Questo sito contribuisce all'audience di

Gioco d’azzardo, un manifesto delle regioni per fermare il virus della ludopatia

Alleanza tra Lombardia, Liguria e Veneto: niente slot machine vicino alle scuole. Premi ai locali pubblici che le eliminano. E limiti alla pubblicità sull’azzardo che in Italia è molto tollerata…

di Posted on
Condivisioni

MANIFESTO DELLE REGIONI PER LA LOTTA ALLA LUDOPATIA –

Mentre il governo arranca, e non riesce a fare altro che aumentare il numero delle slot machine in Italia (abbiamo già il record europeo) sono le regioni e i  comuni a muoversi contro la vergogna del gioco d’azzardo protetto dallo Stato. I governatori delle più importanti regioni italiane si sono incontrati a Milano, con sindaci e rappresentanti di associazioni di volontariato impegnate su questo fronte,  per approvare un manifesto con alcune scelte politiche condivide. E con un appello al governo a non lasciare soli gli enti locali in questa battaglia.

LEGGI ANCHE: Basta, il gioco d’azzardo in Italia lo protegge lo Stato. Interessato solo a incassare soldi

COME SCONFIGGERE LA LUDOPATIA –

Il manifesto per la lotta alla ludopatia, firmato tra l’altro dai governatori di Lombardia, Veneto e Liguria, innanzitutto ribadisce alcune scelte amministrative. Per esempio: niente slot in prossimità di luoghi sensibili, come le scuole; limiti alla pubblicità sull’azzardo 8anche con tutta la favoletta ipocrita della frase “il gioco è vietato ai minori e può portare dipendenza”; incentivi per chi riduce le macchinette. E qui le regioni, attraverso la loro alleanza, cercano di mettere in rete tutte le buone pratiche di incentivazione per eliminare le slot nei luoghi pubblici. Ormai sono tanti i comuni no slot, e anche i locali che hanno ricevuto, per esempio, una diminuzione della tassa sui rifiuti in cambio della soppressione di qualche macchinetta mangiasoldi. E questa è la strada vincente.

PER APPROFONDIRE: Gioco d’azzardo, un milione di ragazzi a rischio. Che spreco di salute e di soldi