Come coltivare il tiglio, la pianta che pulisce l’aria - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Come coltivare il tiglio, la pianta che pulisce l’aria. Non partire mai dai semi, ma dalla pianta adulta

Per il trapianto è necessario interrare cinque chilogrammi di letame o di compost ben maturo. I rimedi naturali grazie ai fiori del tiglio

Una pianta molto bella, ornamentale. Capace di adattarsi ovunque, e in grado di pulire l’aria, tanto da essere una delle più utilizzate nelle strade urbane. Inoltre, il tiglio ha un grande vantaggio: la manutenzione non è complicata.

COME COLTIVARE TIGLIO

Allo stato spontaneo crescono anche in Italia, nelle regioni collinari e montane fino a 1500 metri di altitudine, due specie di tigli e inoltre un ibrido naturale. Si tratta della Tilia cordata, il tiglio riccio o selvatico e della Tilia platyphyllos, il tiglio comune o nostrale. Il primo ha foglie piuttosto piccole e tipicamente cuoriformi, verdi di sopra e inferiormente più pallide e glabre, se si eccettua la presenza di piccoli ciuffetti di peli bruno-rossicci in corrispondenza delle nervature principali. Il secondo ha foglie assai più grandi e, di solito, finemente tormentose nella pagina inferiore.

LEGGI ANCHE: Ottobre nell’orto: arrivano le olive e le mele. E si seminano spinaci, carote e cipolle

TIGLIO COLTIVAZIONE

L’ibrido di cui si è detto, derivato  dall’incrocio tra le specie precedenti viene classificato come Tilia europaea; si riconosce per il fatto che è pianta tipicamente pollonifera nonché per le foglie di colore verde e quasi del tutto glabre, se si eccettua la presenza di minuti peli bianchi all’ascella delle nervature principali nella pagina inferiore. Nei giardini si coltiva anche il famoso tiglio argentato (Tilia argentea sin. Tilia tomentosa) a foglie molto grandi e tipicamente argentee al rovescio, per la presenza di una fitta peluria; da questa specie diffusa allo stato spontaneo nell’Europa sud-orientale e nell’Asia Minore sono derivate delle varietà ibride di notevole vigoria vegetativa e di grande pregio ornamentale per le foglie ampie. Interessanti sono anche la Tilia americana e la Tilia heterophylla, provenienti dall’America.

DOVE PIANTARE IL TIGLIO

Nei parchi e nei giardini si coltivano le specie citate e anche gli ibridi derivati; tutti i tigli hanno fiori molto profumati ad eccezione del tiglio riccio (che comunque è molto apprezzato come pianta mellifera). Il tiglio riccio si può piantare ovunque, in montagna e in pianura; è rusticissimo e si adatta a qualsiasi terreno, anche se superficiale o umido. Anche il tiglio comune è estremamente frugale e alligna ovunque, anche su terreni poveri e asciutti. L’importante è che sia un terreno equilibrato. Gli altri tigli riescono meglio se piantati in pianura o in collina, su terreni profondi, di buona fertilità, permeabili ma freschi.

COME PIANTARE IL TIGLIO

La distanza media tra le piante deve essere tra i 5 e gli 8 metri. Tenendo conto che una pianta di tiglio può arrivare a un’altezza di 25-30 metri. Non è consigliabile iniziare la coltivazione del tiglio partendo dal seme: servirà un anno per la germinazione e altri sei anni per  vedere una pianta di 1 o 1,5 metri. Meglio partire direttamente dalla pianta adulta con 5-10 anni di vita, in modo da procedere direttamente con il trapianto. Tra l’altro, in questo modo avrete a disposizione già dal primo anno della vostra coltivazioni i fiori del tiglio e il suo fantastico profumo.

PER APPROFONDIRE: Tiglio, tutte le proprietà e gli effetti benefici. Ecco quando usarlo come rimedio naturale

COME SI TRAPIANTA IL TIGLIO

La cosa più delicata nel momento in cui si procede al trapianto del tiglio è quella di assicurare il necessario nutrimento. In particolare è necessario interrare 5 chilogrammi di letame o di composto ben maturo . Se il terreno è povero, è bene somministrare 5 chilogrammi di letame o di compost almeno una volta all’anno.

Il tiglio, una volta trapiantato bene, non ha bisogno di cure particolari. Per l’acqua può bastare quella delle piogge, e l’unica manutenzione che non può mancare è la potatura.

GLI USI DEL TIGLIO

A parte il piacere di avere a disposizione la bellezza e i profumi di un albero così particolare nella sua semplicità, i fiori del tiglio hanno innumerevoli usi. Dalla cucina agli infusi. Insonnia, stressa, ancia e nervosismo: sono tutte patologie che si possono mettere a freno proprio con impacchi e infusi a base dei fiori di tiglio, come raccontiamo in questo articolo. Fiori che si iniziano a raccogliere dal mese di giugno.

I LAVORI NELL’ORTO, MESE PER MESE:

Shares