Tarli e tarme: i migliori rimedi naturali per eliminarli in modo efficace
Questo sito contribuisce all'audience di

Tarli e tarme: i rimedi naturali per eliminarli

Eucalipto e olio essenziale di cedro. Ma potete usare anche una miscela di aceto, acqua e fiori secchi di lavanda. Poi ci sono alcune precauzioni da prendere

I tarli si nutrono del legno. Le tarme divorano tessuti come lana, seta e cotone. Per entrambi esistono diversi prodotti industriali, costosi e inquinanti. Mentre sono molto efficaci alcuni diversi rimedi naturali, facili da realizzare in casa.

RIMEDI NATURALI PER ELIMINARE TARLI E TARME

Lavanda, cannella, olio essenziale di cedro. E anche chiodi di garofano o una miscela a base di acqua, aceto e un paio di cucchiai di fiori secchi. I rimedi naturali contro i micidiali attacchi di tarli e tarme, a costo (quasi) zero e senza fare danni ambiente, come nel caso degli insetticidi, non sono pochi. Basta saperli applicare, con qualche utile accorgimento per proteggere armadi e guardaroba.

COSA SONO I TARLI E LE TARME

I tarli sono insetti coleotteri che appartengono alle famiglie degli Anobi, dei Lyctidi e dei Ceramicidi: la loro caratteristica principale consiste nel fatto che, durante lo sviluppo delle larve, si nutrono di legno. E le larve crescono anche per due-tre anni fino a raggiungere una grandezza di mezzo centimetro, mentre ogni forellino nel legno durante lo sviluppo larvale ha una grandezza di circa 2 millimetri. I più pericolosi sono i tarli femmine che riescono a deporre, mediamente, oltre trenta uova. Le tarme invece sono dei lepidotteri che appartengono alla famiglia delle Tineidae. Ne esistono diverse specie, ma queste farfalline hanno in comune il cibo che amano e del quale si nutrono: i tessuti naturali come lino, cotone e seta.

LEGGI ANCHE: Insetti in dispensa, 5 modi per eliminarli naturalmente

RIMEDI PER ELIMINARE TARLI E TARME

I tarli e le tarme sono i peggiori nemici dei mobili di legno (i primi) e degli indumenti (i secondi) perché sono in grado di rovinarli in pochissimo tempo. Mentre i tarli si nutrono del legno nel quale crescono scavando lunghe e tortuose gallerie, le tarme invece assomigliano a piccole farfalle e sono il nemico numero uno dei nostri armadi.

Dai sacchetti ai cuscinetti profumati fino alla naftalina e alla canfora, sono tanti i rimedi in commercio che permettono di allontanare tarme e tarli. Rimedi sicuramente efficaci ma, soprattutto nel caso della naftalina, a volte pericolosi soprattutto se vi sono bambini in casa. Senza contare poi l’odore persistente e abbastanza sgradevole che rimane su abiti, coperte e cappotti invernali.

COME ELIMINARE LE TARME E I TARLI

Ecco quindi alcuni semplici consigli su come prevenire la comparsa di tarli e tarme in maniera del tutto naturale e senza rischi:

  • Per cominciare, sapete che l’eucalipto è particolarmente sgradito ai tarli? Dopo aver imbevuto un panno con essenza di eucalipto, passatelo sulla superficie dei mobili facendo in modo di raggiungere anche i punti nascosti;
  • Se invece i tarli non hanno attaccato i vostri mobili ma gli alberi di frutta che avete in giardino, per eliminarli potete ricorrere all’aglio. Vi basterà coltivarlo attorno al tronco degli alberi presi di mira per farli sparire. E per proteggere i mobili, avvolgete l’aglio nel cellophane e poi lasciatelo nel mobile per alcuni giorni: risolverete il problema.
  • Un rimedio naturale particolarmente efficace contro le tarme è invece la cannella. Aprite gli armadi e sostituite le palline di naftalina con tante stecche di cannella o piccoli sacchetti contenenti cannella in polvere e altre spezie come ad esempio chiodi di garofano e foglie di alloro.
  • La lavanda si dimostra efficace anche contro le tarme, sotto forma di olio essenziale. Preparate in vostro anti tarme sciogliendo con l’acqua dei pezzi di vecchie saponette e versando poi il liquido in piccoli stampi, a cui aggiungerete anche l’olio essenziale di lavanda. Quando le formine si saranno indurite, riponetele nell’armadio e le tarme spariranno.
  • Un rimedio naturale infallibile contro tarli e tarme è l’olio essenziale di cedro. Preparate un composto di vodka, acqua e olio di cedro e applicatelo sopra i mobili con un batuffolo di cotone. Potete anche lasciare il batuffolo imbevuto di questa soluzione, all’interno dei cassetti, affinché prolunghi la sua efficacia.
  • Se i vostri indumenti hanno subito l’attacco delle tarme, procuratevi dei chiodi di garofano e metteteli in sacchetti di cotone da tenere nelle tasche delle giacche, affinché la fragranza allontani gli insetti. Oppure inserite i chiodi nella buccia di un’arancia: il risultato è assicurato. L’arancia “chiodata” è utile anche contro le tarme del cibo.

CHE COSA DÀ FASTIDIO A TARLI E TARME?

Ci sono profumi, o anche semplicemente odori, che danno un enorme fastidio ai tarli e alle tarme. E grazie a questo effetto riescono a tenerli a distanza. Parliamo degli agrumi, della lavanda, dello zafferano, dell’olio essenziale di Patchouli.

  • Per scongiurare la presenza dei tarli, lavate bene cassetti a armadi con una miscela composta da 250 ml di aceto in un litro di acqua e poi aggiungete 2 cucchiai di fiori secchi di lavanda che avrete lasciato macerare 24 ore prima dell’uso.
  • Per i tarli un ottimo rimedio è l’utilizzo di un pezzo di legno di cipresso, levigato e impregnato di olio di zafferano e di cedro; tagliate poi il ramo a piccoli pezzi e mettetelo dentro i mobili da trattare.
  • Le tarme si allontanano anche con i frutti dell’ippocastano, tagliati e avvolti in garze da sistemare nei cassetti dei mobili. Oppure potete bagnare del bicarbonato di sodio con acqua, aceto e qualche goccia di olio essenziale di gelsomino e poi lasciarlo essiccare al sole. Il bicarbonato, così trattato, allontanerà le tarme, avrà un effetto disinfettante e profumerà il mobile trattato.
  • Versate 5 o 6 gocce di olio essenziale di Patchouli su di un cuscinetto e inseritelo nei cassetti o nell’armadio e non avrete più il problema delle tarme.

PER APPROFONDIRE: Mobili di legno, per pulirli in modo naturale può bastare una patata. O il burro di cacao 

COME ELIMINARE TARLI E TARME CON METODO CASALINGO

Oltre ai rimedi naturali vi sono poi una serie di accortezze casalinghe che vi permetteranno di mantenere intatti gli abiti e le coperte conservate nell’armadio:

  • Al momento del cambio di stagione, ricordate di lavare bene i capi prima di collocarli nei cassetti;
  • Adoperate sacchetti di plastica e sacche con cerniera per conservare maglioni, giacche invernali e cappotti;
  • Se, nonostante tutto, il vostro armadio è stato attaccato dalle tarme allora è il caso di svuotarlo e lavarlo in maniera accurata. Le tarme attirano altre tarme quindi cercate di disinfettare tutto perfettamente;
  • Infine, se decidete di rammendare un capo rovinato dalle tarme, non esitate a lavarlo bene in modo tale da eliminare qualsiasi traccia di eventuali larve.

COME ELIMINARE TARLI CON IL SAPONE DI ALEPPO

Materiale occorrente

Se notate dei piccoli buchi nei vostri mobili e infissi è un chiaro segno dell’attività di insetti xilofagi. Provate a intervenire con il sapone d’Aleppo ridotto in scaglie. Questo antico sapone naturale contiene l’alloro, una pianta il cui olio essenziale è sgradito a questi coleotteri. Dopo aver spolverato il mobile, tappate bene i buchi con una scaglia di sapone d’Aleppo.

COME TENERE LONTANI I TARLI CON VODKA E CEDRO

Materiale occorrente

Procedimento

  1. Mescolate gli ingredienti e intingeteci un batuffolo col quale strofinerete i vostri mobili in legno.
  2. Nel caso di armadi o cassetti, è possibile lasciare i batuffoli al loro interno per prolungare effetto antitarlo e il gradevole profumo sprigionato dal vostro metodo naturale per sconfiggere questi parassiti del legno.

COME TOGLIERE I TARLI CON LA CANNELLA

Materiale occorrente

  • un cucchiaino di cannella in polvere

Procedimento

  1. Basterà riempire i buchini lasciati dai parassiti con un pizzico di cannella in polvere. Con questo metodo naturale non solo sarà possibile sconfiggere tarli, ma alto stesso tempo si donerà un profumo delicato alla casa.

COME ELIMINARE I TARLI CON L’ACETO BIANCO

Materiale occorrente

  • un cucchiaio di aceto di vino bianco

Procedimento

  1. Prendete un cucchiaio di aceto e intingeteci un batuffolo col quale strofinerete i vostri mobili in legno. I tarli saranno molto infastiditi dall’odore acre e non considereranno più il vostro mobile appetibile.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

COME LAVARE I CAPI DELICATI A MANO E IN LAVATRICE:

  1. Come lavare i maglioni di lana a mano o in lavatrice e come recuperare un capo infeltrito
  2. Lavare le lenzuola: quando è necessario e tutti i consigli utili per un letto sempre pulito e igienizzato
  3. Come lavare i capi in lavatrice senza errori, dalla temperatura al programma giusto
Share

<