Come evitare rischi quando si esce di casa | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Coronavirus, come non rischiare l’infezione quando si esce di casa. Cinque consigli

Sempre a un metro di distanza dagli altri. E sempre mani super pulite. Quando le mascherine sono inutili. E come starnutire e tossire

Il ritorno alla normalità sotto i colpi del trauma del coronavirus, nella nostra vita quotidiana, passa per una scelta fondamentale: uscire di casa. Liberamente e senza paura. E senza sprecare la possibilità di continuare una vita normale, nonostante le difficoltà e le preoccupazioni del momento.  Per questo obiettivo, ecco 5 semplici ma essenziali consigli, tutti utili. Con una premessa: chi vive nelle zone dove i contagi sono più alti, e ha un’età avanzata oppure condizioni di salute precarie, è bene che rinunci ancora, fino al ritorno a una completa normalità, a uscire di casa.

(Photo credit: Vincenzo Delnegro/Shutterstock.com)

LEGGI ANCHE: Coronavirus, ecco quando finirà. Come si vede l’uscita dal tunnel

COME EVITARE RISCHI QUANDO SI ESCE DI CASA

E vediamo i nostri 5 consigli per non sprecare, in tempi di coronavirus, il piacere e l’utilità della vita normale.

La distanza di sicurezza. Stando alle medie aritmetiche, gli esperti parlano di 1,85 metri. In realtà basta stare a un metro di distanza, in un qualsiasi luogo pubblico, per non correre alcun rischio di contagio. Il virus infatti si trasmette attraverso le alte vie respiratorie, tramite le famose goccioline emesse dalla persona colpita dal virus. Con la saliva, la tosse, gli starnuti, le lacrime, e la stretta di mani non lavate.

Starnuti e tosse. Quando siete fuori casa e dovete starnutire o avete un colpo di tosse, fatelo a distanza di sicurezza dalle altre persone. Usate il fazzoletto o l’incavo del gomito. E lavatevi le mani dopo che avete toccato il fazzoletto.

Come si lavano le mani. Per venti secondi, con acqua e sapone, intrecciando le dita, frizionando bene palmo contro palmo. Quando? Dopo avere tossito e starnutito, prima e dopo mangiato, quando siete andati in bagno. E ogni volta che sentite la possibilità di avere le mani sporche. Per capire l’essenzialità delle mani pulite, tenete presente due fattori. Il primo: il 60 per cento dei contagi avvengono attraverso le mani. Il secondo: in un solo giorno ci tocchiamo il viso, senza neanche accorgercene, migliaia di volte. Con le mani. Meglio dunque che siano ben pulite.

Mascherine. Non sprecate soldi e non fate cose inutili e goffe. Uscite con la mascherina solo in due casi. Se avete la preoccupazione di essere portatori di un contagio, oppure se dovete stare a contatto con una persona infetta. Per il resto, la mascherina non serve a nulla.

Superfici. Tenete presente, quando per esempio state sorseggiando un caffè al bancone del vostro bar, che la diffusione del virus attraverso le superfici è piuttosto rara. In ogni caso, il coronavirus scompare in meno di un minuto nel momento in cui la superficie viene disinfettata a base di alcol etilico. Una semplice precauzione da parte del titolare del locale che state frequentando e i rischi per i clienti si azzerano.

(Photo credit: Grabowski Foto/Shutterstock.com)

Immagine di copertina: Vincenzo Delnegro/Shutterstock.com

CORONAVIRUS: IL NOSTRO SPECIALE

Shares