Importanza dell'acqua - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

L’acqua è vita. Vale il 70 per cento del corpo umano e del pianeta. È fondamentale riuscire a non sprecarla, con piccoli gesti quotidiani

Quanta acqua bisogna bere, ogni giorno. Senza esagerare: un eccesso di acqua diluisce il sodio nel sangue mettendo sotto pressione i reni. Inoltre, nell'acqua che consumiamo dobbiamo calcolare anche quella contenuta nei cibi

Condivisioni

IMPORTANZA DELL’ACQUA

L’acqua è vita. In tutti i sensi, e non solo da un punto di vista simbolico e per il suo altissimo valore. Ci sono i numeri che parlano e lo dimostrano. Il corpo umano, per esempio, è fatto per il 70 per cento di acqua, ed è la stessa percentuale (di nuovo 70 per cento) che indica la superficie del pianeta ricoperta dall’acqua. Ovviamente in questo caso conta il mare (il 97,5 per cento di tutta l’acqua del mondo è formato dal mare), ma se aggiungete una piccola percentuale di acqua ghiacciata (1,75 per cento del totale) e dunque indisponibile, vi risulta chiaro un motivo decisivo per evitare in ogni caso lo spreco di questo bene uguale vita. Ovvero: l’acqua c’è, anche se non è sempre abbondante, solo che non è ben distribuita, un elemento essenziale delle ingiustizie amplificate dalla globalizzazione, e in molte parti del mondo è gestita male. Malissimo. Anche in Italia dove siamo specialisti nello spreco dell’acqua attraverso reti ridotte a colabrodo, con inesistente manutenzione e perdite superiori al 50 per cento. Perdite di acqua nostra, di tutti noi. E non solo delle società che fanno, talvolta bene e in altri casi male, il loro mestiere di gestori della distribuzione dell’acqua che poi arriva nei nostri rubinetti.

LEGGI ANCHE: «Più che la povertà, mi indigna lo spreco» (Madre Teresa di Calcutta)

IMPORTANZA DELL’ACQUA PER IL CORPO UMANO

Tornando al corpo umano, e all’importanza per la nostra salute di un uso corretto di acqua, la sua importanza è scolpita in due piccole regole di vita sostenibile. Prima regola: bisogna bere molta acqua durante la giornata, in modo regolare, evitando eccessi del tipo l’acqua troppo fredda o perfino ghiacciata. Quanta acqua bisogna bere? La risposta varia sulla base dell’età, degli stili di vita, delle esigenze di salute di ciascuno. E’ chiaro che chi svolge un’attività sportiva da atleta, ha bisogno di più acqua degli altri: deve bere, all’incirca, ogni 15-20 minuti. Stesso discorso per le persone che soffrono di calcoli renali, per l’oro l’acqua diventa fondamentale come prevenzione. Bevendo tanto e spesso (la cifra esatta, se avete problemi di calcoli, fatevela dire dal vostro medico) si riesce, quasi sempre, ad evitare la formazione dei calcoli, e quindi i dolori lancinanti legati a questa patologia, e i costi, non solo economici, della cura. In ogni caso, gli italiani consumano ancora poca acqua: l’80 per cento meno di mezzo litro al giorno, secondo quanto documentato da un’indagine del Censis.
 
Le regole degli stili di vita sostenibili e responsabili, come spesso scriviamo, non devono poi diventare ossessioni. Ciò vale per il cibo, e ne abbiamo parlato in più di un’occasione, e vale anche per l’acqua. Se esagerate, rischiate di avere problemi, e non secondari. Troppa acqua nel corpo umano (non dimenticate mai che anche frutta e verdura, ma in generali i cibi, contengono acqua) diluisce il sodio nel sangue, peggiorando le funzioni del nostro organismo sia muscolari sia cerebrali. E da qui il minimo che vi possa capitare è di mettere sotto eccessiva pressione i reni, e peggiorare la loro essenziale operatività. Una volta chiarita l’equazione tra acqua e vita, e l’importanza decisiva del bere, possiamo fare un passo avanti e ricostruire un altro aspetto dell’importanza decisiva nell’acqua nel mondo sostenibile che sogniamo, ad occhi aperti, con determinazione, con gesti quotidiani e non solo con belle teorie. L’acqua è un paradigma del mondo sottosopra, dello spreco che si annida dentro la nostra cinica indifferenza.

SCARSITÀ DI ACQUA

Noi scialiamo con l’acqua, sprecandola ogni giorno. E loro, gli abitanti dei Paesi dove manca, ne muoiono per cause sanitarie o per le guerre per averne il controllo. L’acqua che si spreca e l’acqua per la quale si crepa.

Nulla più dell’acqua, neanche il cibo, ci racconta il mondo ingiusto diviso in due stanze, come mi spiegava Madre Teresa di Calcutta, quelle dove in una si crepa e nell’altra si spreca. Un miliardo di persone, una buona parte concentrate nell’Africa affamata, non hanno accesso all’acqua potabile. Un altro miliardo di persone sciala con l’acqua, la spreca tutti i giorni, compresi gli italiani che ne consumano 175 litri a testa all’anno e allo stesso tempo si riempiono la pancia con acqua minerale per 192 litri pro capite, un record mondiale, dopo l’Arabia Saudita e il Messico.

In una parte del mondo, dove l’acqua manca e non viene usata bene, solo l’8 per cento dei reflui domestici e industriali vengono trattati; nei paesi ad alto reddito, il girone dei ricchi, la percentuale sale al 70 per cento. Ricchi e poveri, gente che spreca e gente che crepe; famiglie che vivono nella sicurezza alimentare e sanitaria, famiglie che vivono di fatto nelle fogne. L’acqua, e la sua intollerabile distribuzione, ci segnala, come un termometro che sale alle stelle, la temperatura tropicale che avvolge nell’impotenza le grandi organizzazioni sovranazionali, dall’Onu all’Unicef, rispetto a questo problema planetario. Un motivo in più per farcene carico noi, singole persone e singole comunità, quotidianamente, con semplicità ma anche con efficacia.

Di fronte a questo scenario, non sprecare l’acqua, attraverso i comportamenti di tutti i giorni, gli stili di vita non francescani ma ispirati al buonsenso ed a un briciolo di responsabilità, diventa un gesto rivoluzionario. Dirompente. Gesto che evoca una necessità (ridurre i consumi di acqua), ma anche una responsabilità (non essere indifferenti rispetto a chi non ha accesso all’acqua).

PER APPROFONDIRE: Non sprecate l’acqua in casa, tutte le regole per tagliare i consumi

SPRECHI QUOTIDIANI DI ACQUA

Basta partire da un numero: 192 litri a testa. Il nostro consumo pro capite, pari a 70mila litri l’anno, uno dei più alti del mondo. Decisamente troppi. Una bulimia che nasconde anche tanti sprechi, compresi quelli più insidiosi dei quali neanche più ci accorgiamo.

IMPORTANZA DELL’ACQUA NEL MONDO

In questo sito offriamo ai nostri lettori un piccolo e chiaro vademecum per evitare gli sprechi di acqua in casa. In fondo, nessuno potrà dire che è difficile chiudere un rubinetto dell’acqua mentre si lavano i denti, oppure installare un frangigetto che, da solo, vale un meno trenta per cento della spesa. E nessuno potrà dirci che è complicato usare la doccia più della vasca, oppure non lavare l’auto tutte le settimane. Sono gesti semplici, ma essenziali. Pensateci, e non solo in occasione della Giornata mondiale dell’acqua (22 marzo di ogni anno): conviene a voi, e in fondo conviene a tutto il Pianeta.

GESTI SEMPLICI PER RIDURRE IL CONSUMO DI ACQUA:

LEGGI ANCHE: