Questo sito contribuisce all'audience di

Le migliori fioriture di fine estate: i dieci fiori per avere profumo e colore anche a fine estate (foto)

Dal bellissimo lillà delle indie alle ortensie, i dieci fiori per chi non vuole rinunciare alla bellezza anche in autunno. Volete un fiore particolare e assai spettacolare? Scegliete l'ibisco, varietà Blue Chiffon. Il fiore più strano? Il trombone d'angelo

Condivisioni

DIECI MIGLIORI FIORI DI FINE ESTATE

Se il giardino o il terrazzo iniziano a sembrare tristi quando agosto finisce e settembre è alle porte, è tempo di pensare a coltivare piante e arbusti che fioriscono in tarda estate. Alcuni di questi arbusti che vi presentiamo iniziano a fiorire all’inizio dell’anno, ma continuano a sbocciare fino a settembre (o anche oltre). Altre sono semplicemente varietà che fioriscono in ritardo. In ogni caso, sono alleati preziosi da avere in giardino se vogliamo avere una fioritura quasi continua.

LEGGI ANCHE: Cercate fiori insoliti per la vostra casa? Da mettere dentro o negli spazi esterni? Ecco i 10 più belli, e come trovarli

LE MIGLIORI FIORITURE DI FINE ESTATE

Rosa Candy oh!

Probabilmente questo nome potrà confondere, e infatti è solo una delle tre denominazioni con cui si trova in commercio, e più precisamente è il nome della varietà appositamente creata. Più facilmente la troverete nei vivai chiedendo una rosa Vivid Red o Rosa Zlemartincipar, da denominazione.

È una pianta che fiorisce all’inizio dell’estate, continuando a farlo praticamente senza sosta per tutta l’estate. Darà colore e profumo in giardino o in terrazzo nei mesi di giugno, luglio, agosto, settembre e, supponendo che si eviti il ​​gelo, fino a ottobre.

Buddleja, o Miss Ruby Butterfly Bush

In alcune zone è considerata una pianta infestante, quindi verifichiamo sempre se sia considerata infestante nella zona in cui viviamo.

È una pianta poco esigente, anche se ama i posti caldi e soleggiati. Potatela in modo energico in primavera per ottenere un’abbondante fioritura in tarda estate. Attenzione al freddo: non può sopravvivere ai climi molto rigidi.

Ibisco cinese, o rosa di Sharon (Hibiscus Syriacus)

La varietà detta “Sugar Tip” è una delle più interessanti. Ha fiori bicolori ed è famosa grazie ai film ambientati alle Hawaii, poiché è il fiore che forma le ghirlande che vediamo al collo degli indigeni e delle indigene. Per tutta l’estate produce fiori in tutti i colori tranne il blu. In vaso vive bene se si adottano le condizioni giuste per l’inverno.

Ibisco Blue Chiffon

Alcune varietà di ibisco cinese hanno fiori blu polvere e il blu Chiffon è una di queste. Valgono le stesse regole di cura dell’ibisco cinese del punto precedente.

Ibisco palustre (Hibiscus Moscheutos)

Originario del sud degli Stati Uniti e dell’Asia, l´Hibiscus moscheutos è conosciuto con il nome ibisco palustre. Lascia a bocca aperta durante la fioritura, con un tripudio di fiori bianchi o rosa che sbocciano nel periodo estivo fino a settembre.

Caryopteris clandonensis

Il Caryopteris clandonensis, o Heavenly blue, è un arbusto che dalla seconda metà di agosto fino ai freddi autunnali produce fiori deliziosi blu-lavanda. Questa pianta è perfetta per attrarre le api.

Ortensia paniculata (Ortensia PeeGee)

Chiunque voglia un giardino o un terrazzo fiorito anche a fine estate non può perdere questa pianta: darà nuova vita ai nostri ambienti esterni in agosto, settembre e nei mesi autunnali.

Russian Sage (Perovskia atriplicifolia)

Proprio come l’arbusto di ortensia PeeGee, la Russian sage, è facilmente scambiato per un albero perenne. tecnicamente, però, è un arbusto, che fiorisce a fine estate per la gioia di chi non vuole rinunciare a profumo e colore dei fiori in agosto e settembre. Se non ci interessa molto la cura del verde del giardino, è la pianta giusta: richiede cure minime. Dalla primavera inoltrata, fino all’estate, sbocciano piccoli fiori blu, simili ai fiori di lavanda, riuniti in lunghe spighe, che rendono la perovskia una pianta decorativa con un impatto estetico fortissimo.

Trombone d’angelo (Stramonio arboreo)

Un fiore un po’ “fuori dagli schemi” da non confondere con la Datura. Lo stramonio arboreo è originario dell’America sudoccidentale, e, sebbene non risulti più presente allo stato naturale, viene coltivata più o meno dovunque purché sia riparata dal gelo durante l’inverno. Fiorisce da giugno fino ad autunno inoltrato. Fate attenzione, le foglie contengono una grande quantità di scopolamina, sostanza tossica.

Lillà delle Indie

Uno dei più begli alberi da avere in giardino. Originario del sud-est asiatico, ci regala dei bei colori autunnali su toni di rosso e arancione. La fioritura a grappolo dura per tutta l’estate, con colori che vanno dal bianco al rosso passando per tutte le sfumature del viola. Il lillà delle Indie si adatta a tutte le zone tranne in montagna.

FIORI E PIANTE PER I NOSTRI TERRAZZI