Come proteggere e prevenire le malattie della tiroide - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

I cibi che proteggono la tiroide. Pesce, molluschi, uova e latte. Il sale è da ridurre

Anche lo zucchero è dannoso. Fanno bene i bagni al mare, il riposo, le passeggiate, e l’attività sportiva con esercizi a corpo libero. Sei milioni di italiani hanno problemi con la tiroide. E sono costretti a usare farmaci

Una piccola ghiandola, non più di 7 centimetri, con una forma che richiama l’ossatura di una farfalla, piazzata alla base del collo: ma preziosa per l’equilibrio del nostro metabolismo, per un corretto battito cardiaco e per il funzionamento dei nostri organi. Parliamo della tiroide, che va protetta con una buona, semplice e naturale prevenzione. A costo zero. E sapendo che in caso contrario si rischia di entrare nel girone infernale delle persone che soffrono di disturbi legati al cattivo funzionamento di questa vitale ghiandola. Malati costretti a prendere medicinali per tutta la vita ed a sottoporsi a interventi chirurgici.

COME PROTEGGERE LA TIROIDE

Secondo i dati dell’Istituto superiore della Sanità, in Italia sei milioni di persone soffrono di malattie alla tiroide, e di queste ben il 70 per cento sono donne. Più di 4 milioni. Un trend in aumento, anche per fattori genetici: 1 neonato su 3.000 nasce con la tiroide che funziona troppo o troppo poco.

LEGGI ANCHE: Cuore in estate, ecco come si protegge. Dieci consigli da tenere ben presenti

COME PREVENIRE LE MALATTIE DELLA TIROIDE

La tiroide, ricordiamolo, è una ghiandola che si trova nella parte anteriore del collo e regola con i suoi ormoni tiroidei (Tiroxina, T3, e Triiodotironina, T4) le funzioni metaboliche, le ossa e l’apparato vascolare. Non solo. Specie nelle donne la tiroide interviene anche in altre funzioni come la corretta idratazione della pelle, la regolarità del ciclo mestruale e la crescita dei capelli. Dunque bisogna difenderla.

CIBI CHE PROTEGGONO LA TIROIDE

 Ecco alcuni consigli utili e semplici per fare prevenzione nel modo giusto:

  • Il primo strumento di difesa della tiroide è rappresentato da una corretta alimentazione. Lo iodio è un minerale che contribuisce allo sviluppo e al buon funzionamento della ghiandola tiroidea e dunque abbondate a tavola con il pesce che ne contiene in significative quantità.  Oltre che nel pesce, lo iodio lo trovate nei molluschi, nel latte e nelle uova.  
  • Lo iodio lo possiamo accumulare anche a costo zero, semplicemente andando al mare.  I medici di solito consigliano agli ipotiroidei proprio le vacanze sole-spiaggia-mare. Salvo due piccole precauzioni: evitare le passeggiate sulla battigia e fare il bagno quando lo iodio è presente in maggiore quantità. Cioè al mattino presto, al tramonto e nei giorni di mare mosso.
  • Riducete invece il sale ed eliminate lo zucchero bianco raffinato. Meglio quello di canna e il miele.
  • Altri cibi da ridurre: carne rossa e prodotti con eccessivo glutine. Per chi ha problemi con la tiroide sono da evitare o da mangiare con moderazione i cibi cosiddetti “gozzigeni”: cavoli, broccoli, cavolfiori, rape, ravanelli, miglio, cereali integrali.
  • Cibi da assumere: legumi, cereali, verdure (innanzitutto asparagi e spinaci), frutta (banane e kiwi). Bene anche i tuberi, a partire dalle patate.  Qui scatta un altro elemento utile per la tiroide: il selenio, un antiossidante prezioso per la sintesi degli ormoni tiroidei.
  • Evitate alcol e caffeina. Non aiutano e possono provocare problemi, specie se bevuti con dosi eccessive.
  • Bevete sempre molta acqua nel corso della giornata. E fate attività fisica, specie, per la tiroide, esercizi a corpo libero.  Alla tiroide fanno bene il riposo e le passeggiate. 
  • Se i valori delle analisi sono troppo alti, rivolgetevi comunque al medico che vi indicherà i farmaci giusti. Non fate mai ricette e diagnosi fai-da-te.

RIMEDI E CONSIGLI UTILI PER MANTENERSI IN SALUTE:

Shares