Questo sito contribuisce all'audience di

Dieci anni di crisi della pesca

di Posted on
Condivisioni

La crisi economica si riflette sul comparto ittico che soffre da tempo per una situazione di difficoltà legata alle restrizioni sullo sforzo di pesca, alle nuove norme europee e al caro gasolio. Dati alla mano negli ultimi dieci anni il settore della pesca italiana ha registrato un calo della produttività pari al 48,8 %, una riduzione del fatturato pari al 31 per cento e un crollo dei livelli occupazionali pari a 17.000 posti di lavoro.

Non solo: al sovrapporsi della crisi produttiva, economica, occupazionale e ambientale, e al sempre più complesso processo di adeguamento alle norme Ue, pesa sull’andamento del comparto anche il predominio incontrastato dell’import e di un deficit in peggioramento di 3,5 miliardi di euro nel solo 2010. I pescatori italiani invocano misure urgenti, come la possibilità di accedere alle risorse residue del pacchetto anticrisi varato nel 2009. Anche perché i fondi destinati alla cosiddetta “Programmazione triennale” sono calati dal 2001 ad oggi del 77 per cento.

E chiedono la semplificazione della vendita diretta a Km zero per sostenere il reddito dei pescatori e tutelare nel contempo i consumatori con prodotti freschi e prezzi contenuti. Oltre a queste richieste “politiche”, gli operatori del settore mettono in atto iniziative volte da un lato a ridurre la pressione sugli stock ittici, e dall’altro ad aprire nuove opportunità di mercato. "Mangiamoli giusti" promosso da Slow Fish è un modo per “spostare l’attenzione” dei consumatori dalle "soliti noti" a specie ittiche spesso dimenticate ma non per questo meno gustose. Con tanto di cuochi-pescatori che si mettono ai fornelli nei ristoranti delle città italiane.

Ecoseven