Rimedi naturali contro allergia ai pollini - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Allergie di primavera, come evitarle con i rimedi naturali. Le mascherine aiutano ad allontanare i pollini

Un quarto degli italiani e il 30 per cento di bambini e adolescenti soffrono di allergie primaverili. Qualche rimedio arriva anche dalla tavola. Intanto l’emergenza climatica ha fatto aumentare i pollini

di Posted on

RIMEDI NATURALI CONTRO ALLERGIA AI POLLINI

Un quarto degli italiani, il 30 per cento dei bambini e degli adolescenti, soffrono di allergie primaverili. Un aiuto, per loro, sicuramente arriva dalle mascherine anti Covid-19, in quanto con il virus riescono a filtrare anche i pollini. Ma, al contrario, un aumento dei rischi è dovuto alla crescita dell’inquinamento e all’emergenza climatica: nel 1999 la stagione degli starnuti iniziava 20 giorni più tardi e durava 10 giorni in meno e la quantità di polline nell’aria era minore del 21 per cento.

ALLERGIE PRIMAVERILI

Per affrontare un problema che produce una catena di fastidi, si fa quasi sempre affidamento sui farmaci, con un doppio spreco di soldi ( se e quando non funzionano) e di salute ( se e quando esistono delle controindicazioni). Invece, si trascurano i rimedi naturali contro le allergie da polline, a partire dall’alimentazione adatta a contrastare questa patologia.

LEGGI ANCHE: Allergie dei bambini, 10 modi per evitarle senza fare ricorso all’utilizzo dei medicinali

ALLERGIA AI POLLINI

Occhi rossi, continui starnuti accompagnati da tosse secca e rinite: chi è allergico ai pollini sa che l’arrivo della primavera non è un periodo dell’anno facile. E il fatto che i mutamenti del clima stanno allungando la stagionalità di alcune fioriture non è certo di aiuto. Vediamo, però, quali sono i rimedi naturali più adatti a contrastare le allergie ai pollini.

SINTOMI ALLERGIE AI POLLINI

Sono le graminacee ma anche le erbacce più comuni a contenere gli allergeni più diffusi. Tutte le volte in cui il nostro organismo entra in contatto con questi allergeni, reagisce mettendo in atto i suoi meccanismi di difesa che, nel caso delle allergie stagionali, coinvolgono naso e occhi.

I TEST PER LE ALLERGIE AI POLLINI

Per attestare l’allergia è possibile eseguire un test cutaneo, preferibilmente tra settembre e ottobre in modo da individuare con esattezza i pollini a cui si è allergici. Una volta che si ha la certezza di essere allergici è bene rivolgersi subito a uno specialista in grado di consigliare il rimedio giusto.

La maggior parte delle persone allergiche sottovaluta però il disturbo e si affida ai farmaci di automedicazione, acquistabili in farmacia senza alcuna prescrizione. E questo è un errore da non fare.

PER APPROFONDIRE: Animali domestici, aiutano i bambini a sconfiggere le varie allergie

UNA SOLUZIONE PER L’ALLERGIA AL POLLINE

Niente panico però: sopravvivere alla primavera è possibile. Oltre ai i farmaci giusti consigliati dal vostro medico di fiducia, ecco alcuni semplici consigli per contenere i sintomi anche in una giornata assolata e piena di vento:

  • Lavate spesso gli occhi con acqua fredda e prima di andare a dormire fate degli impacchi utilizzando un pezzetto di cotone imbevuto di infuso alla camomilla e rosmarino.
  • Tenete chiuse porte e finestre quando la quantità dei pollini in circolazione è alta, soprattutto di notte e al mattino presto.
  • Al risveglio, ricoprite il letto con un lenzuolo in modo da evitare che i pollini si depositino su coperte e cuscini, scatenando poi le crisi allergiche notturne.
  • Evitate di uscire di casa quando la temperatura è in rialzo, perché il caldo favorisce la liberazione dei pollini nell’aria.
  • Prediligete le passeggiate dopo un giorno di pioggia perché l’acqua abbatte tutti i pollini in circolazione.
  • Evitate gli ambienti fumosi perché le mucose di naso e occhi si irritano ancora di più.
  • Fate circolare l’aria in casa, ma non esagerate con l’ossessione dell’igiene domestica. L’aria in casa si avvelena con particelle volatili che derivano da detersivi e simili. Da qui il rischio di allergie respiratorie.
  • Al contrario, cani e gatti aiutano. I loro allergeni impegnano la risposta immunitari e riducono il rischio di allergie.
  • Infine la dieta: nel 20-25% dei casi l’allergia ai pollini significa anche allergia ad alcuni alimenti vegetali. Si tratta di frutta e verdura che ha una parentela allergenica con la pianta incriminata. Ingerire questi alimenti può provocare reazioni sia pochi minuti dopo con disturbi alla bocca che più tardi in altre sedi. Per questo è importante conoscere l’allergia al tipo o alla specie di piante per evitare i cibi dannosi. In caso, ad esempio, di allergie alle betullacee vanno evitate: mele, pere, nespole, pesche, ciliegie, prugne, frutta secca, kiwi, carote, sedano, finocchi, prezzemolo, soia e fave. In caso di allergia alle composite: banana, castagne, cicoria, tarassaco, lattuga, sedano, prezzemolo, carota, finocchio, olio di girasole, margarine, dragoncello, camomilla, miele di girasole, miele di tarassaco. Infine per le graminacee: kiwi, anguria, pesca, prugna, agrumi, melone, albicocca, ciliegia, mandorla, pomodoro. In generale è opportuno consultarsi con un medico allergologo o un nutrizionista per la definizione della dieta, al fine di evitare anche squilibri o carenze nutrizionali.

L’ALLERGIA AL POLLINE NEI BAMBINI

Se sono i vostri figli a soffrire per gli effetti indesiderati dell’allergia, vi proponiamo un comodo vademecum per aiutarvi ad affrontare la situazione nella maniera più corretta e alleviare i fastidi che la stagione provoca ai vostri piccoli:

  • Insegnate ai bambini l’importanza di lavarsi le mani evitando il contatto con gli occhi in modo da non provocare prurito e infiammazione.
  • In primavera lavate più spesso i capelli ai bambini: il polline può rimanere intrappolato tra i capelli e depositarsi sui cuscini.
  • Quando viaggiate in auto, no ai finestrini aperti. Se siete amanti delle biciclette o dei motorini proteggete occhi, naso e bocca dei vostri piccoli passeggeri.
  • Arredate casa senza tappeti, moquette e tendaggi: accumulano facilmente polvere e polline. Banditi anche i peluche per questo periodo.
  • Preferite lo sport in ambienti chiusi (piscine e palestre).
  • Lavate spesso casa: sui pavimenti in particolare si depositano le particelle di polline. Evitate di areare gli ambienti durante le ore più calde.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

ALLERGIE: COSA SAPERE

  1. Allergia agli animali domestici, colpa delle proteine. La prevenzione per non rinunciare a cani e gatti
  2. Allergie invernali, i rimedi naturali che funzionano. Infusi giusti, ma anche una casa senza polvere
  3. Allergie autunnali, tutti i consigli per evitarle. Lavate gli occhi con acqua fredda e attenzione ai pollini
Share

LEGGI ANCHE: