Come risparmiare con il condominio

Scegliere un amministratore onesto e competente. Usare la posta elettronica per le comunicazioni. Dare all’esterno guardiania e pulizia. E innanzitutto non litigare

RISPARMIO CONDOMINI CONDIVISI

Come risparmiare con il condominio: il problema non è banale, in quanto queste spese fanno parte dei costi delle famiglie che più hanno risentito dell’aumento dell’inflazione. Ci sono una serie di consigli utili, dalla scelta dell’amministratore onesto ed efficiente alla necessità di non litigare con i vicini di casa, che possono essere decisivi per avere forti risparmi con il condominio.

COME RISPARMIARE CON IL CONDOMINIO

Le spese condominiali stanno aumentando di oltre il 40% a causa degli effetti della crisi energetica, come riportato dalle associazioni che rappresentano gli amministratori di condominio. Inoltre, negli ultimi anni, la percentuale di coloro che non pagano regolarmente tali spese è cresciuta del 20%, rispetto al normale livello del 10%. Gli oltre 45 milioni di italiani che vivono in condominio possono però adottare diverse strategie per risparmiare sulle spese.

LEGGI ANCHE: Risse condominiali: impariamo a evitarle. Ecco perché con i vicini conviene la pace

SCEGLIETE UN BUON AMMINISTRATORE

Il primo passo per risparmiare con le spese condominiale è scegliere un amministratore onesto ed efficiente. Non è facile. Purtroppo i mini-scandali con amministratori di condominio che fanno sparire la cassa sono molto frequenti. Cercate di scegliere sulla base di un buon curriculum, prendete le dovute referenze come per qualsiasi collaboratore della vostra casa, spargete la voce nei palazzi vicino al vostro e magari grazie al tam-tam troverete la persona giusta.

PARTECIPATE ALLE ASSEMBLEE

Essenziale per esercitare un impatto sulle scelte finanziarie del condominio è la partecipazione attiva durante le assemblee condominiali. In queste riunioni si ha l’opportunità di far valere il proprio punto di vista. Inoltre, durante un’assemblea condominiale si ha la possibilità di presentare suggerimenti per la riduzione delle spese, ad esempio attraverso la negoziazione di contratti vantaggiosi con i fornitori o l’individuazione di alternative economiche per alcune delle spese comuni. Le assemblee condominiali spesso sono una tortura per il livello di rissosità, considerato uno specchio del nostro Paese. Ma in ogni caso il gioco vale la candela.

ECONOMIA SULLE SPESE ORDINARIE

Dalla manutenzione delle scale alle spese per le attività di manutenzione ordinaria, passando per le comunicazioni postali, diverse sono le spese che possono essere notevolmente ridotte:

  • Nel caso delle attività di pulizia e portineria, è opportuno selezionare aziende che offrano un servizio di qualità, ma a costi contenuti. In alternativa, si potrebbe considerare l’idea di organizzare una condivisione delle attività di pulizia, con i condomini, o le rispettive persone di servizio, che si alternano in base a un programma prefissato. La portineria h24 è diventata un lusso: meglio dimenticarla, e fare accordi tra palazzi, per esempio per la consegna delle raccomandate e dei pacchi tipo Amazon.
  • Per quanto concerne le spese di manutenzione, è consigliabile investire una somma modesta ogni anno per mantenere l’edificio in buone condizioni. Questo approccio permette di evitare che l’edificio si deteriori completamente, il che porterebbe a spese eccezionali per interventi di manutenzione straordinaria, notevolmente onerose. Considerate il condominio come la vostra abitazione: la lascereste abbandonata tra macchie di umidità e mura senza pittura?
  • Nel caso delle comunicazioni postali, possono essere inviate via email, anche attraverso l’apertura di una PEC condominiale che però il condomino non è obbligato ad aprire. È obbligato ad aprire una PEC solo l’amministratore di condominio che per legge ne debba possedere una perché, ad esempio, iscritto ad un albo professionale.

CONTROLLATE I RENDICONTI

Il condomino dovrebbe sempre controllare i rendiconti e la situazione economica del condominio per individuare possibili costi non necessari o settori in cui è fattibile tagliare le spese. Bisogna comprendere come vengono distribuite le spese e individuare eventuali aumenti che possano apparire incongruenti. Qualora si riscontrino voci di spesa non giustificate, è possibile richiedere una revisione dettagliata e comunicare le proprie considerazioni all’amministratore condominiale.

PAGATE REGOLARMENTE LE QUOTE CONDOMINIALI

Quando un condomino ritarda nel versare le spese condominiali, l’amministratore intraprende una serie di azioni per recuperare gli importi mancanti. Inizialmente, viene inviato un richiamo informale tramite una raccomandata, con la richiesta di regolarizzare la somma entro 15 giorni. Se la situazione persiste, può essere inviata una lettera di avvertimento che indica l’intenzione di procedere con le vie legali per il recupero del debito, come ad esempio richiedendo un decreto ingiuntivo attraverso il tribunale.

Se il problema non trova soluzione, il regolamento condominiale può stabilire delle sanzioni da applicare. Queste misure punitive possono variare dalla temporanea sospensione dei servizi (purché non pregiudichino gli altri condomini) all’addebito di interessi legali o penali supplementari. La decisione di imporre tali sanzioni deve ricevere l’approvazione unanime durante un’assemblea condominiale. In ogni caso, un condomino che non paga regolarmente le quote, perde credibilità e autorevolezza: molto difficilmente le sue richieste verranno accolte. Dunque, è sempre consigliabile pagare regolarmente le proprie quote.

PER APPROFONDIRE: Eco-condomini: risparmiare attraverso la condivisione di servizi

EFFICIENZA ENERGETICA

L’attenzione principale per il risparmio, come sempre, si concentra sulle spese energetiche:

  • Si pensi, innanzitutto, al sistema di riscaldamento, valutando la possibilità di sostituire la caldaia vecchia con un modello nuovo, magari a condensazione, maggiormente efficiente. La sostituzione di caldaie obsolete e inquinanti necessita dell’approvazione della semplice maggioranza dei condomini (500 millesimi), in accordo con quanto definito nel nuovo testo dell’articolo 1120 del codice civile, che favorisce tutte le innovazioni mirate al risparmio energetico.
  • Un’altra opzione per risparmiare è quella di favorire un sistema di riscaldamento autonomo e non più centralizzato. Questa modifica comporta una riduzione delle spese che può variare intorno al 30/40%, ma è altrettanto importante considerare un rinnovamento energetico completo dell’edificio.
  • Un ulteriore risparmio energetico può essere ottenuto attraverso una corretta pulizia e manutenzione dei radiatori. È altresì auspicabile l’isolamento termico mediante l’impiego di porte e finestre isolanti può ridurre la dispersione di calore di almeno il 20% all’anno, comportando un significativo risparmio energetico.
  • Per ciò che concerne l’energia elettrica, si consideri l’utilizzo di interruttori temporizzati, così da evitare che le luci delle aree comuni come l’androne, le scale e la cantina rimangano inutilmente accese. In questo modo si riducono gli sprechi energetici e si risparmia denaro.

SERVIZI IN COMUNE

Se in un condominio esistono delle attrezzature di valore, come ad esempio tosaerba o lavatrici, condividerle è l’opzione più intelligente per abbattere le spese condominiali. In questo modo, infatti, i costi vengono ripartiti tra i condomini, alleggerendo così il peso finanziario di ciascuno. Questo tipo di cooperazione può promuovere un senso di comunità all’interno del condominio e contribuire a una gestione finanziaria più equa ed efficiente. Si parte da una lavatrice, ma poi si può arrivare alla condivisione di badanti, colf e baby-sitter.

COLLABORATORI FIDATI

La volontà di risparmio sulle spese condominiali include anche la possibilità di negoziare contratti e cercare tariffe competitive. È possibile richiedere preventivi da diverse aziende per servizi come la manutenzione dell’ascensore, la pulizia delle aree comuni, come ad esempio le scale, l’assistenza in caso di guasti idrici o elettrici e altri servizi essenziali. Attraverso il confronto delle offerte e la negoziazione di accordi vantaggiosi, il condominio può beneficiare di tariffe più convenienti, alleggerendo così il peso economico per tutti i condomini.

SERVIZIO DI PORTINERIA

Un ulteriore servizio in cui è possibile apportare risparmio è la gestione della portineria. Qualora la struttura lo consenta, potrebbe essere opportuno considerare l’opzione di eliminare la figura del portiere e invece rivolgersi a servizi di vigilanza da parte di guardie giurate. Allo stesso tempo, si può valutare la rinegoziazione del contratto del portiere, passando da un regime a tempo pieno a uno part-time. Al fine di ottimizzare il risparmio, si potrebbe altresì esaminare la condivisione delle responsabilità di portierato tra i condomini, contribuendo così a una riduzione delle spese complessive.

NON LITIGATE CON I VICINI

Non litigare con i vicini è il modo migliore per risparmiare sulle spese condominiali e non sprecare tanti soldi. Per almeno due buoni motivi. Soltanto un clima di armonia tra i condomini, senza risse e senza veti incrociati, può consentire di prendere le decisioni giuste, a partire da quelle che servono per ridurre i costi. In secondo luogo, qualsiasi contenzioso condominiale ha un costo (anche di salute) in termini legali. E sono tutti soldi sprecati.

IDEE PER RISPARMIARE CON IL BUDGET FAMILIARE

KuBet
KUBet - Trò chơi đánh bài đỉnh cao trên hệ điều hành Android
Torna in alto