Questo sito contribuisce all'audience di

Come dimagrire senza dieta e senza spese: 10 regole d’oro da seguire in cucina

I consigli dello psicologo nutrizionista Brian Wansick, autore del libro Slim by design, per perdere peso senza tante rinunce.

di Posted on
Condivisioni

COME DIMAGRIRE SENZA DIETA –

Non bisogna per forza soffrire per dimagrire. Possiamo difenderci e migliorare benessere fisico, e forma, anche attraverso alcuni accorgimenti, senza troppe rinunce. Ma con molta efficacia. Perfino con gli arredi: luci troppo basse e al neon, per esempio, portano a mangiare di più. Con il jazz in sottofondo, invece, il consumo di cibo si riduce del 18 per cento. Oppure: non mettete le cose più grasse, e più caloriche, troppo in evidenza in cucina. Basta avere delle patatine fritte sempre a disposizione sul bancone della cucina per accumulare in un anno 3,6 chili in più.

Dimagrire senza dieta, senza stress, e senza costose e inutili diete è possibile. Ma soltanto partendo dalla cucina, da come si organizza una tavola, si predispongono i piatti e i bicchieri, si attrezza il luogo dove mangiamo.

LEGGI ANCHE: Dimagrire con l’acqua, la dieta giusta a costo zero e senza sforzi

COME DIMAGRIRE SENZA DIETA E RINUNCE –

Ecco dieci regole d’oro, semplici ed efficaci, scolpite in un libro, Slim by design, appena pubblicato negli Stati uniti e già diventato un best seller. Lo ha scritto Brian Wansick, psicologo nutrizionista e direttore del Food and Brand Lab alla Cornell University di Ithaca, New York:

  • Evitare che il colore del piatto sia simile a quello del cibo. Mangiamo, in questo caso, il 18 per cento del cibo in meno.
  • Scegliere piatti meno larghi: non 30 centimetri, ne bastano 25. Una mossa che vale il 22 per cento di cibo in meno.
  • Il vino bisogna versarlo con il bicchiere poggiato sul tavolo e non stretto tra le mani. La dose scende del 12 per cento.
  • Meglio, sempre per  il vino, bicchieri stretti e alti. Consentono di versare il 10 per cento in meno di vino.
  • Frutta e verdura, a tavola come in cucina, devono essere sempre a vista. Chi segue questa banale regola pesa, in media, 3 chilogrammi in meno di chi non lo fa.
  • Al contrario, confezioni di biscotti o di cereali non devono trovarsi a portata di mano, ma essere tenuti nascosti. Chi non lo fa accumula quasi 10 chili di peso.
  • Il piano della cucina, specie quando si è soli, è un luogo giusto per mangiare. Evitando la tavola si induce a mangiare il 19 per cento in meno.
  • Attenzione alle portate più vicine a noi, quando si mangia. Se sono, per esempio, formaggi o salumi, si rischia di ingrassare; al contrario se si tratta di verdure, la dieta diventa automatica.
  • Anche per le posate, come per i piatti e i bicchieri, è meglio scegliere quelle più piccole. Riducono in media il cibo ingoiato del 14 per cento.
  • Al ristorante, sedersi vicino alla finestra oppure in un punto ben illuminato induce a scegliere portate più sane. Chi invece si sistema a un tavolo in penombra mangia meno verdura e più piatti calorici e ricchi di grassi.

PER APPROFONDIRE: Dieta, come perdere peso senza esagerazioni

LEGGI ANCHE: