Questo sito contribuisce all'audience di

Chef in tv, uccidono animali e sparano balle. Non guardiamoli…

Cracco cucina un piccione selvatico, cosa vietata dalla legge. Vissani afferma che l’acqua comunale è piena di cloro: ma dove lo ha letto? Per fermarli c’è un solo modo: cambiare canale quando vanno in onda.

di Posted on
Condivisioni

CHEF ITALIANI IN TV –

L’ultimo caso è quello del noto chef Carlo Cracco che si è presentato in televisione e ha cucinato in diretta un piccione selvatico. Cosa vietata dalla legge. L’associazione animalista Aidaa lo ha denunciato, ma la Procura della Repubblica ha deciso di archiviare l’inchiesta.

LEGGI ANCHE: Basta con gli chef in televisione, sono gli opinionisti del nulla

CHEF STELLATI OPINIONISTI IN TV –

Bene. Non è certo la via giudiziaria quella giusta per fermare l’orgia degli chef televisivi che ne combinano, impunemente, di tutti i colori. Uccidono animali, e già questo è un gesto sbagliato, inutile. Presentano ricette improbabili, da cucina stellare e sprecona: il contrario dei menù che invece dobbiamo far conoscere al grande pubblico. In Danimarca, solo per fare un esempio, i grandi chef hanno dato un contributo decisivo alla lotta contro gli sprechi alimentari domestici, presentando ricette semplici, anche a base del riciclo di avanzi. Perché non fare qualcosa del genere anche in Italia?

LA CUCINA SPRECONA DEGLI CHEF –

Infine, questi signori della cucina finta e sprecona, si improvvisano opinionisti a tutto tondo. E la sparano sempre più grossa. Qualche sera fa Gianfranco Vissani, durante un talk show su una rete nazionale, si è presentato a raccontare balle sull’acqua pubblica, quella del sindaco. Ha iniziato a dire che è piena di cloro (ma dove lo ha letto?), pericolosa per la salute (altro falso allarme), e ha confessato che lui cucina solo con la minerale. Già, forse per questo fa pagare come oro i suoi menù.

COME FERMARE GLI CHEF DEL NULLA –

Per fermare gli chef del nulla, non abbiamo bisogno né della polizia né della magistratura. Né possiamo fare affidamento sui direttori delle reti che pensano solo agli ascolti. Ma grazie al buonsenso, e alla libertà di scelta, abbiamo un mezzo formidabile per bloccarli: cambiare canale quando vanno in onda.

(L’immagine di copertina è tratta dalla pagina Facebook dello chef Carlo Cracco)

PER APPROFONDIRE: Università del cibo, boom in Italia. Ma non creiamo fabbriche di disoccupati

LEGGI ANCHE: