Proprietà e benefici della passiflora | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Passiflora, le bacche che aiutano a dormire. E calmano l’ansia in modo naturale

Una pianta della quale se ne conoscono ben 500 specie. Viene coltivata in tutto il mondo. Mai assumerla con ansiolitici

Condivisioni

PROPRIETÀ E BENEFICI DELLA PASSIFLORA

La passiflora, detta anche “passiflora incarnata”, è una pianta assai decorativa che viene adoperata anche per scopi medicinali. Fa parte della famiglia delle “Passifloraceae”, che conta circa 500 specie differenti tra loro. La passiflora cresce nei climi caldi del Nord e del Sud America, nelle zone tropicali e in Sudafrica, anche se viene coltivata oggi in tutto il mondo.

COS’È LA PASSIFLORA

Il suo aspetto è lanoso, il fusto si presenta ramificato e assai lungo, anche fino a sei metri. Le foglie della passiflora sono lanceolate e i fiori sono attaccati al fusto e solitari. La passiflora produce dei frutti a forma di bacca ovoidale e la sua parte interna è una specie di polpa gelatinosa contenente dei piccoli semi scuri.

I nativi americani riconoscevano a questa pianta delle notevoli proprietà alimentari e terapeutiche assai prima che essa si diffondesse anche in Europa e le fossero attribuite le facoltà che oggi conosciamo.

LEGGI ANCHE: Calendula, i benefici per la salute, soprattutto in estate, di una pianta bellissima e dalle mille proprietà

BENEFICI DELLA PASSIFLORA

Le foglie della passiflora sono ricche di alcaloidi, flavonoidi e fitosteroli che apportano numerosi benefici all’organismo umano. Vediamo quali.

  • Passiflora contro i disturbi psichici. Innanzitutto, questa pianta è assai nota per le sue proprietà calmanti sul sistema nervoso centrale, soprattutto per quanto riguarda il midollo spinale. Questa zona sovrintende ai movimenti corporei e alla regolamentazione del sonno: dunque la passiflora si mostra efficace contro l’insonnia. La presenza di flavonoidi inoltre, evita che ci si svegli con la sensazione di intorpidimento e fa in modo che l’uso di questa pianta non generi dipendenza. La passiflora è un ansiolitico e quando la si assume, lo stress e il senso di angoscia si affievoliscono, così come anche le fobie, le nevrosi post traumatiche e tutti i disturbi legati alla menopausa, come l’irascibilità, le vampate di calore e la depressione. L’assunzione costante di passiflora può anche prevenire gli attacchi di cuore.
  • Passiflora contro i disturbi fisici. La passiflora è un antispasmodico e quindi è capace di rilassare la muscolatura liscia dell’utero, dell’apparato gastrointestinale e bronchiale. Ciò è utile in caso di sindrome dell’intestino irritabile, di tosse nervosa e di disturbi vari di natura spatica. La passiflora combatte egregiamente anche la cistite nervosa e si rivela utilissima in caso di dolori mestruali e spasmi di varia natura. Questa pianta viene adoperata come rimedio per la pressione alta, per l’asma, il Parkinson e l’epilessia. Grazie alla presenza di flavonoidi, che proteggono il sistema immunitario, la passiflora previene alcuni tipi di tumori come quello alla prostata.

COME USARE LA PASSIFLORA

L’assunzione della passiflora è possibile sia in infuso che tramite la tintura madre. Per quanto concerne quest’ultima, è consigliabile assumerne 30 gocce diluite in un bicchiere d’acqua, per tre volte al giorno. Oppure, potrete prenderne 40 gocce prima di andare a dormire. L’infuso invece si prepara con 2 grammi di foglie secche da far bollire in 100 grammi di acqua. Lasciate in infusione per circa 5 minuti e poi bevete, non prima di aver filtrato l’acqua, L’infuso va assunto non più di due volte al giorno. Sia per la tintura che per l’infuso, il parere del medico curante è sempre necessario, specialmente se si soffre di particolari patologie.

PER APPROFONDIRE: Equiseto, le proprietà e i benefici per la salute di una pianta che contrasta alopecia e osteoporosi

PASSIFLORA PER CALMARE L’ANSIA

Abbiamo specificato come la passiflora diminuisca gli stati ansiosi. Alcuni studi hanno approfondito tale aspetto rivelando come questa pianta, soprattutto quella viola, aiuti a calmare la mente grazie all’aumento nel cervello dei livelli di acido gamma-aminobutirrico. Questo acido riduce l’attività cerebrale aumentando il senso di rilassamento, in circa mezz’ora. Molte ricerche scientifiche hanno dimostrato come la passiflora sia efficace quanto alcuni tipi di psicofarmaco senza però causarne gli effetti collaterali, come ad esempio la sonnolenza, lo stato di stordimento e la debolezza muscolare. La passiflora viola, particolarmente rilassante, si adopera sotto forma di tisana, da comperare in erboristeria oppure da fare con un massimo di 8 grammi di erba essiccata da mettere in acqua bollente. La tisana va poi bevuta dopo essere stata filtrata. Se presa dopo cena, combatte anche l’insonnia. Ottime anche dalle 10 alle 30 gocce di estratto liquido da assumere da 1 a 3 volte al giorno. Esistono poi gli integratori in capsule o compresse da prendere sotto controllo medico.

CONTROINDICAZIONI DELLA PASSIFLORA

Chi assume la passiflora deve sapere che questa pianta prevede effetti collaterali. Poiché contiene armaline, dall’effetto ossitocinico, può provocare delle contrazioni uterine. Per tale ragione è assolutamente sconsigliata in gravidanza. La passiflora non va assunta insieme agli ansiolitici, perché ne acuisce gli effetti, provocando la tachicardia, il vomito e la nausea. Data la sua azione calmante, la passiflora non va mai presa quando si è procinto di mettersi alla guida o di svolgere attività che richiedano concentrazione, perché potrebbe indurre sonnolenza e diminuire la prontezza dei riflessi. La passiflora aumenta il rischio di sanguinamento se assunta insieme a farmaci che comportano il rischio di emorragia. Inoltre se presa insieme alla caffeina, può comportare l’aumento della pressione. Non si assuma la passiflora nemmeno durante l’allattamento. In ogni caso, è sempre bene consultare il proprio medico prima di affidarsi a qualunque rimedio medico, anche se di origine naturale.

GLI ALIMENTI CHE CI AIUTANO A MANTENERCI IN SALUTE:

  1. Proprietà e benefici delle carote, un toccasana per la salute. 10 motivi per portarle in tavola spesso
  2. Piselli, proprietà e benefici di un legume che ha anche le qualità delle verdure
  3. Cocco, proprietà e benefici del frutto estivo che combatte l’afa e protegge ossa e denti
  4. Proprietà e benefici dell’ananas. Sazia in fretta, è anti-age, sgonfia il ventre. E rafforza i denti
  5. Proprietà e benefici dei broccoli: proteggono occhi e ossa, ci depurano e sono ricchi di antiossidanti
  6. Proprietà e benefici delle ciliegie: proteggono la vista e aiutano anche il fegato e la pelle