Dieta Plank: cos'è, come funziona, menu, controindicazioni | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Dieta Plank: come funziona la famosa dieta lampo, menu, controindicazioni

Promette di far perdere 9 chili in 2 settimane. Predilige proteine di origine animale. Ma i nutrizionisti la sconsigliano. Non è bilanciata.

La dieta Plank è un regime alimentare iperproteico e ipocalorico che permette di perdere parecchi chili in breve tempo. Nove in due settimane. Ed è anche per questo che si è guadagnata molta popolarità. Ma funziona davvero? E soprattutto fa bene? Dal momento che predilige proteine di origine animale, il cui consumo eccessivo non è consigliato, e rientra a tutti gli effetti nell’ambito delle diete lampo, non è il massimo in termini di salute secondo i nutrizionisti. Scopriamo perché e come funziona. E confrontiamola con un’altra dieta efficace: la Melarossa.

DIETA PLANK: COME FUNZIONA

Dicevamo che si tratta di una dieta iperproteica e ipocalorica che riduce moltissimo le calorie derivanti dai carboidrati e che privilegia le proteine di origine animale. Come funziona?

  • Dura 14 giorni;
  • Il menu che propone è valido per tutti e non tiene conto di tutta una serie di fattori individuali, dall’Indice di massa corporea all’età per esempio;
  • Elimina i carboidrati semplici e complessi;
  • Prevede il consumo di cibi con molte proteine di origine animale (uova, carne di pollo, vitello, manzo, cavallo, pesce);
  • Prevede il consumo di verdure poco condite;
  • Elimina bevande alcoliche e zuccherate.

LEGGI ANCHE: Melarossa: cos’è e come funziona la dieta personalizzata che impazza sul web

QUANTO FA PERDERE LA DIETA PLANK?

La dieta Plank dura 14 giorni e non prevede una fase di mantenimento. In questo periodo limitato di tempo permette di perdere 9 chili. Purché ci si attenga in modo molto rigoroso alle indicazioni. Se è vero che il tempo è limitato, trattandosi di un regime dietetico molto restrittivo, può comunque provocare problemi.

dieta Plank

dieta Plank

MENU

La dieta Plank prevede 3 pasti al giorno, di cui una colazione a base di caffè e pane, pranzo e cena a base di proteine di origine animale (pesce, carne, uova ecc.) accompagnate da verdure varie. Pasta, zuccheri, cereali sono tutti vietati.

Ecco un esempio di menu.

  • GIORNO 1
    Colazione: caffè
    Pranzo: 2 uova sode, spinaci
    Cena: bistecca e insalata
  • GIORNO 2
    Colazione: caffè e pane integrale
    Pranzo: bistecca, insalata e un frutto
    Cena: prosciutto e arancia
  • GIORNO 3
    Colazione: caffè e pane integrale
    Pranzo: 2 uova sode e pomodori
    Cena: prosciutto cotto e insalata
  • GIORNO 4
    Colazione: caffè e pane integrale
    Pranzo: un uovo sodo, formaggio e carote
    Cena: yogurt scremato e un frutto
  • GIORNO 5
    Colazione: caffè e pane integrale
    Pranzo: pesce e pomodori
    Cena: bistecca e insalata
  • GIORNO 6
    Colazione: caffè e pane integrale
    Pranzo: petto di pollo
    Cena: un uovo sodo e carote
  • GIORNO 7
    Colazione: una tazza di tè
    Pranzo: bistecca alla griglia e un frutto
    Cena: a scelta

LEGGI ANCHE: Dieta a zona: cos’è, come funziona e perché è spesso criticata

CONTRO

Come tutte le diete lampo, anche la dieta Plank rischia di non durare nel tempo perché priva l’organismo di tutta una serie di nutrienti che sono importanti per il metabolismo. Inoltre consumare solo proteine animali non è il massimo dal punto di vista della salute perché tende ad aumentare la produzione di sostanze di scarto che affaticano il corpo.

Gli esperti di nutrizione generalmente la sconsigliano, come si legge anche su medicinalive, privilegiando diete a medio-lungo termine, più equilibrate e sane.

I contro sono i seguenti:

  • Essendo una dieta povera di carboidrati ed eccessivamente proteica, può aumentare il rischio di problemi cardiovascolari;
  • Può affaticare il fegato;
  • Può affaticare i reni;
  • Rischia di non durare nel tempo, facendo riprendere tutti i chili persi non appena la si interrompe;
  • Tende a impigrire il metabolismo.

COME PERDERE PESO IN MODO EQUILIBRATO: 

Share

<