Questo sito contribuisce all'audience di

Venezia, il ponte degli sprechi. L’opera di Calatrava, costata 12 milioni, non funziona

Duemila giorni per fare i lavori, invece dei 456 previsti. Il ponte doveva costare 3 milioni e invece siamo arrivati a 12. Intanto si smontano pezzi , e l’attraversamento, quando piove, è pericoloso.

Condivisioni

PONTE DELLA COSTITUZIONE CALATRAVA VENEZIA –

Per capire quanti danni possono fare le archistar, quando fanno progetti poco realistici e poco curati, dovete andare a visitare il Ponte sul Canal Grande, alle porte di Venezia, progettato nel lontano 1996 dal celebre architetto spagnolo Santiago Calatrava.

LEGGI ANCHE: A Venezia sono i cittadini a ripulire i muri dai graffiti

PONTE VENEZIA CALATRAVA: I PROBLEMI –

Probabilmente, in questo caso, reati non ne sono stati commessi. Ma a distanza di vent’anni dal disegno, la situazione è questa: quando piove il Ponte di Calatrava diventa una zona a rischio, per la sua superficie scivolosa; il trasporto per i disabili non funziona e l’ovovia rossa sarà smontata.

L’ENORME SPRECO DI DENARO –

Quest’opera, che pure doveva coniugare efficienza ad estetica, è stata un vero calvario. E ancora non si vede l’uscita dal tunnel. Il primo progetto approvato dal comune di Venezia prevedeva una spesa di 3 milioni e 842mila euro. Poi, a forza di varianti, rinvii e indecisioni, siamo arrivati a una spesa di 12 milioni di euro. Il triplo.

Per realizzare il Ponte sono stati necessari 2.052 giorni, invece dei previsti 456, come se si fosse fatta un’autostrada. E accanto all’opera viene inaugurata, nel 2013, un’ovovia destinata al passaggio dei disabili (altri 2 milioni di euro di spesa). Adesso sarà smontata.

(Fonte immagine: Comune di Venezia)

PER APPROFONDIRE: Giardini e parchi, è Venezia la città che spende di più