Questo sito contribuisce all'audience di

Cibo in estate, per non sprecarlo subito in frigorifero dopo la spesa. E consumare gli alimenti riposti per primi

La stagione estiva è quella con la più alta percentuale di sprechi di cibo. Per evitarli, c'è il decalogo del Movimento difesa del cittadino. E il nostro buonsenso

Condivisioni

COME CONSERVARE IL CIBO IN ESTATE 

La stagione nella quale si concentrano i maggiori sprechi alimentari? L’estate. I motivi sono ovvi, e riguardano innanzitutto due fattori. Siamo meno attenti del solito nel fare la spesa, anche perché non vogliamo certo tutti i giorni, anche in vacanza, metterci in fila per i nostri acquisti di cibo. In secondo luogo, sottovalutiamo l’effetto temperature, ossia il caldo torrido che rende il cibo molto più deperibile, e anche più difficile da conservare. Tra l’altro d’estate si concentrano i maggiori rischi per la salute in seguito alla cattiva conservazione degli alimenti.
 
La catena a questo punto è chiara: per non sprecare cibo durante l’estate, bisogna saperlo conservare e fare la spesa con una particolare attenzione. Ecco perché suggeriamo ai nostri lettori di dare uno sguardo al decalogo preparato dal Movimento per la difesa del cittadino: 10 piccole regole, in pratica dei consigli, che vi consentono di fare un’estate con meno sprechi e più risparmi.

LEGGI ANCHE:  Frutta e verdura, come si conservano e non si sprecano durante l’estate

REGOLE PER CONSERVARE IL CIBO IN ESTATE

  1. Non dimenticare la differenza tra scadenza e termine minimo di conservazione. Nel caso del termine minimo di conservazione troveremo scritto “da consumarsi preferibilmente entro”. Si tratta della data fino alla quale il prodotto alimentare conserva le sue proprietà specifiche in adeguate condizioni di conservazione. La data di scadenza (“da consumarsi entro”) è invece la data entro la quale il prodotto va necessariamente consumato. Ricordati che questa è valida solo se rispettate le modalità di conservazione inserite in etichetta.
  2. Modalità di conservazione. In etichetta controlla la modalità di conservazione e rispettala al fine di non avviare processi di degradazione del prodotto che in estate possono essere più veloci.
  3. Non interrompere la catena del freddo. Acquista per ultimi i surgelati e usa le borse termiche, in modo che il trasporto del cibo dal negozio a casa avvenga nel più breve tempo possibile.
  4. Non perdere tempo. Appena arrivato a casa sistema subito la spesa, al fine di non interrompere la catena del freddo. Non dimenticare che ciò che hai comprato è stato esposto a temperature superiori anche durante il viaggio dal punto vendita a casa.
  5. Conosci il tuo frigo. Conoscere le stelle del proprio frigorifero è molto importante per poter valutare i tempi di conservazione dei cibi. In virtù della alte temperature, il termostato del frigo deve essere spostato su una temperatura più fredda rispetto all’inverno.
  6. Attenzione al frigo con 1 stella. Le stelle classificano gli scomparti più freddi dell’elettrodomestico. Con un frigo a 1 stella, ci troviamo davanti un elettrodomestico senza freezer separato, ma con il cosiddetto scomparto del ghiaccio dove si ha una temperatura inferiore ai -6° e che può garantire la conservazione di prodotti congelati e surgelati fino a una settimana. Nei periodi caldi attenzione a non aprire e chiudere frequentemente il frigo perché si rischia di fare salire troppo la temperatura e scongelare i cibi.
  7. First in first out“. Proprio perché durante le alte temperatura i cibi acquistati possono essere stati più facilmente esposti al caldo, è essenziale rispettare la regola del “primo dentro primo fuori”, ovvero consumare per primi gli alimenti che sono stati riposti per primi in frigorifero.
  8. Conservare a temperatura ambiente. Per quanto riguarda tutti quei prodotti che si possono conservare a temperatura ambiente, come la pasta o i biscotti, prestare attenzione a spostarli se riposti in zone particolarmente esposte al caldo, dove temperatura e umidità potrebbero essere troppo alte. Una volta aperti è importante che siano riposti in contenitori chiusi.
  9. Ortofrutta al punto giusto. Per quanto riguarda prodotti freschi come l’ortofrutta, scegliere prodotti con il giusto grado di maturazione, quindi non troppo maturi. Una volta a casa, riporli nello scomparto apposito del frigo (a meno che non si voglia consumarli subito) in sacchetti di carta.
  10. Appena puoi cuoci i cibi acquistati. Evita di lasciare troppo tempo a temperatura ambiente o in frigorifero alimenti altamente deperibili che vanno consumati cotti, come il pesce o la carne.

LE MIGLIORI RICETTE ESTIVE PER RECUPERARE CIBO AVANZATO: