Isole italiane d'inverno - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Isole d’inverno, quelle da non perdere in Italia. Come si raggiungono, che cosa offrono e bellezze naturali da vedere. Non solo mare…(foto)

Isola d’Elba: 190 spiagge per passeggiare, e il magnifico panorama dalla vetta del Monte Capanne. Ischia, per bagni e cure termali. A Lampedusa con aerei low cost

Condivisioni

ISOLE ITALIANE D’INVERNO

Al mare, nelle isole, tra le più belle al mondo, in pieno inverno. Può sembrare un’eresia da viaggio eccentrico, anche solo per un fine settimana, è invece è una scelta da perfetto turismo sostenibile. Con molte sorprese, molti risparmi e zero sprechi.

Alcune isole italiane, infatti, offrono opportunità uniche per goderle proprio durante la stagione invernale, ovvero “fuori stagione”, quando la parola folla non è contemplata in questi luoghi. E quando finalmente potete andare alla scoperta di bellezze naturali e storiche, angoli unici per il panorama come per l’aria pura che potete respirare.  Le isole italiane d’inverno sono posti decisamente più interessanti dei costosi, e talvolta privi di senso e di sapore, viaggi invernali nei paesi tropicali, o in altre zone calde, in inverno, nel mondo.

LEGGI ANCHE: Con la cultura non solo si mangia, ma si rinasce: il caso Matera. Che cosa vedere, che cosa comprare e dove dormire in questa città-scrigno (foto)

IL FASCINO DELLE ISOLE ITALIANE D’INVERNO

Ecco una selezione delle isole più interessanti e attrezzate per queste escursioni invernali. Da non sprecare.

Isola d’Elba, Toscana

La più grande delle sette isole dell’Arcipelago Toscano, piena di tesori naturalistici e paesaggistici. Le spiagge dell’Elba sono tutte diverse, con sabbia dorata oppure nera a soli pochi chilometri di distanza. Anche il panorama è assolutamente eclettico: con un solo colpo d’occhio si può spaziare dal livello del mare ai 1.000 metri della vetta del Monte Capanne. Impossibile, per la quantità di possibilità che ci sono, delineare un itinerario preciso: su 147 chilometri di costa si contano 190 le spiagge, meravigliose e silenziose durante l’inverno. Magiche, per passeggiare.

I traghetti Elba partono da Piombino, in provincia di Livorno, località raggiungibile facilmente in auto, bus o treno. Se si imbarca l’auto, però, tenete presente che all’Isola d’Elba non ci sono distributori GPL o metano per auto e c’è l’obbligo di salire sui traghetti con l’impianto a gas spento.

Ponza, Lazio

Questa piccola isola in provincia di Latina, è la più estesa delle Isole Ponziane, arcipelago del Mar Tirreno. Da vedere, a Ponza, ben 41 km di coste ricche di insenature, cale e faraglioni nascosti dalla tipica vegetazione mediterranea: agavi, fichi d’India e ginestre. Curiosità: sono ben 15 i film girati sull’isola, scelta proprio perché sembra che lì il tempo si sia fermato. Fellini la scelse per girarvi il suo Satyricon.

Da vedere, a Ponza, cala Felci, Chiaia di Luna e Frontone. Ci si arriva facilmente in traghetto da Anzio, Terracina e Formia, con traghetti quasi ad ogni ora. Le auto possono essere imbarcate solo da Terracina, ma a Ponza non servono a nulla. Né d’estate né d’inverno.

Capri, Campania

La regina delle isole d’Italia, è nella top-ten delle isole europee, sia per la bellezza dei suoi vicoli e dei suoi scorci ,sia per l’ospitalità e la qualità delle strutture ricettive sul territorio.

Faraglioni, Villa San Michele, Grotta Azzurra, Villa Jovis, Monte Solaro, la piazzetta: tutte mete uniche, e molto fascinose quando non sono invase dai turisti. Inoltre Capri è molto adatta, durante l’inverno, a fare salutari passeggiate, a scoprire il piacere unico del silenzio, rotto solo dai sinuosi rumori del mare, e magari delle onde.
A Capri, ovviamente si arriva via mare: vi sono collegamenti quotidiani tramite traghetti e aliscafi che partono da Napoli e Sorrento. Si può portare con sé auto o moto, nel periodo invernale, poiché lo sbarco di veicoli a motore dei non residenti è consentito solo da novembre a Pasqua: in ogni caso, è preferibile evitare di spostarsi con auto e moto, molto meglio andare a piedi. E se proprio non volete rinunciare a un mezzo di locomozione, fate sempre una telefonata al comando dei vigili urbani per verificare la possibilità di sbarcare.

Per dormire low cost c’è solo l’imbarazzo della scelta, a Capri durante l’inverno: piccoli alberghi a prezzi ragionevoli, qualche b&b e camere in affitto molto speciali. Basta informarsi presso gli uffici dell’Ufficio turistico di Capri, aperto anche durante i mesi invernali. 

Ischia, Campania

Parte integrante dell’arcipelago delle Isole Flegree, Ischia è una meta meravigliosa per gli appassionati del mare ma anche delle terme: quelle di Casamicciola, per esempio, sono uno dei centri termali più antichi d’Italia. Ma anche le terme di Ischia porto, le più attrezzate fuori dai mesi estivi sono molto comode e salutari.

 Da vedere? Il Castello Aragonese e la Torre di Guevara che si raggiungono grazie a un ponte pedonale. Ma potete girare per uno qualsiasi dei comuni dell’isola: Ischia ha una vita invernale molto attiva e intensa, c’è tutto, anche il cinema e i locali lavorano, come in estate giorno e notte. Il nostro consiglio è molto specifico: dedicatevi a una passeggiata nella zona di Sant’Angelo, un vero scrigno del bello, del naturale e del mare mozzafiato.

A Ischia anche in inverno si arriva facilmente in traghetto, partendo da Napoli,  con auto o moto al seguito se necessario. Certo: l’isola è molto grande e quindi può fare comodo avere una macchina o una motocicletta, ma tenete conto che gli autobus a Ischia funzionano bene, anche d’inverno. E sono ecologici.

PER APPROFONDIRE: I segreti di Oslo, capitale mondiale del green e della Sostenibilità. Un terzo degli spostamenti si fanno a piedi. I luoghi più belli da vedere (foto)

Lampedusa, Sicilia

Spostandosi di qualche chilometro, più a Sud rispetto alle isole della Campania, eccoci in Sicilia. E in particolare nella meravigliosa Lampedusa, l’isola più grande dell’arcipelago delle Pelagie. Lampedusa è molto amata per le sue spiagge di sabbia bianchissima (non perdete la spiaggia dei Conigli), lo splendido mare azzurro dai fondali incontaminati le riserve naturali dove si possono osservare dal vivo le tartarughe Caretta Caretta.

Lampedusa è uno dei luoghi più ospitali e unici per la cordialità degli abitanti, anche durante l’inverno. Troverete grande cucina, grande qualità di cibo e di vino, e prodotti made in Sicilia, come arance e frutta, che in altre parti d’Italia, durante l’inverno, è davvero difficile gustare.  

Nel periodo invernale a Lampedusa si può arrivare tutti i giorni in aereo dalle principali città siciliane quali Palermo e Catania con un volo di un’oretta scarsa ( ci sono diverse offerte per viaggi low cost), oppure tutti i giorni per tutto l’anno anche in traghetto, viaggiando da Porto Empedocle per 8 ore circa.

Favignana, Sicilia

L’isola di Favignana, nelle Egadi, è considerata una delle più belle tra le isole siciliane, perfetta per gli appassionati di snorkeling grazie al mare limpido e cristallino. E’ un’isola ideale per le passeggiate visti gli scorci del panorama.

Per arrivare a Favignana si può prendere l’aereo, atterrando a Trapani Birgi oppure a Palermo, gli scali più vicini, oppure preferire la soluzione traghetto partendo da Genova, Livorno e Napoli.

Se si volesse arrivare a Favignana con un’imbarcazione propria (è possibile noleggiare barche anche per l’inverno, in Sicilia), si tenga presente che il punto di rifornimento carburante si trova direttamente nel porto turistico, che nei suoi pontili galleggianti offre acqua e luce, assistenza ormeggiatori e carburante.

Asinara o Isola del Diavolo, Sardegna

L’Asinara è più un paradiso in mezzo al mare, con le scogliere ripide e le baie con sabbia bianca e acqua cristallina. In passato l’isola, seconda a Sant’Antioco per dimensioni, era stata sede di un carcere di massima sicurezza negli anni di piombo, un lazzaretto nei tempi della peste e un campo di prigionia durante la Prima Guerra Mondiale. Oggi è un bellissimo Parco Nazionale e riserva di flora e fauna. Da non perdere i giardini dell’ex carcere realizzati dai detenuti dell’anonima sarda tra il 1980 e il 1981, con le loro aiuole a forma di stelle, uccelli e ancore cariche di rose e gerani rossi.

Per arrivare all’isola dell’Asinara bisogna usare un traghetto che parta da Porto Torres o da Stintino (altro luogo magico, con la sua spiaggia unica), ma si può arrivare anche con imbarcazione propria, stando molto attenti a non navigare nelle acque della riserva marina.

I CONSIGLI PIÙ IMPORTANTI PER VIAGGIARE COMODI E SICURI