Questo sito contribuisce alla audience di

Cani e gatti in corsia degli ospedali per aiutare i malati ricoverati

Porte aperte in Lombardia, Emilia Romagna, Toscana e Veneto. Gli animali danno tranquillità e rilassano i ricoverati. Ma attenzione alle condizioni igieniche: ci sono già troppi casi di infezione nelle nostra strutture sanitarie.

Cani e gatti in corsia degli ospedali per aiutare i malati ricoverati
Animali domestici negli ospedali: i vantaggi
di
Condivisioni

ANIMALI DOMESTICI NEGLI OSPEDALI -

Cani e gatti in corsia. Sono sempre di più gli ospedali pubblici che aprono le porte agli animali domestici, consentendo le visite ai pazienti-padroni. L’ultimo caso è quello di Treviglio, in provincia di Bergamo, dove sono state aperte le porte ai cani, dopo accurati controlli. Stessa procedura in Toscana, Emilia Romagna, Liguria e Veneto. Al San Martino di Firenze con cani e gatti possono entrare anche i conigli.

LEGGI ANCHE: Animali domestici, aiutano il cuore, abbassano la pressione e sostituiscono i farmaci

CANI E GATTI IN OSPEDALE: I VANTAGGI -

Quali sono i vantaggi di questi permessi? I cani si muovono e si comportano sulla base dei reparti dove si trovano: in pediatria suscitano sorrisi, in geriatria si fanno accarezzare. E tutto ciò aiuta i malati, perché li avvicinano alla normalità della vita quotidiana, che per molti significa una piena guarigione, li rilassano e li tranquillizzano, specie laddove i pazienti sono sottoposti a particolari stress. Inoltre fanno una preziosa compagnia.

I REPARTI IN CUI NON POSSONO ACCEDERE GLI ANIMALI -

Ovviamente non tutti i reparti sono stati aperti agli animali domestici. Cani e gatti non hanno comunque accesso ai reparti di terapia intensiva, non possono entrare nelle aree per le malattie cardiovascolari e tantomeno nelle sale operatorie. Inoltre devono essere al guinzaglio, lavati e puliti, e controllati prima dell’accesso in ospedale.

Che dire? L’idea è buona, ma non bisogna esagerare. I nostri ospedali talvolta non brillano per condizioni igieniche, e sono davvero tanti i casi di pazienti che proprio in corsia si ritrovano a fare i conti con qualche pericolosa infezione. Quindi sì agli animali in corsia, ma con le dovute precauzioni.

PER APPROFONDIRE: Animali domestici, aiutano i bambini a sconfiggere le varie allergie

Ultime Notizie:

Test su emissioni auto, il grande bluff italiano

Test su emissioni auto, il grande bluff italiano

Dovevano essere mille, secondo l’annuncio in pompa magna televisiva del ministro Graziano Del Rio nel lontano 2015. In realtà ne sono stati fatti appena 25. Colpa della burocrazia, probabilmente, ma anche di ministri che fanno annunci e promesse. E poi non sanno come mantenerle.

continua »