QUANDO PREOCCUPARSI

Le afte di per sé sono benigne. Possono tuttavia essere associate a malattie sistemiche o essere confuse con altre lesioni del cavo orale, potenzialmente pericolose. È consigliabile che vi rivolgiate a uno specialista medico nei casi in cui:

  • L’afta è eccezionalmente grande
  • Le lesioni si ripresentano con frequenza molto ravvicinata
  • L’afta non si è ancora cicatrizzata dopo tre settimane dalla sua insorgenza
  • Si evidenziano segnali di infezione nell’area colpita dal disturbo
  • Si manifestano contemporaneamente sintomi sistemici, come febbre, perdita di appetito o di peso, che suggeriscono la possibile presenza di qualche patologia.

I RIMEDI NATURALI PER MANTENERSI IN SALUTE:

  1. Couperose: le cause, i sintomi e i rimedi naturali per combatterla in maniera efficace. Evitate il fumo e a tavola via libera a frutti di bosco e uva
  2. Prurito: le cause e i rimedi naturali per combatterlo. Preferite il bagno alla doccia, aggiungendo nell’acqua dell’amido di riso
  3. Verruche, non sprecate inutili medicine. Vanno via da sole. Oppure con aglio, cipolla, limone. E altri rimedi naturali (foto)
  4. Tartaro e placca, i gesti semplici per evitare entrambi. Lavate i denti con calma, almeno per due minuti. E usate filo o scovolino (foto)
  5. Dolore al ginocchio, la prima cosa da fare è un impacco di ghiaccio. Niente fasce elastiche: non servono a nulla. Meglio olio di cocco e di oliva e argilla verde. Gli esercizi da fare