Questo sito contribuisce all'audience di

Cambiamento climatico, ecco lo studio-verità: è il più veloce degli ultimi 50 milioni di anni (Foto e video)

Un’indagine molto approfondita di Nature Communication smonta, una per una e con evidenza scientifica, tutte le argomentazioni dei negazionisti del surriscaldamento del pianeta. Uno schiaffo alle balle raccontate da Trump in campagna elettorale.

Condivisioni

VELOCITÀ CAMBIAMENTI CLIMATICI –

Il cambiamento climatico più veloce e più drammatico dell’ultimo mezzo secolo. È questo che abbiamo creato e che continuiamo a creare. Uno studio di Nature Communication ha messo in numeri e grafici quello che finora era una convinzione per qualcuno e un’invenzione per altri (ad esempio il presidente americano, Donald Trump). Alla certezza del surriscaldamento fuori controllo si aggiunge un’altra previsione da tenere presente: se dovessimo consumare tutte le riserve di combustibili fossili a nostra disposizione, il cambiamento climatico sarebbe il più tragico e il più rapido degli ultimi 420 milioni di anni.

LEGGI ANCHE: Cambiamenti climatici, a rischio i Patrimoni dell’umanità come Venezia e la barriera corallina australiana

VELOCITÀ CON CUI AVVENGONO I CAMBIAMENTI CLIMATICI –

Lo studio parte da un paradosso scientifico di particolare rilevanza. Milioni di anni fa, il sole scaldava il 30 per cento di meno di quanto non faccia oggi, pur essendo molto più giovane. Il paradosso è spiegato con il fatto che oggi l’atmosfera è resa sensibilmente più calda dai gas serra provenienti dalla combustione dei carburanti fossili. Questo evidenzia una volta di più quanto significativo sia il nostro impatto sul pianeta e sui cicli climatici. Lo squilibrio climatico da noi creato è già alla pari, sempre secondo lo studio, con quello avvenuto durante le ere glaciali, tanto per avere un’idea della gravità della situazione.

NEGAZIONISMO CAMBIAMENTI CLIMATICI –

Ora anche la fondamentale recriminazione dei negazionisti del cambiamento climatico, trova finalmente la considerazione che merita: nessuna. Infatti, i crociati del negazionismo climatico da sempre cavalcano principalmente due cavalli di battaglia. Innanzitutto, asseriscono che il cambiamento climatico c’è già stato in passato. Secondo, che le emissioni di CO2 sono state più alte in passato di quanto non siano oggi.

Sono due affermazioni in teoria corrette, ma non tengono conto di verità senza le quali non hanno nessuna importanza. In primo luogo, quando il cambiamento climatico è avvenuto in passato, ha causato l’estinzione di intere specie dominanti sul pianeta. Inoltre, il cambiamento climatico che stiamo producendo è enormemente più rapido di quanto non sia mai accaduto in passato. Infine, il sole di qualche milione di anni fa, essendo più “freddo”, manteneva le temperature più basse, mentre oggi queste non farebbero altro che continuare a salire.

VELOCITÀ CAMBIAMENTI CLIMATICI:

LEGGI ANCHE: Surriscaldamento globale, aumentano anche i fulmini (Video) 

NEGAZIONISMO E DISINFORMAZIONE SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI –

Nelle parole dello scienziato, climatologo e geologo statunitense Wallace Smith Broecker, il cambiamento climatico è una bestia che dorme e che ogni volta che si è svegliata ha fatto danni enormi a chi abitava il pianeta. Oggi noi stiamo stuzzicando quella bestia più forte e velocemente di quanto non sia mai stato fatto, e non sappiamo quando e come potrà svegliarsi.

(Credits immagine di copertina: Ryan Rodrick Beiler / Shutterstock.com)

LA PARTITA SUL CLIMA, CHE COSA RISCHIAMO: