Questo sito contribuisce all'audience di

Caffè al bar: ma perché sprechiamo tanto zucchero?

Il caffè in Italia non è solo un'eccellenza, un'identità e una grande storia artigianale e industriale, ma è anche un rito irrinunciabile. Peccato che nasconda un grande spreco.

Condivisioni

BUSTINE DI ZUCCHERO AL BAR – La mattina, quando entrate in un bar per sorseggiare un caffè, osservate per qualche minuto i clienti al banco. In particolare date un occhio all’enorme numero di bustine di zucchero, consumate solo in parte, che restano nei piattini e poi finiscono nella spazzatura. Uno spreco enorme. Lungo, corto, ristretto, doppio e perfino sospeso (regalato a chi non se lo può permettere): il caffè in Italia ha infinite declinazioni e non è solo un’eccellenza, un’identità e una grande storia artigianale e industriale, a partire dal brand Lavazza. Il caffè è anche un rito, purtroppo con spreco connesso. Guai a chi ci tocca la classica tazzina di caffè al risveglio la mattina, o dopo pranzo, e guai a chi mette in discussione la tappa al bar per sorseggiare il classico ristretto. Ma perché, e me lo chiedo ogni volta che sorseggio il mio caffè al bar, quello spreco assurdo di zucchero?

LEGGI ANCHE: Zucchero e sprechi, 17 cucchiaini al giorno e molti finiscono nella spazzatura

CAFFE’ DEL MATTINO: LO SPRECO DI ZUCCHERO – Quasi tutti i bar, infatti, ci offrono con il caffè una bustina di zucchero, in diverse versioni: bianco, di canna, sotto forma di dolcificante. Ma in tutti, dico tutti, i bar si spreca lo zucchero per il caffè, perché quello delle bustine è eccessivo rispetto alla quantità necessaria per rendere gradevole l’espresso. Inoltre anche i bambini sanno che un eccesso di consumo di zucchero, in ogni caso, fa male, ed è per esempio una delle principali cause del diabete.

IL DOPPIO SPRECO LEGATO AL CAFFE’ DEL MATTINO – Dunque, con un solo caffè accumuliamo un doppio spreco: materia, lo zucchero; e un bene immateriale, cioè la salute. Il fenomeno dello spreco di zucchero, abbinato al consumo di caffè, purtroppo non è circoscritto all’Italia. È il classico spreco globale che nasconde il trucco di una produzione, e di un consumo, gonfiato e dunque taroccato proprio dallo spreco. Se poi aggiungete che ogni giorno, nel mondo, si consumano quasi 3 miliardi di tazzine di caffè, con 242mila milioni di litri di acqua, avete un’idea di che cosa può significare la domanda che mi faccio ogni volta che sorseggio un caffè al bar.

PER SAPERNE DI PIU’: Tante idee per non sprecare i fondi di caffè 

1 Comment
  • Dóra Zambó
    26.10.2014

    Oltre lo spreco della materia e il danno alla salute, vengono buttate via enorme quantità di carta che finiscono nella raccolta indifferenziata.