Questo sito contribuisce all'audience di

Irrigazione a goccia: dall’orto all’agricoltura. Come funziona e quanta acqua fa risparmiare (video)

Con questi impianti, anche piccoli, l’acqua necessaria alle piante si riduce del 70 per cento. E si azzerano gli sprechi. Inoltre si evitano il ristagno idrico e la dispersione per evaporazione.

Irrigazione a goccia: dall’orto all’agricoltura. Come funziona e quanta acqua fa risparmiare (video)
Risparmio idrico irrigazione a goccia
di
Condivisioni

RISPARMIO IDRICO IRRIGAZIONE A GOCCIA

L’agricoltura assorbe la maggior parte dell’acqua prelevata in Italia e tanti litri non sono utilizzati correttamente. Ma è possibile coltivare senza sprecare il nostro bene più prezioso? Le crisi idriche sono sempre più frequenti ma un’agricoltura virtuosa è possibile. Soltanto in Italia, la siccità è un problema che riguarda potenzialmente metà del territorio. Basti pensare che il lago di Bracciano perde circa un centimetro d’acqua. Un dato allarmante. Non è un caso che in diversi comuni laziali l’acqua sia razionata, con tutte le conseguenze per i cittadini e l’economia. Un problema che interessa soprattutto le aree geografiche in cui scorrono flussi d’acqua naturali. Il lago di Garda, ad esempio, oggi è riempito soltanto al 34,4 per cento del suo volume mentre il Po, in corrispondenza del Ponte della Becca di Pavia, è a circa 3 metri e mezzo sotto lo zero idrometrico.  Per fortuna, esistono tanti modi per contenere gli sprechi. Uno dei più convenienti è l’irrigazione a goccia. Un’alternativa parsimoniosa per i coltivatori e per chi possiede un orto domestico.

LEGGI ANCHE: Come innaffiare le piante senza sprecare acqua

VANTAGGI IRRIGAZIONE A GOCCIA

Il primo stato a utilizzarla è stato Israele, a metà del Novecento. Nei decenni successivi si è diffuso in vari continenti ed è arrivato anche in Italia. Il successo dell’irrigazione a goccia è dovuto ai suoi vantaggi. Eccone alcuni:

  • Risparmio idrico. Irrigare i campi con questa tecnica fa risparmiare dal 40 al 70 per cento di acqua. La forbice è ampia perché molto dipende dal tipo di pianta coltivata. Tuttavia, è un buon risultato considerando che in agricoltura il consumo d’acqua è pari al 60 per cento della domanda totale.
  • Semplicità. Rispetto ai sistemi di irrigazione a pioggia o a spruzzo, quello a goccia distribuisce l’acqua in prossimità delle radici. Quindi, la quantità d’acqua e la frequenza di emissione sono più adatte alla coltivazione.
  • Capillarità. L’acqua arriva al terreno grazie ai gocciolatori che fungono da piccole fonti indipendenti capaci di distribuire le gocce in tutte le direzioni. In questo modo è possibile ottimizzare i tempi di irrigazione.
  • Efficienza. Anche se il risparmio finale dipende dalle piante coltivate, l’irrigazione a goccia è pur sempre conveniente. Se consideriamo una piantagione di pomodori, per un chilo sono necessari 200 litri con l’irrigazione a pioggia. Con quella a goccia, invece, ne servono appena 80, quindi andiamo a risparmiare più del 50 per cento d’acqua.

PER APPROFONDIRE: Acqua, tutta quella che sprechiamo. Nelle reti, nelle case, nelle campagne

COME FUNZIONA L’IRRIGAZIONE A GOCCIA

I vantaggi dell’irrigazione a goccia possono essere sfruttati anche da chi ha un piccolo pezzo di terra. In commercio esistono tanti kit irrigazione a goccia pronti per l’uso. Basta soltanto montarli. Per non lasciare nulla al caso, vi diciamo quello di cui avete bisogno e come procedere con l’allestimento del sistema.

ACCESSORI

  • Centralina
  • Tubo di polietilene
  • Tubicino capillare da ¼ di pollice
  • Raccordi
  • Gocciolatori (la quantità varia in base al numero di piante da irrigare).

MONTAGGIO

  1. Perforare il tubo di polietilene
  2. Inserire un raccordo
  3. Agganciare a ogni raccordo un pezzo del tubicino da ¼ di pollice in modo tale da raggiungere la pianta
  4. Collegare il tubicino a un gocciolatore da inserire nel vaso o nella pianta dell’orto, il gioco è fatto.
  5. Infine, per non sprecare acqua, è possibile programmare le irrigazioni a goccia. In questo caso, possiamo fare a meno della centralina. Quindi, colleghiamo il tubo di polietilene direttamente al rubinetto e cominciamo a irrigare il nostro orto.

E non perdete questo video in cui si spiega come procedere con l‘irrigazione a goccia in vaso e in terrazzo:

I LAVORI NELL’ORTO, MESE PER MESE:

  1. Gennaio
  2. Febbraio
  3. Marzo
  4. Aprile
  5. Maggio
  6. Giugno
  7. Luglio
  8. Agosto
  9. Settembre
  10. Ottobre

Ultime Notizie:

Feste di Natale a rischio rissa. 10 fronti caldi in famiglia: come evitarli

Feste di Natale a rischio rissa. 10 fronti caldi in famiglia: come evitarli

Le vacanze portano anche diverse tensioni nella coppia. Si litiga sui figli, sui regali eccessivi, sui parenti sgraditi. E in America il lunedì dopo le feste è chiamato il «Divorce day». Approfittate delle feste natalizie per riscoprire i vecchi antidoti per una buona vita insieme: la gentilezza, il piacere di corteggiare, lo scambio di parole elementari come “grazie”, “scusa”, “prego”.

continua »