Questo sito contribuisce all'audience di

A Roma i gatti abbandonati li salvano gli sfrattati

Trecento gatti salvati dall’aiuto di un gruppo di famiglie senza casa: un gesto di grande generosità. Ecco le associazioni più attive per avere un gatto in adozione, anche a distanza.

Condivisioni

COME ADOTTARE UN GATTO ABBANDONATO A ROMA –

Nella Roma degli egoismi e dell’indifferenza generale ci sono esempi straordinari di solidarietà e di generosità. Anche per gli animali. È il caso di un gruppo di famiglie di sfrattati che hanno alloggi provvisori nel Residence Borgo del Poggio in via di Fioranello. Le loro vite sono quasi da nomadi, precarie, con un futuro nebuloso e senza alcuna certezza neanche sulla casa. Ebbene: queste famiglie di sfrattati hanno deciso di adottare ben 300 gatti abbandonati nella zona, e così li hanno salvati. Li sfamano, li curano, li controllano, come se fossero di loro proprietà.

LEGGI ANCHE: Gattolandia, a Monza il rifugio in cui i gatti abbandonati vengono nutriti e coccolati

GATTI DA ADOTTARE A ROMA –

Il comune di Roma, sempre in affanno finanziario, non fa veramente nulla per cani e gatti abbandonati in città. E tutto si regge sulle iniziative dei privati, come quella delle famiglie di Borgo del Poggio. Ci sono associazioni molto attive, sul territorio, che si prendono cura di cani e gatti abbandonati, come l’Arca e la Colonia felina di Torre Argentina. Contattandole, anche via mail, è possibile avere un gatto in adozione, reale o a distanza. E ci sono colonie e gattili in tutta Italia: se avete intenzione di adottare un gatto, contattate le strutture presenti nella vostra zona.

PER APPROFONDIRE: Gatti in ufficio per combattere lo stress e migliorare la produttività dei dipendenti