Come riciclare i vecchi collant | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Come riciclare i vecchi collant

Ottimi per lucidare l’argenteria. Ma anche come portacandele. O per fare sacchetti profumati.

Il collant non tramonta mai. Ma le donne sono abituate a cambiarlo spesso, anche per la sua naturale fragilità. Così, una volta bucato o sfilato, finisce dimenticato, e sprecato, in qualche cassetto. E invece i vecchi collant sono oggetti ideali per il riciclo creativo e possono diventare tante cose utili.

RICICLARE I VECCHI COLLANT: IDEE

Cosa fare con i vecchi collant? Le vie del riciclo sono infinite e tali accessori, che si rovinano anche solo a guardarli, possono vivere una nuova – e magari utile – vita. Alcuni scontati, altri sorprendenti, forse non tutti sanno come gli usi alternativi dei collant siano numerosi. Vi si possono realizzare borse, tappeti, portacandele (basta rivestire un vasetto di vetro o altro materiale con dei collant decorati e fissarli sulla superficie con della colla a caldo per impreziosire tale complemento d’arredo) e perfino bijoux: collane e bracciali sono tra i gioielli più in voga. Ma le idee non finiscono qui: riciclare i collant rovinati regala grandi soddisfazioni in numerosi altri ambiti della vita quotidiana. Come ad esempio…

LEGGI ANCHE: Non gettate i calzini spaiati. Pochi tocchi e diventano sacchetti profumati e paraspifferi

 

Come riciclare i vecchi collant

CERCHIETTO PER CAPELLI

Se le vecchie cravatte ed i jeans che non indossate più possono essere utilizzati per creare delle fasce per capelli, potete sfruttare i collant allo stesso scopo, o anche per dare vita a degli originali cerchietti.

  • Nel primo caso tagliate una delle due gambe della lunghezza utile per coprire la circonferenza della vostra testa, quindi praticate un nodo alle estremità.
  • Nel secondo, potete intrecciare i collant (meglio se di colori diversi) e appuntare le due estremità della treccia ottenuta su un cerchietto che magari si è rovinato nel tempo. Il risultato sarà ancora più curato.

LEGGI ANCHE: Fascia per capelli fai da te: basta una vecchia cravatta o un jeans che non usate più (foto)

Come riciclare i vecchi collant

LUCIDARE L’ARGENTERIA

Siete alla costante ricerca di metodi naturali per pulire l’argenteria? Ebbene, non c’è bisogno di spendere cifre esorbitanti per prodotti sofisticati o panni che promettono rivoluzioni. Sapete che i vostri collant possono far risplendere come pochi altri i vostri oggetti d’argento? Strofinateli vigorosamente sulla ciotola o sul vassoio di turno senza aggiungere altro, torneranno come nuovi. Fanno miracoli anche con pelle, vetro e altri metalli.

LEGGI ANCHE: Come pulire l’argenteria con prodotti naturali

Come riciclare i vecchi collant

SACCHETTO PROFUMA BIANCHERIA

I sacchetti profuma biancheria hanno la capacità di diffondere un delizioso odore nei cassetti nei quali vengono posizionati. Con il vantaggio di rendere i nostri capi ancora più piacevoli da indossare. Nonostante ne esistano di già pronti in commercio, quelli fatti in casa sono realizzati con materie prime sicure perché scelte personalmente.

  • Potete realizzarli nella versione più scarna, ovvero inserendo direttamente nella parte corrispondente al piede i fiori secchi che intendete utilizzare.
  • Oppure potete personalizzarli rendendoli unici (magari per poi regalarli) abbellendoli con uno scampolo di stoffa/lino alla loro base (un ricamo fatto a mano farà la differenza).

Come riciclare i vecchi collant

SACCHETTI PER LAVATRICE

Sono super utili quando ci troviamo a fare delle lavatrici miste che includono, quindi, anche l’intimo. Slip, reggiseni e calzini andrebbero preservati al meglio durante il lavaggio, sia per la loro delicatezza sia per ritrovarli agevolmente a fine bucato. I sacchetti per lavatrice sono il luogo sicuro all’interno del quale custodirli. Tra i trucchetti con i collant è uno dei più semplici, economici e pratici.

  • Tagliate una delle due parti del collant a metà altezza
  • Inserite i capi all’interno
  • Praticate un nodo e trasferite in lavatrice

Come riciclare i vecchi collant

COPRI VASETTI

Se amate fare germogliare i semi in casa, i collant possono fungere da copertura e protezione dei vasetti. Difatti, è consigliabile coprirli con un telo per preservarli da polvere o insetti al fine di garantirne la sicurezza alimentare. Farlo è semplicissimo: ricavate un tondo dai collant e posizionatelo sul vasetto di turno tenendolo fermo con un elastico o con un nastro.

Come riciclare i vecchi collant

FERMA PIANTE

Le piante più grandi possono avere bisogno di un po’ di supporto per evitare che i rami crescano verso il basso. Oppure, se sono poste all’aperto, per evitare che raffiche di vento possano danneggiarle. Potete tagliare i vecchi collant per tenerle legate ad un paletto. Il vantaggio dei collant rispetto alla corda sta nella loro delicatezza: il nylon non rovinerà le foglie.

Come riciclare i vecchi collant

RIMUOVERE LO SMALTO

La loro consistenza fa sì che risultino perfetti per rimuovere lo smalto dalle unghie al posto di cotone e salviette. Basta tagliarli a quadrotti o cerchi, bagnarli con il solvente e strofinarli sulle unghie fino a competa rimozione del colore.

Come riciclare i vecchi collant

CONTENERE LE SAPONETTE

Metterle all’interno dei collant e strofinarle sul corpo, oltre che alla pulizia della persona, serve anche per esfoliare la pelle. Il delicato massaggio che i collant effettuano su braccia, gambe e schiena favorisce la rigenerazione dell’epidermide, che sarà così più morbida e luminosa. Ps: sono ancora più utili per raccogliere i pezzetti di sapone divenuti troppo piccoli per essere tenuti in mano.

Come riciclare i vecchi collant

COPRI PENNELLI

Quando abbiamo finito di usarli, se lasciati all’aria i pennelli accolgono polvere ed altri agenti esterni che vanno a depositarsi sulle setole andandole a rovinare o a sporcare. Coprendoli con dei pezzetti di collant bene annodati, li preserverete al meglio fino al prossimo utilizzo.

LEGGI: Come pulire i pennelli del trucco

Come riciclare i vecchi collant

SETACCIO

Avete bisogno di filtrare un prodotto che reca al suo interno grumi? Potete sfruttare i collant esattamente come un colino attraverso il quale far passare vernici, smalti o anche olio o composti irregolari.

  • Basta tagliare un pezzo di nylon e fissarlo con un elastico o con del nastro adesivo sulla ciotola che si intende riempire.
  • Se avete a disposizione una struttura di legno di forma circolare, potete fissarlo direttamente su questa.

Come riciclare i vecchi collant

IMBOTTITURE

Se amate realizzare in casa giocattoli quali bambole e peluche, cuscini, paraspifferi o qualunque altro oggetto che preveda un’imbottitura, potete sfruttarli a tale scopo. Insieme a cotone, scampoli e rimasugli di tessuti, possono essere introdotti all’interno di molti prodotti di fattura artigianale.

Come riciclare i vecchi collant

CONSERVARE ROTOLI DI CARTA

Avete presente i rotoli di carta regalo che, una volta aperti, difficilmente rimangono bene arrotolati? Oltre che con un elastico (che nel tempo potrebbe creare dei segni sulla carta), potete tenerli in ordine e ben avvolti inserendoli all’interno della gamba di un collant. Eviterete, così, che continuino a srotolarsi.

Come riciclare i vecchi collant

APPENDERE CAPI DELICATI

Le idee su come riciclare collant rotti non finiscono qui: le mollette per il bucato poste su determinati capi tendono a lasciare il segno sul maglione o sulla blusa di turno o, peggio, a rovinarli. Per evitarlo, i collant possono essere usati per appendere tale genere di abbigliamento senza incorrere in inconvenienti di questo tipo.

ALTRE IDEE UTILI PER IL RICICLO CREATIVO:

Share

<