Ricetta pasta e patate | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Pasta e patate, l’antica e genuina ricetta napoletana. Con un segreto davvero speciale per cuocerla e farla riposare nel modo giusto (foto)

Un piatto dal sapore unico che permette anche di recuperare i diversi formati di pasta avanzati sul fondo delle buste. Secondo i vostri gusti, aggiungete anche provola e prosciutto tagliato a dadini

Condivisioni

RICETTA PASTA E PATATE

Che cosa c’è di più semplice e genuino, da Non sprecare sia come ingredienti sia come profumo e qualità del piatto, di una classica pasta e patate? Forse nulla.  È un piatto povero, se vogliamo poverissimo, ma allo stesso tempo ricco, ricchissimo. Per la sua genuinità, per la potenza nutritiva, per il sapore unico che ci regala. Non perdete tempo a scovare ricette: eccone una imperdibile e completa, ricavata dal libro di Salvatore Piscicelli, La cucina di Addolorata (edizioni Intra Moenia) che contiene una quarantina di antiche ricette della cucina popolare napoletana.

PASTA E PATATE

INGREDIENTI

  • 400 gr di pasta
  • 4 patate grandi o 6 medie
  • 1 cipolla media
  • 1 carota piccola
  • 1 pezzo di sedano
  • Un ciuffetto di prezzemolo
  • 2 pomodori maturi
  • 70 gr di pancetta
  • Sale
  • Olio
  • Pepe
  • Parmigiano grattugiato

PREPARAZIONE

  1. Tritate piuttosto finemente la cipolla, la carota, il sedano, il prezzemolo e la pancetta e metteteli in una pentola a soffriggere nell’olio.
  2. Intanto mettete a bollire dell’acqua in un pentolino, pelate le patate e tagliatele in pezzi piccoli, the lascerete riposare in una ciotola con dell’acqua.
  3. Quando il battuto e ben rosolato, versate nella pentola i due pomodori fatti a pezzi e lasciate asciugare per 1/2 minuti, aggiungete le patate scolate e qualche mestolo d’acqua bollente dal pentolino. Chiudete la pentola, abbassate il fuoco e fate cuocere fino a the siano quasi sfatte. A questo punto salate e versate la pasta, eventualmente aggiungendo un po’ d’acqua bollente.
  4. Nota importante. La pasta deve cuocere con poca acqua, come fosse un risotto. Quando sta per essere assorbita, aggiungetene dell’altra. Alla fine la minestra deve risultare piuttosto densa.
  5. Appena la pasta è a metà cottura (regolatevi col tempo indicato sulla confezione), spegnete il fuoco, date una mescolata, chiudete la pentola col coperchio e lasciate riposare per 10/15 minuti. Servite con parmigiano grattugiato e pepe macinato se piace.
  6. Altra nota importante. Siccome la minestra deve obbligatoriamente riposare, spegnete il fuoco quando la pasta e davvero semicruda, altrimenti scuoce.
  7. Quanto al formato, avete un’ampia scelta: tubetti grandi, linguine o vermicelli spezzati, pasta mista, pennette, conchiglie.
  8. Al posto della pancetta, potete usare del lardo allacciato (cioè tritato e battuto fine). In questo caso riducete la quantità.

IDEE PER UN PERFETTO PIATTO “NON SPRECARE”:

  1. Per evitare sprechi, riunite tutti i diversi formati di pasta avanzati nelle buste, o almeno quelli che presentano gli stessi minuti di cottura.
  2. Secondo i vostri gusti, aggiungete anche provola e prosciutto tagliato a dadini. Non dimenticate qualche foglia di basilico.

LE NOSTRE RICETTE CON LE PATATE, DALL’ANTIPASTO AL DOLCE: