Ricetta kefir - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Kefir, l’antibiotico naturale a base di latte o acqua zuccherata. Altre alternative più light: con latte di soia e di riso

Rafforza le difese immunitarie. Favorisce il funzionamento dell'intestino. Protegge l'apparato urogenitale. Un elisir che arriva dal Caucaso

Condivisioni

RICETTA KEFIR

Il kefir, il cui nome deriva dal turcokeyif che vuol dire “sentirsi bene dopo aver mangiato”, è un latte fermentato che si ricava dalla fermentazione del latte di pecora, di mucca o di capra. Il kefir ha una consistenza liquida e un sapore simile a quello dello yogurt, sebbene il suo gusto sia molto più acidulo. Arriva dal Caucaso ed è una bevanda tipica dei paesi dell’ex Unione Sovietica. Di latte o d’acqua, è un alimento antico che si prepara agevolmente anche a casa.

LEGGI ANCHE: Sciroppo di Sambuco, la ricetta di una bevanda naturale perfetta per prevenire il raffreddore

COS’È IL KEFIR

Kefir è anche il nome che viene utilizzato per classificare tutti quei micro organismi che agiscono nel processo di fermentazione di questa bevanda. Essi, infatti, si chiamano “grani di kefir” e sono costituiti principalmente da colture di lieviti e batteri lattici che assomigliano al cavolfiore e sono di colore bianco. Quando questi grani vengono aggiunti al latte, i microorganismi presenti fanno fermentare gli zuccheri del liquido e danno origine alla bevanda kefir. La fermentazione avviene in circa 24 ore. Quando termina, i grani possono essere rimossi e riutilizzati per generare altro kefir. Esistono diversi tipi di kefir, anche meno calorici, che si ottengono facendo fermentare altri liquidi che non siano il latte animale, per esempio il latte di sosia e quello di riso oppure anche la sola acqua zuccherata. Ovviamente, ciò che si ottiene non è uno yogurt ma un prodotto dal potere comunque rinfrescante, capace di apportare lo stesso tipo di benefici

.ricetta kefir

PROPRIETÀ E BENEFICI DEL KEFIR

Questa bevanda ha delle notevoli proprietà antibiotiche grazie alla presenza dei batteri e dei lieviti; inoltre, grazie anche alle vitamine del gruppo B, il kefir rafforza le difese immunitarie, favorisce la funzionalità dell’intestino e protegge l’apparato urogenitale. Notevole anche il potere antiossidante. I probiotici contenuti al suo interno, ne fanno un ottimo coadiuvante nel trattamento del colesterolo cattivo, di cui tende ad abbassare i livello dopo circa 8 settimane dal momento in cui si comincia ad assumere la bevanda. I probiotici, infatti, producono enzimi che decompongono il colesterolo il quale diventa meno assimilabile dall’organismo. Il kefir aiuta anche a ritrovare le energie dopo una cura di antibiotici o dopo un’influenza insistente. Le donne incinte possono consumarlo in tutta tranquillità anche perché è ricco di acido folico che aiuta lo sviluppo del feto. Il kefir facilita i processi digestivi, ritarda la comparsa dell’osteoporosi e previene le infezioni causate dai batteri, come ad esempio la salmonella. Inoltre, secondo alcuni recenti studi, il kefir potrebbe migliorare i sintomi di alcuni tipi di allergie e dell’asma. Se applicato sulla pelle, il kefir attenua acne ed eczemi.

PER APPROFONDIRE:Golden milk, per vivere più a lungo. Ricetta e benefici del latte d’oro. Si prepara con la curcuma, e si addolcisce con il miele (foto)

CALORIE DEL KEFIR

Il kefir è assolutamente povero di calorie, infatti è la bevanda ideale per chi è determinato a perdere peso e a depurare l’organismo. Grazie all’assunzione costante di kefir, il metabolismo ristabilisce il proprio equilibrio, elimina i sovraccarichi del fegato e dell’intestino, attuando una purificazione profonda. Inoltre, il kefir è privo di lattosio e può essere bevuto anche da chi è intollerante a quest’ultimo. Il kefir aiuta a combattere la ritenzione idrica.

CONTROINDICAZIONI DEL KEFIR

Kefir di latte. Il kefir è una bevanda sicura ma può causare, a volte, degli effetti indesiderati, come i crampi, la stitichezza e la nausea. I bambini non possono assumerlo sotto il primo anno di età. Le persone che hanno il sistema immunitario debole, devono berlo con cautela poiché il kefir, essendo pieno di batteri e lieviti, può favorire lo sviluppo di infezioni. La dose giusta dipende dalle esigenze e dalle condizioni fisiche di ciascuno. Si consiglia sempre, prima di assumerlo, di consultare il proprio medico.

Kefir d’acqua. Il kefir d’acqua può generare mal di testa, nausea e anche disturbi gastrointestinali, a causa della fermentazione che rende questo prodotto assai attivo a livello dell’intestino. Si consiglia, dunque, di iniziare l’assunzione con piccole dosi, non prima di aver consultato, anche in tal caso, il proprio medico durante.

ricetta kefir

COME SI FA IL KEFIR

Anche se è possibile acquistare il kefir nei supermercati, lo si può agevolmente preparare in casa. I granuli starter potete invece acquistarli in erboristeria o nei negozi di alimentazione naturale.

  • Kefir di latte. Procuratevi 2 cucchiai di grani di kefir, 2 tazze di latte e un contenitore con coperchio. A questo punto, mettete i grani nel contenitore e aggiungetevi subito il latte senza riempire la ciotola sino all’orlo. Coprite e lasciate che i due elementi riposino insieme fino ad un massimo di 36 ore, a temperatura ambiente. Non appena vi accorgete che il composto diventa cremoso, filtrate il latte, così da separarlo dai grani.
  • Kefir di acqua. Se preferite il kefir di acqua, procuratevi ½ litro di acqua, un massimo di 6 cucchiai di zucchero, 2 cucchiai di granuli di kefir,1/2 limone, 1 fico secco (oppure 2 cucchiai di una sultanina) e 1 cucchiaio di cumino o di finocchio. Mettete i granuli nel recipiente e versatevi l’acqua. Aggiungete lo zucchero e mescolate. Dopodiché, metteteci il succo del mezzo limone e anche la sua buccia grattugiata. Infine, aggiungete la frutta e i semi di cumino. Mettete un coperchio e fate fermentare a temperatura ambiente per circa 48 ore. Passato questo tempo, filtrate e fate raffreddare. Il kefir d’acqua è frizzante e leggermente alcolico. Conservatelo in frigo e consumatelo in un massimo di 5 giorni, altrimenti congelatelo.

STARE BENE IN MODO NATURALE: