Questo sito contribuisce all'audience di

Aborto fai da te. Grazie internet.

di Posted on
Condivisioni

E’ forse un segno dei tempi o la crisi economica che spinge le donne irlandesi ad acquistare per 60 sterline la pillola che permette di interrompere la gravidanza, anziche’ recarsi in Gran Bretagna perche’ non possono permettersi il costo del viaggio. Fattosta’ che il numero dei casi di complicanze dovute proprio all’assunzione di queste pillole e’ in continuo aumento, come sottolinea preoccupata Audrey Simpson, direttore del Family Planning Association di Belfast “Questo tipo di richieste sono in continuo aumento” e “Viaggiare per andare ad abortire e’ molto costoso”.
Una delle preoccupazioni maggiori della Simpson e’ che molte delle donne che acquistano le pillole abortive mentono quando compilano il questionario online. Queste pillole dovrebbero essere usate solo fino alla nona settimana di gravidanza, ma sono tante quelle che la prendono ben oltre.
In piu’, non si rivolgono al medico neanche di fronte alle complicazioni perche’ temono l’arresto per aver indotto un aborto fuori dai termini di legge.

Dawn Purvis, leader del Progressive Unionist Party (PUP), l’unico partito che in Irlanda del Nord ?pro-scelta’, ha riferito che “Ci sono stati casi documentati in tutto il mondo in cui le donne sono morte di a causa di falsi farmaci o dopo l’assunzione di dosi eccessive. So di donne che hanno assunto piu’ dosi per essere sicure che la pillola funzionasse. Una donna mi ha contattato dopo aver avuto un’emorragia interna”.

In un rapporto pubblicato l’anno scorso sulla Gazzetta Internazionale di Ginecologia e Ostetricia, si riporta che fino ad oggi piu’ di 1,5 milioni di donne hanno terminato la loro gravidanza con il mifepristone e il misoprostol. La combinazione delle due pillole provoca l’aborto non chirurgico e puo’ essere presa nelle prime fasi della gravidanza.
Allo stato attuale delle cose in Irlanda del Nord l’aborto e’ illegale, l’unica eccezione e’ quella per cui si possa dimostrare che la continuazione di una gravidanza potrebbe portare a gravi danni per la salute fisica o mentale della donna. Questa eccezione non include il caso di una donna che rimanga incinta a seguito di uno stupro o incesto. Essa non contempla neanche possibili anomalie fetali.
Anche se non ci sono dati ?ufficiali’ lo scorso anno 1.345 donne residenti in Irlanda del Nord hanno abortito in cliniche in Inghilterra e nel Galles, ma la maggioranza di queste appartiene alla classe benestante. Il CQP sottolineato che il numero non tiene conto delle donne che si sono recate in Scozia o in altri paesi come il Belgio.
Tutto questo alimenta un mercato sotterraneo di farmaci che sono presi con leggerezza e facilita’ e le conseguenze sono tuttavia spesso molto pesanti.
di qualche tempo fa un’indagine dell’European Alliance for Access to Safe Medicines (Eaasm) che ha messo in luce un altro inquietante fenomeno: 6 volte su 10 il farmaco acquistato su internet e’ contraffatto. Il 62% e’ inadatto poiche’ contiene solo in minima parte i principi attivi dichiarati.