Eritritolo: cos'è, come si usa e controindicazioni | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Eritritolo: cos’è, come si usa e controindicazioni

Contiene pochissime calorie ed è adatto per i diabetici. Ma non è privo di controindicazioni.

Sapere cos’è l’eritritolo, come si usa e quali sono le sue controindicazioni può tornare utile a chi sia in cerca di un dolcificante naturale, stia tentando di perdere peso o semplicemente voglia limitare il consumo di zuccheri nella propria alimentazione. Ma dove si ricava l’eritritolo, e perché non ha calorie? Chiariamo tutti i dubbi in merito.

ERITRITOLO

Se ne parla sempre più spesso negli ultimi tempi: l’eritritolo è un dolcificante naturale che ha lo stesso aspetto e lo stesso sapore dello zucchero. Rispetto a questo, però, ha molte meno calorie, e pertanto si adatta alla dieta di diversi soggetti. Siano essi diabetici, sportivi o semplicemente sostenitori di una alimentazione sana.

LEGGI: Dolcificanti naturali: tutte le alternative per sostituire i dannosi prodotti artificiali

COS’E’ L’ERITRITOLO

Ma cos’è, in sostanza? Dal punto di vista chimico l’eritritolo è un polialcolo. I polialcoli sono sono ampiamente utilizzati dai produttori di alimenti e bevande a basso contenuto calorico. A differenza dei più comuni (xilitolo, sorbitolo e maltitolo tra questi), l’eritritolo contiene solo il 6% delle calorie dello zucchero, pur avendo un potere dolcificante molto alto. A tal proposito, per chiarire che differenza c’è tra eritritolo e stevia, basti sapere che la seconda ha un potere dolcificante fino a 300 volte superiore al saccarosio. Quello dell’eritritolo raggiunge invece il 70%. Alla prima, sono inoltre legati possibili rischi per la salute, in particolare quello di ipotensione e ipoglicemia.

Eritritolo cos'è, come si usa e controindicazioni

COME SI OTTIENE L’ERITRITOLO

Per capire dove si ricava l’eritritolo basti sapere che, essendo una sostanza appartenente al gruppo dei polioli o polialcoli, si ottiene dalla fermentazione di zuccheri di frutti e altri alimenti vegetali. In natura si trova principalmente in meloni, pere e uva, ma anche in alimenti come formaggi e pistacchi. Si trova infine anche nel vino. E’ noto con la sigla E968.

ERITRITOLO: VALORI NUTRIZIONALI

Quanti carboidrati contiene l’eritritolo e quante calorie ha? In quanto ai suoi valori nutrizionali, 100 grammi di prodotto contengono:

  • calorie 20
  • carboidrati 99,5 g
  • di cui zuccheri 0 g e polioli 99,5 g
  • proteine 0 g
  • grassi 0 g
  • fibre 0 g
  • sale 0 g

Ha dalla sua il fatto di essere senza glutine e senza lattosio, per cui adatto all’alimentazione di celiaci e intolleranti al glutine e degli intolleranti al lattosio.

Eritritolo: cos'è, come si usa e controindicazioni

PROPRIETA’ DELL’ERITRITOLO

Perché usare l’eritritolo? Tra le sue più interessanti proprietà c’è il suo alto potere dolcificante (paragonato al comune saccarosio) e il suo ridotto contenuto di calorie. Non è caratterizzato da alcun retrogusto e pertanto non influenza il sapore finale delle bevande o delle preparazioni alle quali viene unito. Molti si chiedono perché l’eritritolo non ha calorie. E’ presto detto: il nostro corpo ne percepisce la dolcezza a livello della lingua, ma non viene assimilato e viene totalmente espulso attraverso le urine.

Altri suoi evidenti benefici risiedono nel fatto di:

  • Non provocare carie ed essere sicuro per la salute dei denti e del cavo orale
  • Non influire sui livelli di glucosio e di insulina nel sangue in quanto il suo indice glicemico è pari a zero
  • Non provocare effetto lassativo così come gli altri polioli in quanto viene quasi completamente assorbito nell’intestino ed escreto tramite le urine

COME SI USA L’ERITRITOLO

Partiamo dalle basi: quanto eritritolo rispetto allo zucchero? Appurato come dolcifichi circa il 30 % in meno rispetto a quest’ultimo, basta aumentarne di poco la dose. Diciamo pure che se vi state chiedendo quanto eritritolo usare per 100 g di zucchero, potete considerarne circa 130 grammi. Questa è la quantità di eritritolo nei dolci. Si può utilizzare allo stesso modo dello zucchero.

E quindi per dolcificare il caffè, il tè, le tisane e altre bevande calde, per la preparazione di dolci di ogni tipo, dai biscotti alle torte fino ai dessert al cucchiaio ed ai frullati. Non è consigliato, invece, nella realizzazione della pasta frolla o delle crostate più in generale, perché restituisce una consistenza gommosa. L’eritritolo si può anche sfruttare nelle ricette salate, ad esempio nelle marinate per carne e pesce o nella caramellizzazione dei classici pomodorini confit.

LEGGI ANCHE: Basta zucchero, è peggio del colesterolo. E la Coca Cola lo riduce nelle sue lattine

tè eritritolo

CONTROINDICAZIONI DELL’ERITRITOLO

Il suo consumo è generalmente sicuro per la maggior parte delle persone. Ciò non toglie, però, che sia completamente privo di controindicazioni. Ad esempio, se assunto in dosi eccessive, può provocare nei soggetti predisposti o particolarmente sensibili malesseri quali diarrea, mal di testa e dolori allo stomaco. Inoltre, può potenzialmente provocare un eccesso di gas e un effetto lassativo. Tuttavia, come abbiamo anticipato, i consumatori lo gestiscono meglio degli altri alcoli di zucchero.

ERITRITOLO, FA MALE?

Veniamo alla domanda più gettonata: fa male? L’eritritolo non è un dolcificante pericoloso se il suo consumo viene fatto con moderazione. C’è da dire però che ingerirne troppo e per un lungo periodo, può causare gravi problemi gastrointestinali che possono diventare cronici. La giusta via da seguire è, come sempre, quella della moderazione. Qualcuno associa l’eritritolo ai tumori: sul fatto che sia cancerogeno, ad oggi, non ci sono evidenze scientifiche.

ERITRITOLO DOVE SI COMPRA

Lo si può reperire facilmente nella stragrande maggioranza degli e-commerce, dove si può acquistare quello liquido, a velo o in cristalli. L’eritritolo al supermercato è allo stesso modo diffuso, ma ovviamente è disponibile in minore varietà. Nonostante siano sempre più numerose le catene che lo vedono comparire tra i loro scaffali.

RICETTE CON ERITRITOLO

In quanto dolcificante, l’eritritolo si usa in ricette perfette per i diabetici e per chi è a dieta. Non solo dolci, nonostante siano le più comuni, ma anche in preparazioni salate. Di seguito ve ne suggeriamo alcune da provare.

biscotti con eritritolo

BISCOTTI CON ERITRITOLO

Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 20 minuti
Difficoltà: Bassa

INGREDIENTI

  • 3/4 di tazza di eritritolo
  • 1/4 tazza di burro ammorbidito
  • uova grandi
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 2 tazze di farina di mandorle

PREPARAZIONE

  • Mescolate in una ciotola il burro ammorbidito con l’eritritolo fino ad ottenere una crema.
  • Unite l’estratto di vaniglia e le uova, una alla volta, fino ad ottenere un composto omogeneo.
  • Unite per ultima la farina di mandorle, fino ad ottenere un composto bene amalgamato.
  • Prelevate piccole porzioni di impasto aiutandovi con due cucchiai e distribuitele su una teglia rivestita di carta forno, ben distanziate le une dalle altre.
  • Premetele leggermente con una forchetta, quindi fate cuocere in forno caldo a 180°C per 17-20 minuti.

Eritritolo: cos'è, come si usa e controindicazioni

MARMELLATA CON ERITRITOLO 

Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 45 minuti
Difficoltà: Bassa

INGREDIENTI

  • 1 kg di fragole fresche
  • 1 tazza di eritritolo
  • succo di 1/2 limone

PREPARAZIONE

  • Lavate perfettamente le fragole e tagliatele in quarti. Trasferitele in una casseruola dal fondo spesso.
  • Unite anche l’eritritolo e il succo di limone e portate a bollore.
  • Da questo momento calcolate circa 45 minuti di cottura, continuando a mescolare.
  • Una volta pronta, trasferite la marmellata senza zucchero bollente nei vasetti sterilizzati, avvitate bene e conservate in dispensa.

PER APPROFONDIRE: Dolcificante, quando è meglio evitarlo. E sostituirlo con il miele e con la canna da zucchero

Eritritolo: cos'è, come si usa e controindicazioni

MERINGHE CON ERITRITOLO

Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di cottura: 60 minuti
Difficoltà: Bassa
  • 2 albumi
  • 1/2 cucchiaino di succo di limone
  • 1/4 tazza di eritritolo in polvere

PREPARAZIONE

  • Montate con le fruste elettriche i due albumi a neve soda. Unite l’eritritolo continuando a montare, quindi anche il succo di limone.
  • Riempite una sac à poche con il composto ottenuto e disponetene dei mucchietti su una teglia foderata con carta da forno.
  • Trasferite in forno preriscaldato a 90-100 °C e fatele cuocere per circa 1 ora.
  • Spegnete il forno e lasciate le meringhe all’interno per almeno un’altra ora per farle asciugare.

Eritritolo: cos'è, come si usa e controindicazioni

TORTA CON ERITRITOLO

Tempo di preparazione: 15 minuti
Tempo di cottura: 35 minuti
Difficoltà: Bassa
  • 160 g di farina integrale
  • 35 g di cacao amaro in polvere
  • 2 cucchiaini di lievito in polvere
  • 250 g di yogurt greco
  • 100 ml di olio di semi
  • 2 uova
  • 100 g di eritritolo
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • scorza di limone
  • 1 pizzico di sale

PREPARAZIONE

  • Setacciate la farina insieme al lievito, al cacao e al sale. Mescolate e tenete da parte.
  • In una ciotola mescolate lo yogurt, le uova, l’olio e l’eritritolo. Unite la vaniglia e la scorza di limone.
  • Trasferite in una tortiera imburrata ed infarinata, livellando bene.
  • Fate cuocere a 180 °C per circa 35 minuti.

Crema limoncello eritritolo

CREMA LIMONCELLO CON ERITRITOLO

Tempo di preparazione: 10 minuti
Tempo di cottura: 0 minuti
Difficoltà: Bassa
  • 2 uova medie
  • 100 ml di succo di limone
  • 2 cucchiai di eritritolo
  • 1/2 cucchiaio di amido
  • 1/2 cucchiaino di agar agar
  • scorza di limone grattugiata

PREPARAZIONE

  • Versate tutti gli ingredienti in una casseruola, mescolate bene con l’aiuto di una frusta e solo una volta che il composto sarà bene amalgamato e privo di grumi accendete il fuoco.
  • Fate cuocere, continuando a mescolare, per circa 5 minuti, o fino a quando si sarà addensato. Una volta pronta, trasferite in una o più ciotoline e fatela raffreddare.
  • Gustatela fredda, guarnita a piacere con frutta fresca o panna montata.

PER APPROFONDIRE L’ARGOMENTO DOLCIFICANTI:

Share

Nessun commento presente

Che ne pensi?

<