Zinco: cos'è, a cosa serve, i cibi che lo contengono | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Zinco: cos’è, a cosa serve, i cibi che lo contengono

Prezioso per il sistema immunitario e per diminuire lo stress ossidativo. Ma anche per il nostro olfatto. Lo troviamo nella carne, nel pesce e in diversi alimenti vegetali

di Posted on

Ne disponiamo in piccole quantità nel nostro organismo (una media di 2 grammi per ogni persona adulta), eppure lo zinco è un micronutriente prezioso per la nostra salute. Una recente indagine, pubblicata a novembre del 2021 sul British Medical Journal ha confermato in modo scientifico quanto già si supponeva: lo zinco rafforza la risposta immunitaria contro raffreddore, influenza e malanni di stagione.

CHE COS’È LO ZINCO

Lo zinco è un elemento presente nel nostro organismo in piccole quantità, circa 2 grammi in un adulto, e come spiega il biologo nutrizionista Maurizio Tommasini, si trova concentrato soprattutto “nei muscoli, nelle ossa, nella prostata, nell’occhio e nella pelle”.

A CHE COSA SERVE LO ZINCO?

Secondo quanto riporta Maurizio Tommasini, più di 300 enzimi, per svolgere la propria funzione, dipendono dallo zinco. Per esempio gli enzimi coinvolti nella sintesi di DNA e RNA, ma anche quelli che regolano i processi di crescita e sviluppo, la funzione immunitaria, le funzioni digestive e metaboliche.

Inoltre esso contribuisce all’integrità delle proteine e delle membrane, che in caso di carenza possono rischiare danni ossidativi e ridotte funzionalità. Utile anche per gli enzimi che formano il collagene.

Ricapitolando, lo zinco è prezioso per il sistema immunitario e per prevenire eventuali raffreddori e influenze, per il benessere della nostra pelle, per la vista, per diminuire lo stress ossidativo, per prevenire eventuali malattie degenerative, ma anche per il nostro olfatto e per il buon funzionamento di molti ormoni.

I CIBI DOVE SI TROVA LO ZINCO

Prima di sprecare soldi con integratori e spray, per fare un pieno di zinco passate per la cucina. E utilizzate alcuni cibi naturali che ne sono ben forniti. Tenendo presente però che dal cibo ne possiamo assorbire circa il 20-30%, non di più.

Gli alimenti più ricchi di zinco sono quelli di origine animale, come carne, pesce e soprattutto ostriche. Ma lo troviamo anche nei latticini, nelle uova e in numerose fonti vegetali, dalle mandorle alle noci, per non parlare di legumi, ortaggi e avocado. Nelle fonti vegetali però l’acido fitico tende a bloccarne l’assorbimento.

Eccone un elenco:

zinco

zinco

DI QUANTO ZINCO AL GIORNO ABBIAMO BISOGNO?

I valori di riferimento europei indicano circa 15 mg di zinco al giorno, ma secondo altre linee guida si va in media dagli 8 agli 11 mg al giorno. Nello specifico 12 mg per gli uomini e 9 mg per le donne, valore che aumenta un po’ durante la gravidanza e l’allattamento.

CHE COSA SUCCEDE CON LA CARENZA DI ZINCO?

La carenza di zinco, come segnala Carlotta Gnavi Farmacista & Health Coach, oggigiorno è molto diffusa per una serie di motivi. Innanzitutto a causa dei suoli depauperati, ma può dipendere anche dall’assunzione di farmaci che ne limitano l’assorbimento come antipertensivi, antidepressivi, gastroprotettori. Inoltre lo zinco tende a essere carente nei fumatori e nelle persone con più di 50 anni.

In caso di carenza, possono capitare una riduzione dell’olfatto e del gusto, e talvolta ritardo nei processi di cicatrizzazione. Una carenza elevata di zinco, cosa decisamente più rara, può invece essere correlata a una malattia genetica chiamata acrodermatite enteropatica, che secondo quanto riporta Maurizio Tommasini può causare “ritardo nella crescita e nella maturazione, ritardo nello sviluppo dello scheletro e dell’apparato riproduttore, diarrea, immunodeficienza, dermatiti, appetito ridotto e alterazioni del comportamento”.

QUALI CONSEGUENZE CI SONO SE PRENDIAMO TROPPO ZINCO?

Un eccesso di zinco, oltre i 40 mg al giorno, prova una significativa diminuzione dell’assimilazione del rame, altro prezioso immunonutriente che ci aiuta a proteggerci specie durante i mesi invernali, e del ferro. Altri effetti collaterali includono vertigini, febbre, problematiche del sistema immunitario.

GLI ALIMENTI CHE CI AIUTANO A MANTENERCI IN SALUTE:

  1. Benefici della quinoa, le proprietà che la rendono un super cibo e alcune ricette gustose
  2. Proprietà e benefici dei broccoli: proteggono occhi e ossa, ci depurano e sono ricchi di antiossidanti
  3. Kefir, proprietà e benefici per la salute. Un antibiotico naturale a base di latte o acqua zuccherata
Share

<