Questo sito contribuisce all'audience di

Probiotici: cosa sono, quando usarli e quali scegliere. Contrastano i problemi intestinali e sono un ottimo rimedio per prevenire la cistite

Curare la stitichezza, anche con i probiotici, è il modo migliore per prevenire le cistiti ricorrenti. I consigli per scegliere i probiotici giusti

Condivisioni

BENEFICI DEI PROBIOTICI

Assumere probiotici può essere salutare non soltanto per l’intestino e l’apparato digerente in generale, ma anche per contrastare diverse infezioni, come quelle ginecologiche. Pochi infatti conoscono la relazione tra problemi intestinali, come la stitichezza, e le infezioni vaginali, come la cistite. È importante però scegliere i probiotici davvero efficaci, cioè quelli ad alta concentrazione.

LEGGI ANCHE: La cistite si cura bevendo molto, con un bagno caldo e tanta vitamina C. Usate biancheria intima naturale e indumenti non troppo stretti

COSA SONO I PROBIOTICI

I probiotici sono microrganismi vivi che se somministrati in adeguate quantità possono contribuire alla prevenzione e alla cura di alcune malattie.

Secondo le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, sono definiti probiotici solo quei microrganismi che si dimostrano in grado, una volta ingeriti in adeguate quantità, di esercitare funzioni benefiche per l’organismo.

A COSA SERVONO I PROBIOTICI

L’efficacia dell’utilizzo dei probiotici sono testati nella riduzione e nella prevenzione della diarrea del viaggiatore, nel miglioramento dei sintomi gastrointestinali delle intolleranze al lattosio e delle allergie alimentari, nel miglioramento della stitichezza, nel potenziamento delle difese immunitarie nei confronti delle infezioni del tratto digerente. Attualmente però, si stanno aprendo nuovi orizzonti per la loro applicazione anche oltre le patologie gastrointestinali, come il trattamento dei disordini ipertensivi, i disturbi della postmenopausa, le infezioni ginecologiche.

PER APPROFONDIRE: Rimedi naturali contro stitichezza e gonfiore, i nostri consigli utili per alleviare i fastidi

PROBIOTICI PER PROBLEMI INTESTINALI

«Alcune malattie dell’apparato digerente possono avere ripercussioni extra-digestive e l’esempio più classico sono i disturbi uro-ginecologici, come le cistiti» avverte Vincenzo Stanghellini, presidente della Singem – Società Italiana di Neuro-Gastro-Enterologia e Motilità. «La grande maggioranza delle donne che soffrono di questo disturbo ha un problema di stitichezza che viene sottovalutata. Curare la stitichezza è il modo migliore per prevenire le cistiti ricorrenti, invece di usare gli antibiotici».

PROBIOTICI PER PREVENIRE DISTURBI VAGINALI

Nonostante i consigli degli specialisti, la cistite, ma anche la vulvovaginite da Candida e la vaginosi batterica, che costituiscono le più comuni infezioni che interessano le donne in età fertile, vengono generalmente trattate con antibiotici, ma con scarso successo, perché spesso ricompaiono. Oltretutto gli antibiotici hanno un impatto negativo sulla microflora vaginale, complicando così la rigenerazione dei lattobacilli che costituiscono la principale linea di difesa dell’ecosistema vaginale nella donna in età fertile.

Una flora alterata facilita infatti la colonizzazione da parte di microrganismi esterni ma anche la proliferazione dei batteri potenzialmente patogeni presenti di norma a basse concentrazioni.

PER SAPERNE DI PIÙ: Come si usano gli antibiotici, le 10 regole per non sprecarli e per renderli efficaci

COME RIEQUILIBRARE LA FLORA INTESTINALE

Per prevenire e contrastare l’insorgenza di queste infezioni risulta dunque importante il ripristino dell’equilibrio dell’ecosistema locale e la somministrazione di probiotici potrebbe essere la risposta.

«Un intervento con probiotici orali può portare a una migliore salute dell’apparato riproduttivo” conferma Francesco De Seta, Dirigente Medico dell’IRCCS Burlo Garofalo di Trieste. «Sono già disponibili alcuni prodotti efficaci in grado di migliorare l’equilibrio del microbioma vaginale e la sensazione è che siamo di fronte a una nuova frontiera che darà ulteriori grandi soddisfazioni e risultati nel prossimo futuro».

COME SCEGLIERE I PROBIOTICI

In uno scenario di mercato che conta su più di 500 diverse aziende produttrici e oltre 1000 referenze a dosaggi differenti, non è facile capire quale probiotico scegliere.

Indicazioni utili arrivano da uno studio condotto dal Dipartimento di Scienze per gli Alimenti, la Nutrizione e l’Ambiente dell’Università degli Studi di Milano.

«La letteratura riporta che per riscontrare un effetto sull’organismo, si raccomanda il consumo giornaliero di almeno un miliardo di cellule probiotiche vitali» spiega Simone Guglielmetti, Professore al Dipartimento di Scienze per gli Alimenti, la Nutrizione e l’Ambiente dell’Università degli Studi di Milano. «Le formulazioni a elevata concentrazione hanno infatti dimostrato un maggior successo nell’arrivo a destinazione, in un minor tempo, con un’elevata persistenza nel tratto intestinale e con un numero maggiore di cellule batteriche vive».

I RIMEDI NATURALI PER MANTENERSI IN SALUTE:

  1. Aiuta l’intestino a essere regolare e riduce il colesterolo. Tutte le proprietà e i benefici del grano duro
  2. Una pelle più giovane? Mangiate le mele. Depurano, aiutano l’intestino e i muscoli
  3. Depurare il fegato: i consigli e i rimedi naturali per mantenersi in salute. Al mattino, acqua e limone
  4. Mantenersi in buona salute e vivere a lungo? Ecco la routine quotidiana perfetta per una vita sana
  5. Colon irritabile, per guarire servono fibre che trovate nei cereali integrali. Bevete molta acqua e poco caffè. E controllate un’eventuale intolleranza al lattosio

 

 

Nessun commento presente

Che ne pensi?