Questo sito contribuisce all'audience di

Il caffè non è cancerogeno: la sentenza dell’Agenzia internazionale sul cancro

Finalmente vengono smontate, sul piano scientifico, le ipotesi fatte negli anni Novanta. L’Agenzia per la ricerca sul cancro, che fa capo all’Oms, ha esaminato più di 500 indagini. E alla fine il caffè è stato assolto.

Condivisioni

CAFFÈ NON È CANCEROGENO –

A questo punto non ci sono più dubbi: il caffè non è cancerogeno. E non può essere classificato come una sostanza che bevuta, specie in quantità significativa, può portare all’insorgere di tumori.

La sentenza definitiva a favore del caffè arriva dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc), ovvero la massima autorità internazionale, sanitaria e scientifica, per la ricerca e la classificazione dei vari tumori, che fa capo all’Organizzazione mondiale della Salute.

LEGGI ANCHE: Caffè, tutti gli effetti benefici per la salute, con qualche avvertenza

LO STUDIO SUL CAFFÈ –

Il lavoro di una maxi-commissione dell’Agenzia, formata da 20 esperti di fama internazionale, è durato diversi mesi ed è andato molto in profondità. In pratica, sono state esaminate, una per una, nei minimi dettagli, ben 500 indagini relative alle ipotesi di rischio cancro abbinato al caffè. Alla fine la conclusione degli esperti, che viene adesso pubblicata sulla rivista Lancet Oncology: non esiste una relazione tra il tumore e il caffè. Nessun tipo di tumore, a partire da quello alla vescica che veniva considerato il più a rischio rispetto all’uso eccessivo di caffè.

FUNZIONE PROTETTIVA DEL CAFFÈ CONTRO IL CANCRO –

Al contrario, secondo gli scienziati dell’Iarc il caffè può essere considerato come una bevanda in grado di sviluppare una funzione protettiva proprio rispetto al cancro, in particolare al fegato e all’utero. «L’assoluzione del caffè è ormai accertata, e smonta diverse ipotesi, diffuse specie negli anni Novanta, che lo facevano considerare una causa dell’insorgenza dei tumori» commenta Alessandra Tavani, dell’Istituto Mario Negri, componete della commissione dell’Iarc. Un’assoluzione che fa contenti milioni di italiani, dipendenti dalla famosa tazzina.

PER APPROFONDIRE: L’ora migliore per bere il caffè? Dopo pranzo e non la mattina presto

LEGGI ANCHE: