Questo sito contribuisce all'audience di

Zucchero e sprechi: 17 cucchiaini al giorno, e molti finiscono nella spazzatura

In pochi anni, il consumo di zucchero è aumentato del 45 per cento. Ed è aumentata anche l’obesità. Ma serve tanta polvere bianca? Basta entrare in un bar per capire la follia di questo spreco ..

Condivisioni

CONSUMO ECCESSIVO DI ZUCCHERO – Sapete quanto zucchero consumiamo nel mondo? In media 17 cucchiaini al giorno a testa, con punte fino a 40 negli Stati Uniti, dove, non a caso, l’obesità riguarda più di un terzo della popolazione adulta. La produzione di zucchero, e il relativo consumo compulsivo, è cresciuta a ritmi impressionanti, con un aumento del 45 per cento negli ultimi trent’anni. Per non parlare degli zuccheri che ingeriamo indirettamente, attraverso i soft drink: 2 bicchieri di Coca Cola equivalgono, per fare un esempio, a 27 bustine di zucchero. E’ chiaro che dentro questi numeri si annidano sprechi e alcuni rischi per la nostra salute.

LEGGI ANCHE: Bibite zuccherate e gassate, ecco le alternative salutari

I DANNI ALLA SALUTE CAUSATI DALL’ECCESSIVO CONSUMO DI ZUCCHERO – Senza criminalizzare la polvere bianca, che ad alcuni consumatori concede anche il piacere del palato e l’aspettativa (piuttosto infondata sul piano scientifico) di accumulare energia, c’è da dire che i danni di un uso eccessivo di zucchero sono ormai accertati. Come quelli del tabacco e dell’alcol. Troppo zucchero fa male, e crea le premesse per alcune patologie anche gravi, come l’obesità, i problemi cardiovascolari e il diabete di tipo II. Il pediatra endocrinologo americano Robert Lusting è diventato una star negli Stati uniti con i suoi video, le sue conferenze e le sue pubblicazioni sulla rivista scientifica Nature al grido “killer sugar”, lo zucchero assassino. Secondo Lusting le calorie dello zucchero sono di fatto “vuote”, perciò non nutrienti ma solo capaci di alterare l’equilibrio ormonale. Qualcosa perfino di tossico che certo non è indispensabile per l’organismo.

PER APPROFONDIRE: Sale nascosto negli alimenti, ecco i cibi che ne contengono di più e i consigli per ridurne il consumo

LE ALTERNATIVE NATURALI ALLO ZUCCHERO – Come si esce dalla trappola? Per diminuire l’uso compulsivo dello zucchero si può partire dall’alternativa di alcuni dolcificanti naturali, come il miele.Consumo eccessivo di zucchero, danni per la salute e sprechi

LO SPRECO DI ZUCCHERO AL BAR – Ma quello che più conta è la riduzione dello spreco, del non necessario. Prendiamo il caso dei bar dove siamo abituati a bere il caffè: sono 18 milioni gli italiani che ogni mattina fanno colazione (cappuccino o caffè) al bar. Ci vengono serviti con delle bustine che quasi mai consumiamo integralmente, in quanto contengono una quantità di zucchero decisamente superiore al necessario. Qui lo spreco raddoppia. Quello zucchero non utilizzato, che funge però da incentivo al consumo, finisce nella spazzatura con la relativa bustina di carta. È rifiuto, zucchero e carta, da smaltire. Poi ci sono i costi per gli esercenti: lo zucchero in bustine costa circa 2,5 euro al chilo, rispetto a quello in scatola che invece ha un prezzo attorno a 1 euro al chilo. Non a caso, ho notato che in diversi bar, anche per effetto della Grande Crisi e della necessità di tagliare le spese, sta tornando di moda l’uso della zuccheriera in vetro, comune per tutti i clienti. È un gesto semplice, che significa più risparmi, meno sprechi e minore incentivo a un consumo che, quando esageriamo, fa male alla nostra salute.

PER SAPERNE DI PIU’: Caffè al bar, ma perché sprechiamo tanto zucchero?