Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Smettere di russare senza comprare medicinali. Con rimedi naturali come l’olio di timo e la menta piperita

Un terzo degli italiani adulti ha questo problema. Gli oli più efficaci arrivano da piante come il timo, la menta piperita e l'eucalipto. Niente alcol prima di andare a letto. Cena leggera. La posizione ideale? Dormire su un fianco. Il libro che aiuta a risolvere il problema.

di Posted on
Condivisioni

COME SMETTERE DI RUSSARE

Chi ha la sventura di dormire con qualcuno che russa conosce bene il problema, al confine dell’incubo. Un doppio problema, in quanto la prima vittima è proprio l’uomo o la donna che russa: con questa vera e propria patologia (ne soffrono un terzo degli italiani in età adulta) si possono avere poi problemi al cuore e in generale all’apparato cardiocircolatorio. Eppure, smettere di russare è possibile, e non sprecando soldi e tempo con medicine miracolose, ma seguendo alla lettera i nostri rimedi naturali.

LEGGI ANCHE: Come dormire bene, le 10 regole d’oro per non sprecare il sonno. E guadagnare salute (video)

TRUCCHI PER SMETTERE DI RUSSARE

Dagli oli ricavati dalle piante (timo, menta piperita, eucalipto) a una corretta alimentazione, specie la sera, evitando gli alcolici e tanto più i superalcolici. Per eliminare la sgradevole abitudine di russare non c’è bisogno di sprecare soldi e tempo con cure miracolistiche, e spesso del tutto inefficaci, o con i prodotti di parafarmacia venduti a caro prezzo. Basta affidarsi a semplici, ma molto utili, rimedi naturali.

Tra questi bisogna comprendere anche alcuni trucchi che si riferiscono, per esempio, alla posizione nel letto: dormire sul fianco e rialzare non solo la testa, ma la parte superiore del torace.

RIMEDI PER NON RUSSARE

Russare è davvero fastidioso per chi ci sta vicino durante la notte, e pericoloso per chi soffre di questo disturbo. Le apnee notturne, infatti, aumentano i rischi cardiocircolatori, provocano sonnolenza diurna (pericolosa, per esempio, per chi guida abitualmente) e aumentano il pericolo di obesità e di diabete. Un problema molto diffuso e fastidioso che quindi, se non viene tenuto sotto controllo, può portare anche ad altre patologie.

Spesso si tende a credere erroneamente che il soggetto che russa dorme tranquillamente creando disturbo solo a chi sta accanto a lui. In realtà non è proprio così: anche se molti non lo sanno, la persona che russa è affetta da un disturbo noto sui testi di medicina come roncopatia.

PER APPROFONDIRE: Dormire bene, dalle noci ai semi di lino, ecco gli alimenti che favoriscono sonno e relax

RUSSARE: CAUSE E RIMEDI

In particolare, il russamento è un rumore respiratorio dovuto alla vibrazione del palato molle che in alcuni casi può dar luogo a pause respiratorie durante il sonno, le cosiddette apnee notturne che possono durare dai 10 ai 40 secondi e si ripetono un centinaio di volte nell’arco di tutta la notte. La conseguenza è quindi una cattiva qualità del riposo che può comportare anche improvvisi colpi di sonno durante il giorno.

Diversi i fattori che predispongono al russare notturno:

  1. Obesità: il grasso in eccesso si deposita intorno al collo ostruendo il flusso dell’aria
  2. Età avanzata: in quanto comporta la perdita di tono dei muscoli e di elasticità della pelle
  3. Il consumo di bevande alcoliche e farmaci ad azione sedativa: determinano un rilassamento muscolare che intensifica la roncopatia.

UN LIBRO AIUTA A RISOLVERE IL PROBLEMA DELLA RUSSATA

Prima di vedere da vicino i singoli rimedi naturali che si possono mettere in campo per smettere di russare, vi segnaliamo un libro molto utile. Si intitola proprio Smettere di russare (Edizioni Il Punto d’Incontro), è scritto da Michel d’Anielo, e ha un pregio fondamentale: ricostruisce nei dettagli, con un linguaggio semplice e alla portata di tutti, le cause dei rumori notturni legati al sonno. E poi passa alle proposte dei rimedi.

SMETTERE DI RUSSARE: RIMEDI NATURALI

Se non vi trovate davanti ad una situazione di roncopatia grave e cronica che necessita di cure mediche, ecco alcuni accorgimenti che possono attenuare il disturbo e favorire un buon riposo notturno:

  • Per cominciare, chi è in sovrappeso dovrebbe cercare di dimagrire. Rivolgetevi ad uno specialista in quanto solo lui potrà consigliarvi la dieta alimentare adatta a voi e al vostro fisico.
  • Riducete il consumo di alcolici soprattutto durante le ore serali: un alto tasso alcolemico è in grado di influenzare il normale flusso dell’aria con conseguenti problemi di respirazione.
  • Scegliete una cena leggera in modo da favorire la digestione. Non cenate troppo tardi ed evitate di assumere alimenti che danno luogo a fermentazione come ad esempio i formaggi. Non andate a dormire subito dopo aver cenato ma aspettate almeno un po’.
  • Smettete di fumare.
  • Praticate almeno mezz’ora al giorno di attività fisica.
  • Provate a dormire su un fianco e in caso mantenendo la testa sollevata mediante l’utilizzo di due o più cuscini.
  • Adoperate l’olio essenziale di timo, quello di menta piperita e l’olio essenziale di eucalipto per realizzare degli unguenti da cospargere sotto il naso o soluzioni aerosol da inalare prima di andare a dormire.
  • Infine, evitate di assumere farmaci ansiolitici, narcotici e barbiturici se non dietro prescrizione medica.
  • Ottimi invece gli infusi di ortica o salvia da assumere prima di andare a letto. È sufficiente aggiungerne qualche foglia in una tazza di acqua bollente, lasciare in infusione per almeno 10 minuti e poi bere la tisana ottenuta.

QUANTO È IMPORTANTE IL SONNO. E NON SOLO PER LA SALUTE:

  1. La pennichella fa bene: la conferma della scienza. Diventiamo più creativi e lavoriamo meglio
  2. Italiani che sprecano il sonno: il 30% dorme meno di 6 ore. E l’organismo ne risente
  3. Cuscini in legno, i 6 vantaggi per il sonno di un’antica tradizione che parte dal pino
  4. Sognando si impara: gli scienziati scoprono il lavoro del cervello nel sonno
  5. Dormire bene: le 10 regole per scegliere il cuscino giusto e non sprecare il sonno

LEGGI ANCHE:

1 Comment