Questo sito contribuisce all'audience di

Cibi salvavita

di Posted on
Condivisioni

 

di Donatella Coviello
Aiutano a contrastare l’invecchiamento e anche la comparsa di diverse patologie come il cancro, le malattie infiammatorie croniche e quelle degenerative. Sono i cibi ricchi di antiossidanti, sostanze in grado di neutralizzare i radicali liberi, i principali responsabili delle alterazioni della membrana cellulare.
I RADICALI. Inquinamento, fumo, stress, raggi solari e cattiva alimentazione, oltre a normali funzioni dell’organismo, contribuiscono alla formazione dei radicali che, se presenti in quantità maggiori di quanto il sistema immunitario non sia in grado di annientare, accelerano i processi di invecchiamento e favoriscono l’insorgenza di malattie. Ecco perché riveste un ruolo importante un’alimentazione attenta, in particolare ricca di sostanze antiossidanti come la vitamina A, C ed E, i carotenoidi, i polifenoli e le antocianine.
Aumentare il consumo degli alimenti con sostanze protettive
«Devono essere ridotti, ma non eliminati» dice Rosalba Galletti, specialista in diabetologia e malattie metaboliche «tutti quei cibi che aumentano il danno cellulare quali la carne, i fritti e i grassi idrogenati come la margarina. Bisogna invece fare prevenzione mangiando in maniera sana, cioè preferendo gli alimenti che contengono le sostanze protettive: frutta, in particolar modo i frutti di bosco, e verdure, meglio se di stagione».
FRUTTA E VERDURA. La raccomandazione arriva anche dalla Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt). «L’errata alimentazione» spiega il presidente nazionale Francesco Schittulli «causa il 35% di tutti i tipi di cancro, mentre il fumo il 30%. Quindi mangiando correttamente ed evitando le sigarette, potremmo contrastare la maggior parte delle forme tumorali. La dieta deve essere ricca di cibi antiossidanti, soprattutto frutta e verdura fresche, ma povera di oli di origine animale. È da favorire invece il consumo di olio extravergine di oliva, che ha effetti benefici sia sul cancro che rispetto alle malattie metaboliche».
LA SCALA ORAC. Ma quali sono i cibi che contengono più antiossidanti? Il dipartimento dell’agricoltura americano ha messo a punto una scala, detta Orac (Oxygen radical absorbance capacity), che misura appunto la capacità di assorbimento dei radicali. Per beneficiare degli effetti dei cibi antiossidanti è però necessario assumere almeno 5.000