Questo sito contribuisce all'audience di

“Second Life”: il progetto di Coca Cola per dare nuova vita alle bottiglie di plastica

L'azienda ha lanciato una linea di 16 innovativi tappi che, una volta avvitati sulle bottiglie di Coca Cola vuote, le trasformano in tanti utili e divertenti oggetti.

di Posted on
Condivisioni

RICICLO BOTTIGLIE COCA COLA: IL PROGETTO “SECOND LIFE” – Abbiamo già visto quanto è facile e divertente dare nuova vita alle bottiglie di plastica e ai tappi e trasformarli in tanti nuovi oggetti creativi e low cost. Oggi, torniamo sull’argomento perché vogliamo parlarvi del progetto “Second Life” portato avanti da Coca Cola nell’ambito del suo programma di sostenibilità globale e basato sul riciclo creativo delle bottiglie.

GLI INNOVATIVI TAPPI COCA COLA PER IL RICICLO CREATIVO – In particolare, l’azienda ha lanciato una linea di 16 innovativi tappi che, una volta avvitati sulle bottiglie di Coca Cola ormai vuote, grazie al riciclo creativo, le trasformano in tanti utili e divertenti oggetti.

LEGGI ANCHE: Bibite zuccherate, anche la Coca Cola corre ai ripari

RICICLO CREATIVO BOTTIGLIE COCA COLA – Basta un tappo diverso e la bottiglia diventa subito un pennello, un temperamatite, un contenitore spray per annaffiare le piante o con cui rinfrescarsi durante le calde giornate estive, uno spray per detersivi e tanto altro ancora.

Obiettivo della multinazionale: sensibilizzare al riciclo e al recupero della plastica.

LA CAMPAGNA DI COCA COLA PER IL RECUPERO DELLA PLASTICA – Al momento la campagna è stata lanciata in Vietnam dove sono stati distribuiti 40mila tappi di bottiglia come gadget all’acquisto ma, sarà presto disponibile anche in altre parti del mondo.

COCA COLA: I RISCHI PER LA SALUTE – Ovviamente il nostro consiglio è quello di limitare il consumo di Coca Cola: si tratta infatti di una bibita zuccherata e gassata che, se consumata in quantità elevate, può avere effetti negativi sulla salute.

(L’immagine di copertina è tratta dalla pagina Facebook di Coca Cola HBC Italia Club)

LA STORIA: Hannah, la bambina che si ribella a McDonald’s e al junk food

LEGGI ANCHE: