Gruppo Hera, il progetto "Cambia il finale" - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

“Cambia il finale”, quando gli oggetti invece di finire nella spazzatura rinascono (foto)

Questa iniziativa, promossa dal Gruppo Hera in collaborazione con Last Minute Market e 20 Onlus locali, aiuta ad evitare un inutile spreco aiutando a istaurare un’economia circolare che è capace di creare valore anche a livello sociale

GRUPPO HERA CAMBIA IL FINALE

Promuovere la responsabilità sociale dei cittadini permettendogli di non far andare sprecati i beni ingombranti ancora in buono stato. Con questo obiettivo il Gruppo Hera, una delle principali società multiutility in Italia, in collaborazione con Last Minute Market e 20 Onlus locali, ha promosso un progetto dal nome “Cambia il finale“. Come suggerisce il titolo dell’iniziativa lo scopo è quello di evitare uno spreco inutile. Per riuscirci è stata avviata una raccolta dei beni ingombranti in buono stato che poi vengono predisposti per essere riutilizzati e sfruttati al meglio.

LEGGI ANCHE: Rifiuti in strada, come fermare la follia di chi lascia frigoriferi e divani ovunque (foto)

RACCOLTA DEI BENI INGOMBRANTI

Il Gruppo Hera è una delle principali società multiutility in Italia: offre a circa 4,4 milioni di cittadini la gestione sostenibile di più servizi pubblici in 357 comuni distribuiti in 5 regioni italiane (Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Marche e Toscana). Fornisce servizi energetici, idrici e ambientali, come la raccolta e lo smaltimento di rifiuti a cittadini e imprese. Con “Cambia il finale” questa società promuove la conoscenza delle 20 Onlus patner di Hera nella raccolta e avvio al riuso dei beni ingombranti in buono stato. È attivo anche il call center per indirizzare i cittadini verso le Onlus nel caso di richiesta di ritiro a domicilio.

RIUTILIZZO BENI INGOMBRANTI

Le Onlus, che nel 2016, hanno coinvolto oltre 1.100 volontari, ritirano tali beni a domicilio gratuitamente. Un’attività che, in collaborazione con quella che ha svolto Hera, nel 2016 ha consentito di raccogliere 751 tonnellate di ingombranti in buono stato (+5% rispetto al 2015) di cui il 71% avviati al riuso. Il progetto ha consentito anche 360 inserimenti sociali, di cui 99 coinvolti direttamente nel progetto, motivo per il quale “Cambia il finale” si è dimostrato un progetto di economia circolare capace di creare valore sia dal punto di vista economico che sociale.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2017 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui! 

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

STORIE DI MIRACOLI CON IL CROWDFUNDING:

Shares