Questo sito contribuisce all'audience di

Evviva la generosità, anche anonima. Poi tutto torna, e arriva una speciale ricompensa…

La storia di un benefattore anonimo: compra all’asta la casa di un disabile rimasto senza lavoro e gliela restituisce. Non vuole pubblicità, ma ha riempito il suo cuore. Di amore vero.

di Posted on
Condivisioni

IMPORTANZA DELLA GENEROSITÁ –

Chi è davvero generoso? Tutti abbiamo incontrato nella vita, e non una sola volta, persone, donne, sempre in prevalenza in questi casi, e anche uomini, capaci di stupirci per la loro generosità. Vi racconto, molto brevemente, la storia di un signore di Livorno, che ha fatto un gesto semplice, semplicissimo, ma di particolare potenza, laddove la generosità si è abbinata alla totale discrezione.

Il benefattore aveva saputo che a Livorno un disabile era rimasto prima senza lavoro, e poi senza casa, non essendo in grado di pagare il mutuo e potendo contare soltanto su una modesta pensione di invalidità (257 euro al mese). A quel punto è intervenuto: ha acquistato la casa e l’ha data al disabile, che intanto è ricoverato in ospedale per una riabilitazione dopo un ictus.

IL LIBRO CHE RACCONTA QUANTO LA GENEROSITÁ MIGLIORA LA VITA DI TUTTI: L’egoismo è finito di Antonio Galdo

IMPORTANZA DI ESSERE GENEROSI –

Del disabile sappiamo tutto, si chiama Alessandro D’Orlando, ha 45 anni e il 75 per cento del suo corpo è fuori uso. Del benefattore non sappiamo nulla, ha voluto nascondere, e continuerà a farlo, la sua identità, convinto che «il bene bisogna farlo senza pubblicità».

In questa declinazione misteriosa e silenziosa della generosità, se ci riflettiamo, ne scopriamo una misteriosa potenza. Il fare del bene gratuitamente, senza aspettare ricompense e riconoscimenti, senza misurarne i possibili vantaggi, senza calcoli e incertezze. Qui c’è un’essenza della generosità, che arriva ad escludere perfino la riconoscenza, tale da spingerla molto oltre il confine del dono e dell’altruismo, per configurarla come un atto di amore. Al quale qualsiasi uomo, in assoluta libertà, può tendere, sapendo che questa strada è un percorso con tanti ostacoli (pensate soltanto alla generosità che si traduce in una rinuncia), ma alla fine c’è un traguardo che porta pienezza alla vita, ne azzera qualsiasi angolo di spreco.

PER APPROFONDIRE: L’altruismo ci rende più forti, migliora le nostre relazioni. E allunga la vita

PERCHÉ ESSERE GENEROSI –

E lungo questa traiettoria, anche la generosità più aperta, più incondizionata, fatta con il maggiore slancio, riceve, in modo quasi magico, la sua giusta ricompensa. Lo ricorda, in una frase che potrebbe sembrare piuttosto rozza ma è molto efficace, lo scrittore realista Victor Hugo, quando scrive, a proposito della generosità: «Mentre la tasca si svuota, il cuore si riempie». Ecco, dunque, il cerchio che si chiude, e anche il benefattore anonimo ritrova il riconoscimento al valore del suo gesto. Attraverso l’amore che produce altro amore, e non può non rendere felici.

QUELLI CHE DONANO SOLO PER AMORE: