L'80% dei laghi è molto inquinato | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

L’80% dei laghi è molto inquinato

di Posted on

Sono 32 i punti sulle coste dei laghi di Iseo, Como, Maggiore, Ceresio e Garda dove è meglio non fare il bagno. E’ il responso del monitoraggio effettuato dagli ambientalisti nelle acque dei laghi lombardi dove l’allerta inquinamento e il conseguente bollino rosso è scattato per 25 campioni risultati fortemente inquinati e per i 7 "solamente" inquinati nei bacini analizzati.

Legambiente attribuisce la maglia nera per l’inquinamento, anche quest’anno, al lago di Como, per "l’irrisolto deficit di depurazione, che si conferma il bacino lacustre con più criticità. Preoccupante – si legge in una nota dell’associazione ambientalista – anche la situazione dell’alto Sebino su cui continua a pesare la quasi totale mancanza di depurazione della Val Camonica. Le maggiori criticità per il lago di Garda sono state rilevate invece nel suo tratto meridionale e per il Maggiore è la sponda lombarda a destare preoccupazione".

Questi gli esiti finali del passaggio di Goletta dei Laghi – Cigno Azzurro durante la permanenza in Lombardia, che ha visto i tecnici di Legambiente impegnati per tre settimane nella campagna nazionale d’informazione scientifica sullo stato di salute dei bacini lacustri, realizzata con il contributo del COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Usati). E ancora una volta, sono prevalentemente i torrenti e i fiumi che portano il maggior carico di acque reflue non depurate dai comuni dell’entroterra, ad appesantire una situazione non certo facile per i bacini lombardi. Nessun segnale di miglioramento nonostante dal 2010 i parametri della normativa di riferimento risultino più permissivi grazie all’entrata in vigore delle nuove disposizioni sulla balneazione.
 

Shares

Shares