Narciso: come coltivarlo in casa

Una pianta molto decorativa ed evocativa. Già dall’antichità evoca purezza, bellezza e vita eterna. Facile da coltivare anche in un vaso. La varietà coltivata in casa emette fiori a Natale o a inizio anno.

Il narciso è una pianta bulbosa perenne, di medie dimensioni, con fiori semplici o doppi, formati da una corolla saldata a stella, al centro della quale spuntano altri petali riuniti, di forma cilindrica. II fiore è quasi sempre unico alla sommità dello scalpo floreale e può avere colori diversi: arancio, bianco, albicocca, rosso, bordato nei vari colori. Le foglie sono consistenti e decorative.

NARCISO

I narcisi hanno sempre avuto, nell’antichità, una grande potenza evocativa. Più delle rose o dei ciclamini. I celti, per esempio, associavano, questo fiore al valore della purezza e in qualche modo lo consideravano sacro. Nella cultura ebraica indica la bellezza e la fertilità della donna, mentre per i cristiani evoca la resurrezione, da qui il suo largo uso durante i giorni della Pasqua. Oggi il narciso è una pianta molto coltivata, in qualsiasi spazio esterno, da un balcone a un giardino o anche in un semplice vaso.

LEGGI ANCHE: Le 10 piante più profumate per l’estate

ESPOSIZIONE E CLIMA

Il narciso una pianta rustica che non necessita di temperature particolari, ma che non vuole troppa luce: cresce bene nella mezz’ombra e addirittura non disdegna l’ombra completa.

TERRENO E CURE COLTURALI

II terreno di coltivazione del narciso deve essere torboso, soffice e leggero e va concimato ogni anno con concime ternario.

ANNAFFIATURE

Il narciso necessita di annaffiature costanti. Il terreno non deve mai essere asciutto, ma sempre inumidito. E non troppo bagnato, altrimenti si mettono a rischio i bulbi.

COME COLTIVARE IL NARCISO IN UN VASO

La coltivazione del narciso in un vaso non richiede particolari accorgimenti, se non un’attenzione: eliminare il fogliame appassito. Nei vasi, il narciso si abbina bene ai giacinti e ai tulipani.

PER APPROFONDIRE: Gladioli, come si coltivano e quando si raccolgono

SEMINA E FIORITURA

I bulbi di narciso, che si interrano da settembre a dicembre a circa 15 cm di profondità (la proporzione è questa: i bulbi si interrano a una profondità pari a 2-3 volte la loro altezza), rimangono a lungo nel terreno e si moltiplicano molto facilmente. La fioritura va da febbraio sino ad aprile. I bulbi dei narcisi possono essere conservati durante l’inverno e fioriranno di nuovo l’anno successivo.

NARCISO DA COLTIVARE IN CASA

Il narciso più adatto per la coltivazione in casa è la varietà Tazetta, che emette grappoli di fiori su ogni stelo a Natale oppure all’inizio dell’anno. Ma ci sono anche altre quattro varietà che si consigliano epr la coltivazione indoor.
  • Narciso Tazetta. Alto 30-45 centimetri, con fiori epr ogni stelo, di colore giallo, bianco e arancione.
  • Narciso cyclamineus. Viene chiamato in questo modo in quanto è molto simile al ciclamino
  • con fiori penduli, di colore giallo, con lunghe trombe e petali molto retroflessi.
  • Narciso a fiore doppio. Alto 30-45 centimetri, con petali doppi che non si distinguono dalla corona. I fiori sono di colore giallo, bianco e arancione.
  • Narciso a fiore semplice. Alto 30-60 centimetri, con un fiore per stelo e una corona al centro circondata dai petali. Colori dei fiori: bianco, giallo e arancione.
  • Narciso giunchiglia. Altro 30-50 centimetri, ha un fiore stelo, di colore bianco o giallo.

PROBLEMI E RIMEDI

II narciso è resistente agli attacchi dei parassiti che, se presenti, sono generalmente afidi o acari, da trattare con prodotti specifici. Tuttavia può andare soggetto a marciume radicale e ad attacchi di muffe se il terreno è troppo umido e se II sole e la ventilazione non sono sufficienti.

I FIORI DA COLTIVARE IN GIARDINO:

KuBet
KUBet - Trò chơi đánh bài đỉnh cao trên hệ điều hành Android
Torna in alto