Questo sito contribuisce all'audience di

Insalata russa, un classico delle feste in versione fai da te. La ricetta appetitosa e colorata

Si tratta di una pietanza fredda dalla composizione molto semplice. Prepararla con le vostre mani vi permetterà di risparmiare sul budget della spesa.

di Posted on
Condivisioni

RICETTA INSALATA RUSSA

Appetitosa e colorata, l’insalata russa è un piatto che non può mancare sulle nostre tavole durante il periodo delle festività natalizie. Un classico che non tramonta mai, è perfetta come antipasto o contorno per i piatti a base di carne e pesce.

Piatto tipico della cucina tradizionale russa e di quella piemontese, si tratta di una pietanza fredda dalla composizione molto semplice. Scopriamo insieme la ricetta tradizionale: realizzare l’insalata russa con le proprie mani permette di risparmiare qualche euro sul budget della spesa.

LEGGI ANCHE: Insalata di carciofi, la ricetta con il melograno. E con carote, mele e noci sgusciate

RICETTA INSALATA RUSSA ORIGINALE

La ricetta (ingredienti per 6 persone) è di facile esecuzione e gli ingredienti di base sono piuttosto economici.

Primo passo: la maionese fatta in casa

  • Gli ingredienti che vi occorrono sono: 2 tuorli d’uovo, 250 ml di olio di semi, il succo filtrato di mezzo limone, un cucchiaino di aceto bianco, sale.
  • È importante che olio e tuorli (perfettamente separati dagli albumi) siano a temperatura ambiente. In una ciotola dai bordi alti mettete i tuorli, un pizzico di sale e se vi piace anche una spolverata di pepe bianco macinato, poi unite l’aceto.
  • Azionate lo sbattitore elettrico e, con pazienza, aggiungete l’olio a filo mentre continuate a mescolare sempre nello stesso verso.
  • Non aggiungete mai troppo olio per volta, ma aspettate sempre che il precedente si sia perfettamente emulsionato con l’uovo.
  • Soltanto alla fine, sempre continuando il movimento con lo sbattitore, aggiungete il succo di limone.
  • Se amate il gusto di quello di oliva optate per un olio extravergine molto delicato, altrimenti il sapore dell’insalata russa, specialmente se usata come contorno, rischierà di prevaricare su quelli delle altre pietanze. La scelta migliore ricade però su un olio di semi di ottima qualità, meglio se di arachidi oppure di girasole.
  • Assaggiate la maionese pronta e, se necessario, regolate di sale e pepe, poi copritela con della pellicola trasparente e riponetela in frigorifero.

Il condimento

  • Vi servono: 200 gr di carote, 300 gr di piselli surgelati, 500 gr di patate e 50 gr di cetrioli sott’aceto.
  • Patate e carote, dopo averle lavate e sbucciate, vanno tagliate regolandosi sulla misura dei piselli surgelati: fate quindi dadini piccolissimi.
  • Lessatele in acqua bollente salata separatamente e rispettando questi tempi di cottura perché risultino croccanti: dai 7 ai 10 minuti per le patate, dai 5 ai 7 per le carote; cuocete i piselli regolandovi sul tempo indicato sulla confezione.
  • Scolate le verdure e lasciatele dentro lo scolapasta finché non avranno perso tutta l’acqua. Quando saranno tiepide trasferitele in una ciotola insieme ai cetriolini che avrete tagliato a cubetti della stessa dimensione di patate e carote, e condite il tutto con poco olio, mezzo cucchiaio di aceto, sale e pepe.
  • Solo quando tutti i vegetali si saranno raffreddati potrete creare il matrimonio di gusto fra verdure e maionese. Non vi resta che conservare la pietanza coperta da pellicola dentro il frigorifero per almeno un’ora in modo che risulti gradevolmente fredda quando la porterete in tavola e con tutti i sapori perfettamente amalgamati fra loro.

RICETTE NATALIZIE SEMPLICI DA PREPARARE E RICCHE DI GUSTO:

  1. Antipasti di Natale: tante ricette perfette per il pranzo in famiglia o in compagnia degli amici
  2. Primi piatti di Natale, una raccolta di ricette gustose, anche in versione vegan e gluten free
  3. Secondi di Natale: tante ricette squisite per portare in tavola i piatti della tradizione
  4. Dolci di Natale: le ricette per prepararli in casa, dal panettone ai biscotti al torrone

LEGGI ANCHE:

Nessun commento presente

Che ne pensi?