Come coltivare l'iperico, anche in vaso | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Iperico: come si coltiva in giardino e in un vaso

Pianta rustica con bellissimi fiori gialli a forma di stella. Dai quali si ricava l’olio di iperico, ottimo cicatrizzante naturale

di Posted on

Una pianta morbida, elegante, con fiori di un paio di centimetri, facilmente riconoscibili per il loro colore: l’iperico è una pianta che cresce spontaneamente, senza troppe difficoltà. Il genere Hypericum, motto diffuso in Europa, Asia e America del Nord, conta circa 400 specie, sempreverdi o spoglianti, per le quali l’altezza varia dai 30 ai 70 centimetri. Le specie e gli ibridi più usati in giardino sono una dozzina (la più) conosciuta è H. calycinum, mentre un ibrido motto diffuso è H. hydcote). Sono di facile coltivazione e con bellissime e appariscenti fioriture di colore giallo a forma di stella.

IPERICO

Nell’antica Grecia ai bellissimi fiori dell’iperico, a forme di stelle, venivano riconosciuti significative qualità terapeutica. Si usavano, infatti, per cicatrizzare le ferite e anche come antidepressivi naturali. Oggi la pianta dell’iperico, detta anche Erba di San Giovanni, è molto coltivata, persino in un semplice vaso, e cresce bene anche in giardini rocciosi.  Un’ottima compagna dei fiori di iperico è la rosa e da questi fiori si ricava il prezioso olio di iperico.

LEGGI ANCHE: Stella di Betlemme, come si coltiva e quando si pianta

ESPOSIZIONE E CLIMA

L’iperico ama i climi temperati. La temperatura ottimale è di 15-20 °C, ma alcune specie possono anche resistere a una temperatura di -10 °C. Prospera meglio in pieno sole.

TERRENO E CURE COLTURALI

Essendo una pianta rustica, l’iperico non ha particolari esigenze, si adatta anche a substrati poveri e sabbiosi. Non richiede cure o concimazioni. Potare al livello della terra in caso di imbrunimento di rami e foglie nel periodo invernale o in primavera.

IRRIGAZIONE

Resiste senza problemi alla siccità e se viene coltivata in giardino può bastare l’acqua piovana.  Non richiede annaffiature, tranne che in estate quando, specie con le temperature alte, bisogna intervenire.  Sempre senza esagerare per evitare ristagni idrici.

PER APPROFONDIRE: Come coltivare le rose, un fiore meraviglioso in grado di decorare balconi e giardini

SEMINA E FIORITURA

La propagazione dell’iperico avviene per talea prelevata in maggio-giugno. La semina si esegue tra settembre e ottobre, ma potete allungarvi fino a novembre.  La fioritura va da giugno a settembre.

PROBLEMI E RIMEDI

L’unica malattia che può colpire I’iperico è la ruggine a causa della quale la pianta presenta foglie con piccole macchie gialle o arancioni e rallenta la sua crescita. Curare con prodotti specifici.

I FIORI DA COLTIVARE IN GIARDINO:

  1. Come coltivare le camelie nel vaso e in giardino
  2. Come coltivare gelsomino nella terra o in un vaso
  3. Calendula: il fiore che protegge l’orto
Share

<