Mucolitici ai bambini? No grazie! | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Mucolitici ai bambini? No grazie!

di Posted on
Condivisioni

Mentre prosegue la campagna di sensibilizzazione sull’abuso di antibiotici, di cui abbiamo riferito nell’articolo sulla resistenza agli antibiotici, l’ufficio di farmacovigilanza dell’AIFA punta i propri riflettori sui farmaci mucolitici. Si tratta di farmaci da banco (senza obbligo di ricetta) molto diffusi e utilizzati in caso di tosse e bronchiti per fluidificare e sciogliere il catarro.

 
L’Agenzia Italiana del Farmaco in una nota ha dichiarato i mucolitici controindicati nei bambini al di sotto dei 2 anni di età.
 
 
La decisione è stata presa a seguito di numerosi casi occorsi a seguito dell’uso di mucolitici quali: peggioramento grave dell’ostruzione bronchiale nei bambini piccoli, associato ad aumento della tosse, dispnea, difficoltà respiratoria e vomito viscoso.

La raccomandazione è rivolta tanto ai consumatori quanto a medici e farmacisti.

I principi attivi presenti nei farmaci mucolitici coinvolti dal provvedimento sono: acetilcisteina, carbocisteina, ambroxolo, bromexina, sobrerolo, neltenexina, erdosteina e telmesteina.

 
Sopra i 2 anni di età, sempre secondo l’AIFA, l’uso dei mucolitici è possibile a patto che il trattamento non sia prolungato o si riscontri un peggioramento dei sintomi.
 
Ora, noi si parte un po’ prevenuti non c’è dubbio, ma se un farmaco è controindicato per un bambino sotto ai 2 anni provocando ogni sorta di reazione…perchè mai lo si dovrebbe prendere in considerazione in qualsiasi altra fascia di età? E con tutte le possibilità naturali che abbiamo a disposizione!

RIMEDI NATURALI PER TOSSE E CATARRO 

 
La tosse, spesso associata all’infezione delle vie respiratorie, è un riflesso meccanico naturale e necessario del nostro sistema immunitario. A tutti gli effetti un ‘segno’ del processo di autoguarigione dell’organismo. Eccetto che in casi di estrema gravità è possibile accompagnare questa manifestazione in modo del tutto naturale.
 
Di seguito un elenco di alcuni rimedi naturali efficaci e alla portata di tutti.
 
L’acqua è l’elemento che non deve assolutamente mancare.
La prima e più efficace indicazione è il lavaggio del naso con soluzione fisiologica o marina isotonica, utilissimo all’occorrenza nei casi di ostruzione e tosse ma anche come forma di prevenzione da effettuare tutte le sere prima di coricarsi.
 
In caso di tosse e catarro è importantissimo reidratare l’organismo bevendo frequentemente acqua, tisane (camomilla, decotto di radice di liquirizia, frutta.
 
Nell’ambiente domestico bisognerebbe evitare temperature elevate e assicurarsi di umidificare correttamente l’aria: ad esempio mettendo un contenitore d’acqua e olii essenziali (singolarmente: eucalipto, tea tree, timo, rosmarino, lavanda, solo per citarne alcuni) su ogni termosifone.

Un’altro mucolitico naturale e alla portata di tutti è il suffumigio, l’inalazione di vapore. Il vapore, di per se utile, diventa ancor più efficace diluendo nell’acqua poche gocce di olio essenziale di melaleuca o tea tree oil. Qualora i suffumigi non fossero graditi è possibile veicolare lo stesso tea tree oil in olio vegetale e spalmarlo sul petto.
 
L’aria dev’essere cambiata spesso e per nessuna ragione è indicato esporre un soggetto in difficoltà respiratoria al fumo passivo.
 
A tavola infine, in caso di catarro e tosse (ma anche in generale…), è opportuno limitare o evitare del tutto:
 
latte e derivati;
prodotti confezionati (contenenti grassi idrogenati);
dolci;
nervini eccitanti (caffè, thè, cioccolata);
bevande gassate;
– zuccheri raffinati o di sintesi (aspartame).