Questo sito contribuisce all'audience di

Raccolta differenziata del vetro, come farla nel modo giusto. E consentire il riciclo

Dove vanno messi barattoli e bottiglie. Mai fare confusione con ceramica, residui di cristallo, decorazioni. E tantomeno con le lampadine.

di Posted on
Condivisioni

RACCOLTA DIFFERENZIATA VETRO

Tra i materiali più semplici da riciclare per i cittadini, i ristoratori e i commercianti, vi è senza dubbio il vetro, realizzato a partire delle materie prime come sabbia o calcare. Riciclare il vetro significa restituire un forte risparmio di energia al nostro Pianeta. Inoltre, può essere riutilizzato per dar vita a nuovi oggetti.

Per fare tutto ciò, però, è necessario che la nostra raccolta avvenga in maniera corretta. Molti sono gli errori che comunemente commettiamo scambiandolo con il falso vetro. Piccole sviste che, anche se possono sembrare poco importanti, possono compromettere la corretta differenziazione dei diversi materiali.

COME SI FA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEL VETRO

Il metodo più popolare per la raccolta del vetro è indubbiamente l’impiego delle Campane verdi. Vediamo nel dettaglio cosa inserire in questi contenitori per fare in modo che la nostra raccolta differenziata avvenga in maniera corretta.

LEGGI ANCHE: Raccolta differenziata: gli incivili siamo noi. Così si spiega l’abisso tra le diverse regioni

COSA METTERE NEL CASSONETTO DEL VETRO

Ecco la lista degli oggetti che possono essere avviati al riciclo del vetro:

  • Bottiglie di vetro: tutte le bottiglie di vetro possono essere tranquillamente gettate nella raccolta differenziata: quelle del vino, quelle dello champagne, dello spumante e del prosecco.
  • Barattoli di vetro: i vasetti e i barattoli di vetro delle marmellate, dei sughi e delle salse e tutti i normali barattoli di vetro come quelli dei cibi sott’olio o sott’aceto acquistati o preparati in casa.

COSA NON BUTTARE NEL CASSONETTO DEL VETRO

Tutto il resto non va assolutamente conferito nelle campane verdi. Stiamo parlando di oggetti fatti di materiale non pulito e quindi difficilmente riutilizzabile, come tazzine, piatti, specchi. E ancora:

  • Decorazioni e lampadine: le decorazioni in vetro soffiato che abbiamo in casa e tutti i tipi di lampade e lampadine, comprese le luminarie, non vanno inserite nella raccolta del vetro.
  • Calici e bicchieri di cristallo: se si rompe un calice o un posacenere di cristallo non buttate via i pezzi nella raccolta del vetro: nella loro composizione vengono aggiunti elementi non riciclabili.
  • Pirofile in vetro: Le coppe e le pirofile in vetroceramica tipo pyrex, non possono essere gettate nella raccolta differenziata del vetro.
  • Schermi degli apparecchi elettronici e specchi: Gli schermi di pc, tv, smartphone e tablet, o gli specchi, non devono essere gettati nella raccolta differenziata del vetro.

PER APPROFONDIRE: “Anche alla festa mettiamoci la testa”, il progetto per promuovere una corretta raccolta differenziata

Nonostante gli ultimi anni vedano una crescita importante della raccolta del vetro in Italia, vi è ancora un rientro economico inferiore rispetto a quello dell’alluminio. Per farlo diventare un business, bisognerebbe dividere il vetro per colori, come hanno già sperimentato in alcune città italiane. Sono state inserite, infatti, delle campane bicolore con due scomparti separati in cui inserire il vetro bianco, destinato alle vetrerie, e quello colorato, impiegato per altri scopi come per la produzione di ghiaia in vetroschiuma.

RACCOLTA DIFFERENZIATA, COME EVITARE SPRECHI:

  1. Raccolta differenziata del polistirolo: i consigli utili per riciclarlo in maniera corretta
  2. Raccolta differenziata: tutto quello che c’è da sapere per procedere correttamente
  3. Raccolta differenziata porta a porta: il caos dei comuni in ordine sparso
  4. Plastica e raccolta differenziata, tutto quello che bisogna sapere per farla bene

LEGGI ANCHE: