Acqua per produrre carne - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Quanta acqua serve per produrre la carne?

La media mondiale è di 15.415 litri di acqua ogni chilo di carne bovina, in Italia siamo a 11.415 litri

L’80-90% risorse idriche usate fanno parte del naturale ciclo dell’acqua e vengono restituite all’ambiente come l’acqua piovana. La sostenibilità della produzione di carni si può valutare per gli aspetti delle emissioni e dell’impronta idrica. Per quanto riguarda il primo aspetto, il settore della zootecnia mondiale, comprensivo delle produzioni di carni, latticini e uova, impatta per circa il 14,5% di tutte le emissioni. Sul tema dell’impronta idrica, va considerato che il water footprint è dato dalla somma di tre contributi in parte reali e in parte virtuali: l’acqua di evapotraspirazione utilizzata dalle piante per vivere (green water), l’acqua effettivamente utilizzata dai processi produttivi o per irrigare i campi (blue water) e l’acqua virtualmente necessaria a diluire e depurare gli scarichi (grey water).

QUANTA ACQUA SERVE PER PRODURRE LA CARNE

Per i prodotti agroalimentari, la componente di “acqua verde” è di gran lunga la più significativa delle tre, arrivando a costituire la quasi totalità dell’impatto.

Ovviamente non tutti i tipi di carne hanno lo stesso consumo di acqua, e l’impronta idrica cambia, e di molto, per esempio tra il manzo e il pollo.

A livello complessivo l’intero settore delle carni (bovino, avicolo e suino) impiega per l’80-90% risorse idriche che fanno parte del naturale ciclo dell’acqua e che vengono restituite all’ambiente come l’acqua piovana; solo il 10-20% dell’acqua necessaria per produrre 1 kg di carne viene quindi effettivamente consumata.

CONSUMO DI ACQUA PER PRODURRE CARNE IN ITALIA

Il water footprint della produzione di carne bovina in Italia si attesta a 11.500 litri di acqua per produrre 1 kg di carne (il 25% in meno rispetto ai 15.415 della media mondiale), e solo il 13% (1.495 l) di questa viene effettivamente “consumato”. Il restante 87%, è quindi costituita da “green water”, ovvero l’acqua piovana impiegata nella coltivazione delle materie prime per l’alimentazione degli animali.

QUANTA ACQUA SERVE PER PRODURRE UN CHILO DI CARNE?

Considerando la quantità di carne bovina consigliata in una dieta equilibrata (2 porzioni da 70 – 100 gr alla settimana), emerge che mangiare carne in giusta quantità non comporta un aumento significativo dell’impatto ambientale, arrivando ad un consumo effettivo di circa 300 litri di acqua alla settimana. Sulla base della tipologia di carne i consumi di acqua variano molto. A fronte dei 15.415 litri che servono per realizzare un chilo di carne di manzo, ci sono 6.000 litri per un chilo di carne di maiale e 4.300 litri per un chilo di carne di pollo.

LEGGI ANCHE: Anche attraverso il cibo si sprecano enormi quantità d’acqua, ecco tutti gli errori

QUANTA ACQUA SERVE PER PRODURRE UN HAMBURGER?

La tipologia di carne che prevede il minore consumo di acqua è l’hamburgerPer un taglio da cento grammi, bastano 180 litri di acqua. Una percentuale molto bassa, se la confrontiamo ai numeri dei sostitutivi vegetali. Teniamo presente che un burger di soia di 150 grammi, sempre secondo i calcoli del Water Footprint Network, ha un consumo di acqua di 160 litri.

ACQUA PER PRODURRE CARNE

Le ragioni del minore volume di acqua impiegata nelle produzioni italiane, sono da ricercarsi nel sistema zootecnico nazionale che, essendo basato sulla combinazione di allevamenti estensivi ed intensivi, permette di ottenere una buona efficienza in termini di risorse impiegate per kg di carne prodotta. Oltre a questo è da osservare come la produzione bovina italiana avvenga prevalentemente nelle zone più vocate e con la maggiore disponibilità di acqua (ad esempio lungo il fiume Po e dei suoi affluenti).

COME SENTIRSI IN FORMA:

  1. Come dormire bene, le 10 regole d’oro per non sprecare il sonno. E guadagnare salute (video)
  2. Perché mangiare il pesce fa bene (e come farlo piacere ai bambini)
  3. Come mangiare sano ed economico in 10 mosse e senza rinunciare al piacere del cibo
Share

<