I gadget elettronici e lo spreco di energia | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

I gadget elettronici e lo spreco di energia

L’attuale modello che punta alla riduzione dei consumi energetici “casalinghi” potrebbe avere un problema. Negli ultimi anni i principali elettrodomestici, quelli che erano già diffusi nell’occidente dagli anni 70 del secolo scorso in avanti, hanno migliorato nettamente la loro efficienza energetica. Classe A, AA, AAA+, ormai si trovano sul mercato frigoriferi, lavatrici e lavastoviglie che consumano relativamente poco, eppure i consumi energetici domestici continuano ad aumentare?

La colpa? Secondo il rapporto “L’elefante nel salotto“, realizzato della Energy Saving Trust, un’organizzazione indipendente che fornisce consigli e raccomandazioni per il risparmio energetico e la riduzione delle emissioni di carbonio, i principali responsabili della crescita della domanda energetica (del 600% fra il 1970 e il 2009 in UK) sono i grandi televisori al plasma, i frigoriferi con oltre 600 litri di capacità, i router wireless, i faretti alogeni e poi tutta la serie di notebook, iPad, iPod e gadget che richiedono continuamente di essere ricaricati. Il dottoressa Paula Owen, autrice del report, ha spiegato:

Se guardiamo nel corso degli ultimi cinque anni molte cose sono cambiate e molti progressi sono stati fatti nel tentare di ridurre i consumi puntando ad elettrodomestici più efficienti, ma dove c’è ancora molto da lavorare è con i nostri “gadget” e sul cosiddetto home entertainment che consumano sempre più energia. Quello che stupisce è che persone che valutano molto attentamente i consumi quando comprano un’automobile non fanno lo stesso quando acquistano elettrodomestici.

Il problema è proprio questo, lo centra perfettamente la Owen, al contrario di quanto avviene per le auto quando dobbiamo acquistare un mega televisore al plasma difficilmente ci rendiamo conto di quanto, una volta collegato alla nostra presa di corrente, costerà su base mensile ed annua a noi e al pianeta.

Shares